Monochrome collections

nanoeX_office

nanoeX_restaurant

BancoPosta Business Link

H2O Nebulite


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Summer

Inaugurata a Roma la Bibliotheca Hertziana di Navarro Baldeweg
Il luogo sembra trasformarsi in un pozzo di luce vetrato in cui la luce rimbalza e si riflette
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
18/01/2013 - Il nuovo edificio della Bibliotheca Hertziana a Roma, progettato da Juan Navarro Baldeweg, è stato inaugurato lo scorso 15 gennaio, dopo quasi dieci anni di lavori durante i quali l'istituto e la biblioteca sono stati solo parzialmente accessibili. La riapertura della biblioteca e della fototeca è, invece, prevista per il 1 febbraio.
 
L’istituto minacciava di essere chiuso poiché la precedente struttura della biblioteca, collocata tra il Palazzo Zuccari e il Palazzo Stroganoff, non rispondeva più alle norme di sicurezza antincendio e presentava inoltre problemi di natura statica. A questa situazione veniva ad aggiungersi la progressiva carenza di spazio dovuta al crescente numero di volumi della biblioteca: tali condizioni hanno indotto a bandire nel 1994 un concorso internazionale vinto nel 1995 da Juan Navarro Baldeweg.

La nuova biblioteca appare convincente non solo per la sua ampiezza, la trasparenza e la luminosità, ma anche per l’aumento del settanta per cento dello spazio lineare grazie all’adozione di un sistema di scaffalature compatte.
Il progetto di Juan Navarro Baldeweg è riuscito a coniugare la tradizione e la storia del luogo aprendo un cortile là dove un tempo c’era il giardino di Palazzo Zuccari e coprendolo con un lucernario a trapezoidale. Intorno a questo spazio si sviluppano le sale di lettura e il deposito dei libri.

Navarro Baldeweg spiega così il suo intervento.
“Si propone che il pubblico acceda alla nuova biblioteca dal “portale mascherone”: figura che per Zuccari rappresentava il contrasto necessario con la magia paradisiaca che si manifestava dopo aver superato l'ingresso. Anche nel nostro caso è da questo ingresso che si capisce di colpo l'impianto generale della biblioteca: ora il luogo sembrerà trasformarsi in un pozzo di luce dal perimetro vetrato, con muri leggermente inclinati, nel quale la luce rimbalza e si riflette. Questo vuoto centrale è circondato da terrazze a gradoni, su un perimetro libero, che contengono le librerie e le sale di lettura. Si è così ottenuto uno spazio interno che, pur essendo ridotto, è di grande interesse per la sua continuità verticale, per la luminosità dell'ambiente e per la ricchezza formale della disposizione a gradoni a sezione trapezoidale.
I vari piani sono organizzati in base a una distribuzione regolare, con gli scaffali negli ambienti su via Sistina e le zone di lettura nella metà che corrisponde a via Gregoriana, dove le finestre e le terrazze si aprono sul panorama romano. All'ultimo piano si trova, centro segregato e indipendente del vuoto centrale a tutt'altezza, una sala di lettura in cui è di rigore il silenzio, che si avvale inoltre della terrazza superiore come luogo di riposo e da cui godere il panorama.
Il passaggio dal terrazzo inferiore di palazzo Stroganoff al terrazzo superiore di palazzo Zuccari avviene tramite un percorso coperto inclinato: si ottiene così un passaggio più facile, mentre i dislivelli lungo il profilo del complesso dell'Hertziana si fanno più dolci. Lo spazio coperto si combina con i lucernari, che forniscono una buona illuminazione dall'alto alla sala di lettura superiore. La proposta rende manifesto il desiderio di variare i piani coperti, accettando la frammentazione e la convivenza di terrazzi piani e spazi coperti inclinati, ispirandosi alla tipicità dei tetti di Roma e rendendo possibile la visione della città”.

  Scheda progetto: BIBLIOTECA HERTZIANA
Andrea Jemolo
Vedi Scheda Progetto
Andreas Muhs
Vedi Scheda Progetto
Andreas Muhs
Vedi Scheda Progetto
ANDREA JEMOLO
Vedi Scheda Progetto
ANDREA JEMOLO
Vedi Scheda Progetto
Andrea Jemolo
Vedi Scheda Progetto
ANDREA JEMOLO
Vedi Scheda Progetto
ANDREA JEMOLO
Vedi Scheda Progetto
ANDREA JEMOLO
Vedi Scheda Progetto
ANDREA JEMOLO
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
  News sull'argomento
13/09/2012
Il nuovo volto della Biblioteca Hertziana di Roma
Luminosità, tecnologia, leggerezza: il registro compositivo di Juan Navarro Baldeweg


Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
Tantissimi anni fa ,quando frequentavano VALLEGIULIA,AALBORG1953/54,rilevando la via Gregoriana mi domandati perché tl MASCHEROMA Tanti anni fa quando frequentavano lVALLGIULIA!ed era l' A.A.1954/55, rilevammo via GREGORIANA e il MASCHNERONE NON SI APRIVA .Ffinalmente oggi si riesce vedere le gioie che nascondeva

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
26.10.2021
DAP studio: il Social Housing come motore di socialità
26.10.2021
Arcadia Center a Milano: tra innovazione e sostenibilità
22.10.2021
Rebibbia, inaugurata la 'Casa per l’affettività' di Renzo Piano
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
29/10/2021 - napoli
Edit Napoli 2021

29/10/2021 - fabbrica del vapore, milano
AURA, The Immersive Light Experience

30/10/2021 - museo nivola, orani (nu)
Alterazioni Video. Alterazioni Video

� gli altri eventi
  Scheda progetto:
Juan Navarro Baldeweg

BIBLIOTECA HERTZIANA

 NEWS CONCORSI
+26.10.2021
Dedalo Minosse lancia la sua XII Edizione a Expo Dubai
+25.10.2021
I luoghi per lo sport
+21.10.2021
Progettare una guest house privata nel Sahara
+19.10.2021
Lavazza Smart Coffee Corner
+14.10.2021
A Rovigo 'Designer Hackathon Urban Dataviz'
tutte le news concorsi +

Monochrome collections
Design Center
Summer
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata