SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


Gli architetti sulla guerra in Ucraina
Appelli, petizioni e dichiarazioni di organizzazioni internazionali e singoli professionisti russi e ucraini
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
Operazione antiterrorismo nell'Ucraina orientale - Foto del giornalista militare Taras Gren, Author: Ministry of Defense of Ukraine Operazione antiterrorismo nell'Ucraina orientale - Foto del giornalista militare Taras Gren, Author: Ministry of Defense of Ukraine
02/03/2022 - “Di fronte ai tragici eventi crescenti in Ucraina, l'Unione Internazionale degli Architetti (UIA) esprime la sua incrollabile solidarietà a tutte le persone colpite e chiede l'unità e la pace tra le nazioni”.
Esordisce così José Luis Cortés, Presidente dell’UIA, nella sua dichiarazione ufficiale in merito al conflitto che si sta consumando in Ucraina.

Lo scorso 24 febbraio, a seguito del riconoscimento ufficiale delle repubbliche separatiste del Donbass in territorio ucraino, la Russia ha invaso l’Ucraina per “smilitarizzare e denazificare il Paese” (cit. Vladimir Putin, presidente della Federazione Russa).

Si tratta di una vera e propria guerra nel cuore dell’Europa, un gravissimo attacco militare su larga scala che ha visto subito la condanna unanime dell’opinione pubblica internazionale che si sta mobilitando con appelli, petizioni, dichiarazioni per esprimere il proprio dissenso su questa assurda guerra.




“A nome della comunità internazionale degli architetti, condanniamo qualsiasi atto di violenza o guerra che lede il benessere e la dignità delle persone, aderiamo all'appello globale contro la guerra e chiediamo l'immediato ripristino della pace. 
L'UIA è stata fondata nel 1948 - dopo la Seconda guerra mondiale - per unire architetti di tutto il mondo e partecipare attivamente alla ricostruzione di città e villaggi devastati. Continuiamo a credere che il più grande obbligo dell'umanità sia la conservazione della pace.
In qualità di principale organizzazione mondiale di architetti impegnata nella creazione di ambienti sicuri e salubri, chiediamo anche la protezione dell'inestimabile patrimonio architettonico minacciato da questo conflitto”.
 
Ruth Schagemann, presidente dell’ACE - Architects' Council of Europe, ha dichiarato il sostegno all’Unione Nazionale degli Architetti dell'Ucraina:



"A nome del Consiglio degli architetti d'Europa e di tutta la comunità architettonica europea, desideriamo esprimere il nostro sostegno a tutti gli architetti ucraini di fronte alla situazione politica in cui l'Ucraina e i suoi cittadini si trovano.
Il Consiglio d'Europa degli architetti trova inaccettabile che una nazione si conceda il diritto di plasmare i confini di un’altra nazione. Da anni sviluppiamo la cooperazione internazionale con partner dell'Est Europa e vogliamo rafforzarla. Condividiamo una storia comune ed esperienze passate, nonché le stesse sfide del presente e del futuro.
Crediamo che il sostegno reciproco tra architetti in Europa sia fondamentale, sia per lo sviluppo delle nostre organizzazioni in tempi di pace, sia nel caso in cui uno di noi sia colpito da una crisi.
Dichiariamo il nostro sostegno all'Unione Nazionale degli Architetti dell'Ucraina e ai suoi membri in questo difficile momento".
 
L'Unione Nazionale degli Architetti dell'Ucraina (CANY), a seguito dell'invasione della propria nazione, ha invitato l'UIA a revocare l'adesione della Russia all'organizzazione internazionale.
Il presidente del CANY, Oleksandr Chyzhevsky, in una lettera al Presidente José Luis Cortés, scrive:
“L'Unione Nazionale degli Architetti dell'Ucraina si aspetta che l'UIA condanni fermamente e inequivocabilmente le azioni criminali del governo russo, che ha lanciato una guerra su vasta scala contro l'Ucraina. Inoltre, la posizione silenziosa e passiva dei sindacati degli architetti di Russia e Bielorussia mostra il loro sostegno alla guerra mortale contro l'umanità.
Ci aspettavamo parole di sostegno e rammarico dai colleghi russi nel 2014, quando il loro stato criminale ha annesso la Crimea e occupato il Donbas, violando tutto il diritto internazionale. Tuttavia, invece, una settimana dopo l'annessione della Crimea, l'ex presidente dell'UAR Andriy Bokov si recò lì per reclutare architetti per unirsi all'UAR. Inoltre, la GA a Durban lo hanno persino eletto nel Consiglio e, in seguito, il suo successore Nikolay Shumakov. A tutti sembrava che fosse un errore. Tuttavia, ora è ovvio che non lo fosse. Coloro che non condannano le azioni della Russia le sostengono. Sostengono un crimine contro tutta l'umanità, incompatibile con gli obiettivi umanitari dell'UIA. Siamo convinti che l'UIA debba decidere sull'adesione della Russia. Se chiudiamo un occhio sulla loro posizione passiva, ci schiereremo anche con il nemico, con la distruzione dei valori umani. È importante ricordare che la protezione delle vite umane, l'umanesimo e la cultura sono le massime priorità dell'UIA. Dimostriamolo in modo deciso e inequivocabile. Chiediamo che la Russia sia privata della sua appartenenza all'UIA”.

Nikolay Shumakov, Presidente dell'Unione degli Architetti della Russia e dell'Unione degli Architetti di Mosca, ha registrato un videomessaggio rivolto agli architetti con cui richiama in gran parte alla calma e al buon senso.



“Cari colleghi e amici. Mi rivolgo a tutti coloro che stanno seguendo da vicino gli ultimi sviluppi della politica mondiale in questi giorni. L'unica cosa che vorrei chiedere è di essere riservati e obiettivi nel giudicare ciò che sta accadendo. Dichiarazioni negative e, talvolta, anche offensive sono sempre più spesso fatte dai nostri coetanei sui social media e nelle chat. Ciò significa che, a dispetto del buon senso, soccombiamo alla pressione ideologica, caratteristica di ogni guerra.
 
Chiedo a tutti i membri della comunità professionale, agli architetti, la cui missione è sempre stata quella di creare per il futuro: per favore, non fatevi tentare in questi giorni dal comportarvi come se foste politici o esperti militari. Tali intenzioni possono causare una lunga e persistente malattia morale che contamina la società. Chiedo a tutti di essere contenuti e di rispettare coloro che sono in prima linea, coloro che lottano per la vita e il futuro dei loro figli”.
 
Non è chiaro se il discorso di Nikolay Shumakov sia arrivato in risposta alla lettera pubblicata ieri da Alexander Chizhevsky, presidente dell'Unione nazionale degli architetti dell'Ucraina.

Architetti e urbanisti della Russia hanno sottoscritto una lettera aperta contro le azioni militari in Ucraina con cui stanno raccogliendo firme:
“Noi, architetti e costruttori della Russia, condanniamo fermamente l'offensiva delle truppe russe sul territorio dell'Ucraina. Le questioni di politica estera dovrebbero essere risolte solo con mezzi pacifici! La guerra non può essere uno strumento della politica nel XXI secolo.
La guerra svaluta l'essenza stessa dell'attività di un architetto e di un urbanista, indipendentemente dal paese in cui si trovi. Viola i diritti delle persone: alla vita, alla sicurezza, alla realizzazione di sé, a un ambiente confortevole e salubre, tutti quei valori che costituiscono la base del nostro lavoro.
Il rispetto del prossimo non può essere conquistato con la forza o con la distruzione, ma puoi guadagnarlo rendendo il tuo paese e la tua casa un posto migliore.
Fermate la guerra!”

 
Altre petizioni per fermare la guerra sono già apparse giovedì e venerdì scorso. Una delle più grandi petizioni, tra le prime 50 nella storia di Change.org in tutto il mondo, ha già raccolto più di 1.120.000 sottoscrizioni.



Queste ad ora le dichiarazioni delle organizzazioni internazionali.
Quale fino a questo momento la posizione dei singoli architetti russi e ucraini rispetto al conflitto?
 
Le dichiarazioni sui siti ufficiali e sui profili social degli architetti Russi sono pochissime.
Nella maggior parte dei casi si riscontra un silenzio che già di per sé è piuttosto eloquente.
 
Si trovano rari casi di riflessioni personali o pochissime prese di posizione in merito alla guerra.
Si passa da posizioni più moderate ad altre più definite e risolute.
 
Qualcuno come l’architetto russo, naturalizzato americano, Harry Nuriev, fondatore di Crosby Studios, postando l’immagine di una colomba, si augura un mondo senza guerra e invoca la pace.
 
Sundukovy Sisters - Design & Architecture Studio di Mosca posta il dipinto di Malevič dal titolo “Quadrato Nero” e scrive:
Malevich scrisse che "Black Square" era un vuoto totale, un buco nero, la morte. Ma questa è arte.
La guerra è vuoto totale. È un buco nero, è la morte, e NIENTE altro.
Siamo per l'arte e siamo contro la guerra.


 
L’architetto di San Pietroburgo Sergey Mishin esprime il proprio dissenso sottolineando l’assenza dell’Unione degli Architetti Russi:
“Architetti, artisti, designer scrivono lettere chiedendo di fermare la guerra. Firmo la petizione e la trovo importante.
Ma non vedo dire una parola, da nessuna parte, all'Unione degli Architetti o degli Artisti. Nessuno dei principali architetti di Mosca o San Pietroburgo ha nemmeno sussurrato. C'è ancora la MAAM - International Academy of Architecture?”.
 
Zurab Arabidze, architetto georgiano che opera a Mosca, si appella ai suoi contatti russi:
"Compatrioti!
La guerra tra Russia e Ucraina è una VERGOGNA.
Questa è la NOSTRA vergogna, ma purtroppo anche dei nostri figli, generazione di russi giovanissimi e non ancora nati, che dovranno assumersi la responsabilità. Non vogliamo che i nostri figli, che vivono in un paese aggressore, si vergognino del loro esercito che attacca uno stato indipendente vicino. Esortiamo tutti i cittadini russi a dire NO a questa guerra.
Non crediamo che un'Ucraina indipendente sia una minaccia per la Russia o per qualsiasi altro Stato. Non crediamo alle dichiarazioni di Vladimir Putin secondo cui il popolo ucraino è sotto il potere dei "nazisti" e deve essere liberato. Chiediamo la fine di questa guerra!”.
 
Gli architetti ucraini che hanno avuto modo di esprimersi sui social chiedono a gran voce la pace.
Igor Sirotov invita a non odiare tutto il popolo russo, ma i responsabili dell’attacco: “Scrivo questo post per coloro che iniziano a odiare i nostri vicini russi e bielorussi. Puoi odiare le autorità e il governo, i soldati che sono andati a prendere il controllo del nostro Paese, ma è stupido odiare le persone a causa del passaporto o del luogo in cui vivono”.
 
Lo studio di Kiev YØDEZEEN, su Facebook, rivolge un appello ai propri follower di Russia e Bielorussia:
“La guerra è in corso in Ucraina per il 4° giorno. Non un'operazione speciale militare, non la salvezza degli ucraini, ma la GUERRA.
In Ucraina non ci sono fascisti tra la popolazione e non c'è "banda di tossicodipendenti e neonazisti che hanno preso il potere". Qui ci sono persone incredibilmente forti, patriottiche e coraggiose che sono pronte a difendere la loro casa fino alla fine. Come si dice su Instagram: il presidente della Russia è stato in grado di radunare i cittadini ucraini in modo che diventassimo un unico popolo.
I residenti delle città si sono uniti alle fila ranghi dei difensori, perfetti estranei ospitano famiglie nelle loro case e diventano parenti gli uni degli altri.
Vogliamo che tu sappia che la Russia HA ATTACCATO L'Ucraina. La mattina presto mentre la gente dormiva!!! I vostri ragazzi dicono di essere stati mandati per "addestramento". E i tuoi ragazzi stanno morendo qui. Le autorità pensavano che tutto sarebbe passato rapidamente e senza perdite. Ma l'esercito ucraino "metterà anima e corpo per la libertà".
I tuoi media ti stanno mentendo. Apri gli occhi prima che sia troppo tardi!
Ciò che sta accadendo ora nel nostro paese è terribile, ma resisteremo e combatteremo, salveremo e ricostruiremo la nostra casa. Cosa accadrà dopo con i vostri paesi - solo Dio lo sa. Ma non aspettarti niente di buono.
Ora ti poni la domanda: come posso aiutare?
Partecipa alle manifestazioni, sostieni l'esercito ucraino, non lasciare che il tuo popolo vada in guerra e apri gli occhi a tutti sulla verità. NON AVERE PAURA. Non abbiate paura, perché non abbiamo avuto paura nel 2014 e non abbiamo paura oggi.
Bielorussia, sappiamo come si fa a non avere paura. Crediamo che anche la Russia possa farlo. La paura della prigione non è nulla in confronto alla paura di perdere i propri cari.

VI PREGHIAMO DI NON RESTARE IN SILENZIO
Siamo grati per il supporto sui social network, ma questa è una goccia nell'oceano.
Il mondo intero sostiene l'Ucraina, le sanzioni sono state imposte alla Russia.
Alcuni dei nostri colleghi sono fuggiti all'estero, lasciando le loro case alle spalle. Alcuni sono seduti nei rifugi antiaerei e ogni volta durante il raid aereo chiediamo loro di "resistere e di stare al sicuro". Scriviamo questo lì dove scrivevamo di vacanze, problemi di lavoro e chiamavamo i colleghi in cucina a mangiare torte.
Dovete sapere: non molleremo né Kiev né Ucraina. Non guadagnerete nulla da questa guerra se non vittime, morti e un futuro molto poco brillante. Ma puoi fermarlo. Devi farlo. È un dovere verso il mondo e l'umanità”.
 
Infine, Slava Balbek, di Balbek bureau, esprime la propria posizione con una semplice, ma efficace espressione: “Kiev è la Capitale della Libertà e la Libertà è Casa”

 
 
 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
01.06.2023
Borgo Hermada a Torino: in collina come in città
31.05.2023
Gli italiani di Mixtura per il nuovo convento francescano a Salvador de Bahia
31.05.2023
I primi alberi popolano Wonderwoods, il Bosco Verticale olandese
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
07/06/2023 - politecnico di milano e triennale milano
Milano Arch Week 2023 'Waiting for Peripheries'
Settimana dell'architettura
08/06/2023 - park hub in via garofalo 31, milano.
Anatomy of Public Space: A Multidisciplinary Perspective
Talk di presentazione
12/06/2023 - lugano (ch)
Space Architecture Workshop
Designing for Earth by Living in Space
� gli altri eventi
 NEWS CONCORSI
+01.06.2023
Strategia Fotografia 2023, tempo fino al 26 giugno per partecipare al contest
+01.06.2023
Premi IN/ARCHITETTURA 2023: ultimo weekend per candidarsi
+29.05.2023
#Scaladigrigi. Cattura la bellezza del cemento intorno a te
+29.05.2023
TerraViva Competitions lancia il concorso Hybrid Coworking
+24.05.2023
Emilgroup lancia i Project Awards 2023
tutte le news concorsi +

Design Center 2023
Design Center 2023
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Contatti/Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2023 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata