Scarabeo Ceramiche Srl


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


House of Music Budapest: armonia tra natura, suono e luce
I pavimenti in cemento Lixio®+ e Sassoitalia di Ideal Work® rivestono le superfici del progetto firmato Sou Fujimoto
Autore: antonella fraccalvieri
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
House of Music Budapest - photo György Palkó House of Music Budapest - photo György Palkó
06/04/2022 - I pavimenti in cemento Lixio®+ e Sassoitalia di Ideal Work® rivestono le superfici della House of Music di Budapest, importante progetto firmato dall’Arch. Sou Fujimoto. Natura, suono, luci e riflessi compongono questo nuovo polo culturale dedicato al mondo della musica situato all’interno del parco cittadino di Budapest. 
 
Uno degli edifici più attesi degli ultimi tempi, che fa parte del più grande sviluppo culturale d’Europa, il Liget Budapest Project, che mira a trasformare l’esperienza culturale della città, creando nuove opportunità di svago e aree verdi. 
 
L’obiettivo del progetto di Fujimoto è quello di mostrare l’esperienza della musica attraverso l’interazione tra natura, suono e luce. E non poteva che essere fatto qui, a Budapest, una delle capitali della musica per il ricco repertorio di musica classica e per le tradizioni popolari ungheresi. 
 
Esteso per 9.000 mq, l’edificio comprende sale da concerto, spazi espositivi e un palcoscenico all’aperto. Al piano terra si trovano due sale per gli spettacoli, mentre il piano superiore comprende aule, una biblioteca e spazi per uffici, tutti collegati da una scala a chiocciola. Ai livelli sotterranei si trovano invece spazi espositivi dedicati alla storia della musica europea e ungherese, con un’attenzione particolare alla musica pop ungherese dal 1957 al 1993. Ma non finisce qui: la Casa della Musica ospiterà un’ampia programmazione di musica dal vivo di ogni genere, dalla classica al pop, dal folk al jazz, a cui si aggiungeranno esposizioni e programmi didattici dedicati a chiunque voglia suonare e sperimentare la musica. 
 
Paesaggio, architettura e allestimento, con al centro la musica e la potenza del suono: l’House of Music di Fujimoto cancella ogni confine, creando un ambiente fluido in cui tutto comunica ed è in armonia con il resto. Particolare attenzione merita la copertura, un tetto ondulato intervallato da aperture di dimensioni variabili simili a crateri, a rappresentazione delle onde sonore provocate dalla vibrazione di un oggetto, l’aspetto chiave del percorso compositivo. Sono oltre 100 i fori che consentono agli alberi di passarvi attraverso, incanalando la luce fino ai livelli sottostanti dell’edificio: questo crea un’atmosfera unica, lasciando ai visitatori la percezione di camminare sotto alle chiome.  
 
La sensazione di essere nella natura è ulteriormente rafforzata dalle oltre 30.000 foglie d’albero incastonate nel controsoffitto e fissate in una struttura in acciaio composta da 1.000 elementi a nido d’ape. Una decorazione inedita che crea ulteriori inaspettati riflessi sul pavimento. Proprio per le superfici interne ed esterne della House of Music sono stati scelti i pavimenti in cemento Ideal Work®.

Il rivestimento cementizio Lixio®+ riprende l’antica tradizione del pavimento alla veneziana, qui scelto in tre diverse varianti di colore per gli spazi interni. Unendo estetica alle massime prestazioni tecniche, quali la resistenza all’abrasione causata dal traffico e la facilità di manutenzione, Lixio®+ si è rivelata la soluzione perfetta per questo progetto. 
 
Per continuità con le superfici interne, gli esterni sono stati rivestiti con la pavimentazione Sassoitalia® Ideal Work® che rievoca la grande tradizione italiana del “sasso lavato”, ideale nei contesti storici e naturali perché l’utilizzo di materiale naturale di provenienza locale consente un’ottima integrazione paesaggistica. La presenza delle graniglie rende inoltre la superficie ruvida e quindi antiscivolo, ed è infine molto durevole nel tempo. 
 
Ma la caratteristica più iconica dell’edificio, considerata una novità in tutto il mondo, è la cupola sonora emisferica, ispirata dal compositore del 20° secolo Karlheinz Stockhausen, noto per aver creato la prima esperienza uditiva 3D sotto forma di una sala da concerto sferica all'Esposizione Universale del 1970 a Osaka, in Giappone. Progettata per un’esperienza completamente immersiva, permette a 60 visitatori di sperimentare l’audio surround a 360 gradi, emesso da ogni direzione da più di 31 altoparlanti, creando pareti sonore "simili a un ologramma".
 
Se il legame con la natura è forte, lo è anche con la sostenibilità: per la House of Music di Budapest sono state installate 120 pompe di calore poste a 100 metri di profondità per fornire energia geotermica all’edifico, mentre la restante richiesta di energia elettrica proviene da un’ulteriore fonte di energia rinnovabile. Il sistema di raffrescamento è altrettanto interessante: si tratta di un sistema a lunga distanza che in estate cattura energia dalla capacità in eccesso della vicina pista di pattinaggio su ghiaccio. Grazie a questi sistemi, il progetto ha ottenuto la certificazione BREEAM.

Ideal Work su ARCHIPRODUCTS


House of Music Budapest - photo Mihály Nagy


House of Music Budapest - photo Mihály Nagy


House of Music Budapest - photo Mihály Nagy


House of Music Budapest - photo Mihály Nagy


House of Music Budapest - photo Mihály Nagy


House of Music Budapest - photo Mihály Nagy


House of Music Budapest - photo György Palkó

Consiglia questa notizia ai tuoi amici
  News sull'argomento
14/07/2022
A Bucarest un ristorante italiano dall’animo metropolitano
Il nuovo Restaurant Studio 80 si ispira ai tipici edifici industriali milanesi: le strutture in legno e metallo dialogano con il pavimento in cemento realizzato con Acid Stain di Ideal Work

29/06/2022
Nuvolato Architop® Ideal Work® per la Chiesa di San Giacomo Apostolo a Ferrara
Progettata dallo studio di Architettura Benedetta Tagliabue-EMBT, la realizzazione si ispira al tema della capanna. La pavimentazione in calcestruzzo dona continuità agli spazi

15/06/2022
Una villa minimal ispirata allo stile Japandi
Il rivestimento Microtopping di Ideal Work conferisce continuità tra gli spazi e un look contemporaneo per un'abitazione belga

08/03/2022
Una casa rosa tra le sabbie dell’East Sussex
La superficie continua Microtopping Ideal Work riveste un’abitazione semplice e rigorosa affacciata sul mare. Il progetto firmato dallo Studio RX Architects

27/01/2022
Ideal Work® riveste le superfici di un Coffee Shop in Cina
Tra luci calde e atmosfere rilassate, Microtopping® collega gli ambienti con continuità

13/12/2021
Ideal Work® per il progetto Patina Maldives firmato Marcio Kogan
La rasatura decorativa a base cementizia unisce interno ed esterno del nuovo luxury hotel

01/12/2021
La superficie Lixio®+ Ideal Work® per il progetto d'interior firmato Philippe Starck
Una coffee house metropolitana trapiantata nella campagna veneta: il progetto Amor in Farm all'interno del Campus di H-Farm

18/11/2021
Ideal Work® per una villa sul mare in Catalogna
Il progetto è concepito come un belvedere, uno spazio atemporale in cui la struttura segue la forma topografica del terreno

19/10/2021
Ideal Work® per un progetto residenziale
La soluzione cementizia Nuvolato Architop riveste le superfici di casa P+E+3 progettata dallo Studio Caprioglio Architects


Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU ARCHIPRODUCTS NEWS
11.08.2022
11.08.2022
Pop e anticonformista: Zanotta riedita KARELIA
11.08.2022
Inclusivo, relazionale, flessibile: l’ufficio secondo Esterl Group e Skills Management
le altre news

House of Music Budapest - photo Mihály Nagy
House of Music Budapest - photo Mihály Nagy
House of Music Budapest - photo Mihály Nagy
House of Music Budapest - photo Mihály Nagy
House of Music Budapest - photo Mihály Nagy
House of Music Budapest - photo Mihály Nagy
House of Music Budapest - photo György Palkó
1
2
3
IDEAL-WORK

SASSOITALIA®

IDEAL-WORK

 NEWS CONCORSI
+09.08.2022
Gaudi La Coma Artists' Residences
+05.08.2022
Borse di studio sul paesaggio 2022/2023
+01.08.2022
Km delle meraviglie: consegna entro il 10 agosto
+29.07.2022
Museo Egizio 2024: il concorso internazionale di progettazione
+28.07.2022
Al via le iscrizioni per Arte Laguna Prize 17
tutte le news concorsi +

ADA 2022_Apply now
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2022 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata