Glamora

Mobilspazio

Made Expo

Caccaro


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Portamazione

Renzo Piano firma 'Diogene': il più piccolo edificio del Vitra Campus
Un apparato sperimentale volto a testare le potenzialità della dimora minima
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  

17/06/2013 - Il 12 giugno scorso nel Campus Vitra di Weil am Rhein è stata costruita Diogene, una unità abitativa minima. Sulla collina tra la VitraHaus e la cupola geodetica, l'architetto italiano Renzo Piano ha sviluppato con il Renzo Piano Building Workshop (RPBW) il più piccolo edificio del Campus, che è nel contempo il più grande prodotto Vitra. 

L'idea della dimora minima, spiega Renzo Piano in un’intervista, lo aveva incuriosito sin dagli anni dell’università, era per così dire un'ossessione, una “buona” ossessione. Uno spazio abitativo di due metri per due metri per due, lo spazio sufficiente per un letto, una sedia e un tavolino, era il tipico sogno di uno studente di architettura.

 

A quel tempo non poteva realizzare quest'idea, ma verso la fine degli anni Sessanta, quando Piano insegnava all’Architectural Association di Londra, costruì con i suoi studenti case in miniatura sulla Bedford Square. Nel corso della sua carriera l'architetto ha progettato inoltre barche, auto, e qualche anno fa le celle per il convento delle Clarisse di Ronchamp. Anche in quel caso si trattava di minimizzare l'ambiente abitativo, non per motivi di efficienza economica, bensì di rinuncia, di consapevole privazione.

La casa minima è un'idea che continua ad affascinare Piano, soprattutto in un momento in cui il suo ufficio si occupa di progetti di grandi dimensioni, come quello che, al momento del suo completamento nel 2012, era il grattacielo più alto d'Europa, lo Shard di Londra.

Circa dieci anni fa, Renzo Piano cominciò di propria iniziativa e senza committenti a sviluppare una piccola casa di questo tipo. A Genova vennero costruiti vari prototipi: in compensato, in cemento e, infine, in legno. L'ultima variante del progetto intitolato “Diogene” fu pubblicata nell'autunno del 2009 nell’edizione monografica “Being Renzo Piano” della rivista italiana “Abitare”: una casa in legno con tetto a due falde di 2,4 x 2,4 metri di superficie, una linea di colmo di 3,2 metri di altezza e del peso di 1,2 tonnellate. Tramite l’articolo di giornale, Piano presentò al pubblico la sua visione, osservando, tuttavia, in un commento, che occorreva un committente per proseguire con la realizzazione del progetto “Diogene”. Infine trovò il partner ideale in Rolf Fehlbaum, il Chairman di Vitra con cui a fine giugno 2010 decisero di promuovere il progetto. Dopo tre anni di progettazione e sviluppo, in occasione dell'Art Basel 2013, è stato presentato un nuovo prototipo di “Diogene” nel Vitra Campus, e, precisamente, nell'area verde antistante la VitraHaus.

“Diogene” non è un riparo di emergenza, ma un rifugio scelto volontariamente. Funziona in diverse condizioni climatiche e indipendentemente dalle infrastrutture esistenti, come sistema autonomo. L'acqua necessaria viene raccolta dalla casa stessa e pulita dopo l'uso, la corrente viene generata autonomamente e l'ingombro è ridotto al minimo.

“Diogene” prende il nome dall'antico filosofo Diogene, che viveva in una botte perché riteneva superfluo il lusso mondano, ed è una soluzione abitativa ridotta all’essenziale, che funziona in totale autonomia come sistema a circolo chiuso ed è pertanto indipendente dal suo ambiente. Con una superficie di 2,40 x 2,96 metri, può essere caricata su un camion già completamente assemblata e arredata e trasportata in qualsiasi luogo.

Nonostante “Diogene” corrisponda esternamente all'idea di una casa semplice, è in realtà un’opera ingegneristica altamente complessa, dotata di vari impianti e sistemi tecnici che garantiscono l'autosufficienza e l'indipendenza dalle infrastrutture locali: celle fotovoltaiche e pannelli solari, serbatoio di acqua piovana, toilette biologica, ventilazione naturale, finestre con doppia vetrocamera. Per ottimizzare il consumo energetico, Renzo Piano collabora con Matthias Schuler della nota società Transsolar, per la statica con Maurizio Milan (Favero & Milan).

“Diogene” è dotata di tutto il necessario per vivere. La parte frontale è utilizzata come spazio abitativo: da un lato vi è un divano letto, dall'altro un tavolo pieghevole sotto la finestra. Dietro un divisorio vi sono doccia e toilette, nonché una piccola cucina ridotta anch’essa all'essenziale. Casa e dotazioni formano un'unità. La struttura è di legno e il suo carattere caldo e comodo si irradia anche all'interno. Per proteggerla dalle intemperie, l’esterno è provvisto di un rivestimento in alluminio. Con il suo tetto a doppio spiovente, la forma della casa richiama l’archetipo dell’abitazione umana, tuttavia, con i suoi angoli arrotondati e il rivestimento integrale della facciata, “Diogene” si presenta al tempo stesso quale prodotto contemporaneo.  Non è una banale capanna, ma un rifugio tecnicamente perfetto ed esteticamente attraente. La grande sfida era progettare un prodotto complesso che fosse adatto alla produzione industriale in serie.

Questa casetta è il risultato di un lungo viaggio, determinato in parte da desideri e sogni, ma in parte anche dalla tecnologia e un approccio scientifico”, spiega Renzo Piano.


  Scheda progetto: Diogene
Vitra
Vedi Scheda Progetto
Vitra
Vedi Scheda Progetto
Vitra
Vedi Scheda Progetto
Vitra
Vedi Scheda Progetto
Vitra
Vedi Scheda Progetto
Vitra
Vedi Scheda Progetto
Vitra
Vedi Scheda Progetto
Vitra
Vedi Scheda Progetto
Vitra
Vedi Scheda Progetto
Vitra
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news più precisa e completa.
Commenti per questa notizia
corvo rosso
be, non è una novità assoluta la casa minima: la novità è che essa sia utilizzabile e che il prodigio degli impianti sia efficiente e che il tutto non si degradi il giorno dopo la inauguraziione: allora , architetti giovani, cosa aspettate a esprimervi o abbiamo sempre bisogno dei "guru" che sanno tutto su tutto.
marinof
oh santo il cielo, mai visto un bivacco? magari svizzero?
antonella
interessante ma poco attraente appare come un ibrido fra l'idea di casa e capsula spaziale e poco si integra con l'ambiente naturale ...molto ma molto meglio il cabanon di Le Corbusier
FUrio Capozzi
Mi pare effettivamente una cuccia di cane senza senso. Un rifugio da mettere dove? Certo non in Italia, da noi le dimensioni minime per una unita' abitativa sono maggiori di 4 mq. Ad esempio a Roma dovrebbe essere catalogato come deposito attrezzi e non potrebbe avere il letto. In caso di letto la sua dimensione minima dovrebbe essere di 9 mq ..... Insomma mi sembra un esercizio di fantasia inutile, oltretutto gia' inventato. http://www.dmail.it/cool-pet-house-cuccia-climatizzata/prodotto/215833.html
michele cassibba
Renzo Piano non porta la cinta, che porti le bretelle?

ULTIME NEWS SU CASE & INTERNI
22.01.2019
Lievito: percorso gourmet all'italiana in terra cinese
21.01.2019
Ca’ Giovanni: un progetto di recupero totale
18.01.2019
Dialogo spaziale e materico tra storia e contemporaneità
» le altre news

  Scheda progetto:
RPBW - Renzo Piano Building Workshop

Diogene

 NEWS CONCORSI
+22.01.2019
'Common ruins’: in scadenza il concorso lanciato da YAC
+21.01.2019
#GenoaCall. University Housing for the ancient city
+18.01.2019
Roma, un concorso per riqualificare Piazzale del Verano e Viale della XVII Olimpiade 
+17.01.2019
Archistart invita ad "hackerare" un'architettura
+16.01.2019
Fasano: un concorso di idee per la rigenerazione ARU 10
tutte le news concorsi +

ADA 2018
ADA 2018
Milano&Wall
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2019 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati