Deodara

Bathroom Experience


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Fugabella Color

Nuova chiesa San Sarkis in Texas: in facciata la commemorazione delle vittime del genocidio armeno
Una croce composta da 1,5 milioni di pixel ispirati ai simboli della tradizione artistica armena onora i caduti del 1915
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
03/05/2022 -  Nella nuova chiesa armena di San Sarkis a Carrollton (Texas) progettata dal premiato architetto newyorkese David Hotson (membro dell’AIA, l’American Institute of Architects) e ispirata all’antica chiesa armena di Santa Ripsima, si è celebrata la prima funzione domenicale il 24 aprile 2022, data in cui ogni anno la diaspora armena internazionale commemora gli 1,5 milioni di vittime del genocidio armeno del 1915. 
La facciata della chiesa rappresenta una croce tradizionale armena – o “albero della vita” – composta di motivi botanici e geometrici intrecciati tratti dall’arte armena. Man mano che il visitatore si avvicina alla facciata, il disegno complessivo si dissolve in 1,5 milioni di minuscole icone (o pixel) ispirate ai simboli circolari che ricorrono in tutta la tradizione artistica armena.

Lavorando con l’architetto Stepan Terzyan, suo storico collaboratore, Hotson ha elaborato un progetto che guarda al futuro come pure al passato, coniugando le antiche tradizioni architettoniche e artistiche dell’Armenia con tecnologie digitali di progettazione e fabbricazione contemporanee. 
La più eclatante di queste innovazioni contemporanee eÌ€ la facciata occidentale della chiesa, che svolge la funzione di discreto ma potente monumento commemorativo degli 1,5 milioni di vittime del genocidio armeno del 1915. 
Ogni singolo pixel rappresenta uno degli 1,5 milioni di individui che hanno perso la vita nel genocidio armeno del 1915, tra cui alcuni membri delle famiglie che appartengono alla comunitaÌ€ dei fedeli di San Sarkis. La successione delle singole icone che si estendono sull’intera facciata dell’edificio offre l’esperienza viscerale di misurarsi con la portata di questa atrocitaÌ€ della storia. 

Per realizzare la facciata, Hotson ha collaborato a stretto contatto con Fiandre, la casa produttrice di superfici architettoniche che ha sviluppato il rivoluzionario sistema DYS, in grado di eseguire stampe personalizzate per esterni ad altissima definizione resistenti ai raggi UV sui materiali di rivestimento ceramici per facciate ventilate di grande formato di Fiandre. 
La massa totalmente grigia dell’esterno della chiesa, rinzaffata con materiali moderni, fa riferimento al carattere scultoreo monolitico delle antiche chiese armene, che erano costruite interamente in pietra. L’accostamento dell’architettura monocroma alla ricca e variopinta vegetazione, immaginata e realizzata dalla paesaggista Zepur Ohanian, richiama alla memoria la forte relazione fra architettura monolitica e paesaggio verdeggiante che eÌ€ tipica degli antichi edifici di culto e complessi monastici ancora esistenti in tutta la madrepatria armena. 

Subito dopo essere entrato in chiesa dalla facciata dell’edificio commemorativo, il visitatore si ritrova nel luminoso santuario, una composizione di volumi spaziali inondati di luce ispirata agli interni di Santa Ripsima. I luminosi archi concavi scolpiti verso l’esterno riflettono indirettamente nello spazio interno l’accecante luce solare texana, ottenendo come risultato un tipo di illuminazione etereo.

  Scheda progetto: Saint Sarkis Armenian Church
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
ROCCO J. MAZZIOTTA
Interessante il recupero iconico offerto dalla tipologia dell'organismo architettonico sacro, l'aver evitato di alterare la conformazione ha reso l'insieme immediatamente familiare e quindi riconoscibile.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
04.07.2022
Il Memoriale Brion di Carlo Scarpa è ora del FAI
04.07.2022
Presentato il masterplan del MIND - Milano Innovation District
01.07.2022
Nasce il primo campus di design in Italia
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
22/09/2022 - palazzo strozzi
Olafur Eliasson
Mostra
26/09/2022 - bolognafiere
Cersaie 2022
Salone Internazionale della Ceramica per l'Architettura e dell'Arredobagno
27/09/2022 - verona fiere
MARMOMAC 2022

� gli altri eventi
  Scheda progetto:
David Hotson Architect

Saint Sarkis Armenian Church

 NEWS CONCORSI
+04.07.2022
Un concorso per riqualificare la Cavallerizza Reale di Torino
+28.06.2022
Prossima stazione: Cesena. Il concorso
+23.06.2022
In chiusura il concorso La Casa del Giglio
+21.06.2022
XVIII Premio di Architettura Città di Oderzo
+20.06.2022
Roma Expo 2030. La Call for paper
tutte le news concorsi +

9010 novantadieci
ADA 2022_Apply now
MONOLITH
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2022 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata