Rete stirata Ellisse

Wall&Decò

Rintal Executive

Type 32

Glass design


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE CERSAIE
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Decorative radiators

Inaugurato a Torino il Campus Luigi Einaudi firmato Foster
Un complesso di sette edifici 'intelligenti' e sostenibili immersi nel verde
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
24/09/2012 - L’Università di Torino ha inaugurato sabato il Campus Luigi Einaudi. 45mila mq di superficie, 14mila mq di verde, 70 aule per 8mila studenti e il moderno Polo Bibliotecario - dedicato a Norberto Bobbio - che ospita 620mila volumi. Un complesso di sette edifici immersi nel verde che si affacciano su una grande piazza, ma con la “suggestione” di un unico edificio grazie alla copertura luminosa del tetto sospeso, visibile ormai da mesi dai punti panoramici di Torino.
 
L’edificio più moderno della Città - nato dal progetto dello studio Foster&Partners e costruito con i più innovativi criteri di sostenibilità ambientale, risparmio energetico, solar design e strategie bioclimatiche – ha aperto le porte alla Città.

Con la nascita del Campus Einaudi - ha dichiarato il Prorettore dell’Università di Torino, Sergio Roda - l’Università contribuisce nei fatti all’ambizioso progetto di ‘Torino Città universitaria’, e lo fa con un’opera destinata, per l’altissimo profilo architettonico e l’impatto urbanistico, ad entrare di diritto tra i simboli identificativi della Città. In una fase di grave crisi economica - continua – un investimento di tale portata, circa 135 milioni di euro, rappresenta, inoltre, un forte segnale  antitendenza sulle potenzialità di ripresa della nostra Città”.

Il nuovo Campus è stato concepito in un’ottica di comfort visivo, uditivo e ambientale, con particolare attenzione alla problematica del risparmio energetico, evitando tecnologie invasive e non in sintonia con l’architettura di altissimo profilo del progetto.
Sono stati utilizzati oltre 7.200 mq di pavimentazioni esterne fotocataliche che, grazie all’azione combinata della luce solare, neutralizzano le molecole degli idrocarburi, ovvero le polveri inquinanti che vi si appoggiano. È stata posta estrema attenzione all’uso di materiali a basso impatto ambientale privilegiando, ad esempio, i prodotti in legno che rispettano i rigorosi standard del Forest Stewardship Council: dal soffitto (carabottino) della biblioteca realizzato in essenza di ajus (il legno certificato da coltivazione è una garanzia contro la deforestazione) alla pavimentazione della sala laurea dove è stato scelto il bamboo, legname a rapida ricrescita che garantisce un minimo impatto ambientale.
 
La copertura del tetto, oltre ad essere un elemento architettonico di grande impatto visivo, si ispira ai criteri del solar design: i suoi lati sporgenti, studiati e diversificati in base all’irraggiamento solare, garantiscono la compensazione ottimale tra soleggiamento e ombreggiamento sulle facciate.  Da qui l’elevato comfort interno dell’edificio e il notevole contenimento dei costi di condizionamento nel periodo estivo. Questa strategia ha permesso il ricorso alle grandi vetrate (garantendo il contenimento del calore) e la sistemazione di postazioni di lavoro-studio in affaccio diretto, con vista sulla natura circostante.
Le pareti, studiate e realizzate per isolare acusticamente l’edificio, garantiscono un abbattimento del rumore che raggiunge valori di oltre 48 dB: anche in presenza di elevato rumore esterno (dovuto ad esempio al traffico) le attività didattiche o di consultazione si svolgono quindi in un ambiente silenzioso e confortevole.

Dal punto di vista del contenimento dei consumi l’integrazione fra illuminazione naturale e artificiale garantisce un risparmio energetico pari a circa il 20%. Si è fatto ricorso a corpi illuminanti a basso consumo e regolabili (a seconda del tipo di lavoro e di occupazione degli ambienti), alle travi fredde, apparati integrati di illuminazione, controllo della temperatura e qualità dell’aria. È stata adottata una gestione centralizzata degli impianti con una control room centrale e postazioni distribuite al servizio dei due edifici principali. La fornitura del calore e del freddo dalla centrale di trigenerazione del complesso permette circa il 15-20% di risparmio rispetto a produzione separate con singole macchine (es. caldaie, gruppi frigo, etc.), migliori rendimenti, ridotte emissioni in atmosfera e maggiore efficacia dei controlli.

Il complesso è sviluppato secondo il concetto della Building Automation, ovvero l’edificio intelligente con gestione integrata e computerizzata degli impianti tecnologici, delle attrezzature informatiche e delle reti di comunicazione. Il vantaggio consiste nell’ottimizzare i cicli di vita dei sistemi costitutivi e delle loro attrezzature, ridurre i costi di occupazione e accrescere la produttività organizzativa. In un complesso come il Campus, con tante diverse destinazioni - aule, biblioteche, caffetterie, uffici, parcheggi - poter gestire in modo indipendente le diverse zone permette di regolare i consumi in base all’effettivo utilizzo dell’edificio.

  Scheda progetto: Campus Luigi Einaudi
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

Non hai un account Facebook?Clicca qui Utilizza il mio account Facebook
Altri commenti per questa notizia
Bruno
il verde e' poco e marginale e non integrato con la struttura. Somiglia al verde che viene piantumato, a caso ed episodicamente, a contorno dei capannoni industriali.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
12.02.2016
'Architettura: Energia per il Made in Italy' diventa e-book
11.02.2016
Valpolicella: la nuova cantina vinicola Zýme di AcMe Studio
10.02.2016
Il climbing center di Brunico: un gesto forte ed 'elementare'
» le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
16/02/2016 - fondazione achille castiglioni, milano
Dimensione Domestica
Achille e Pier Giacomo Castiglioni e una strana idea di arredamento
18/02/2016 - expowall, expowall, via curtatone 4 - milano
Città sospesa, L'Aquila dopo il terremoto
Mostra fotografica di Michele Nastasi
24/02/2016 - fiera milano – rho
Myplant & Garden – International Green Expo

» gli altri eventi

  Scheda progetto:
Camerana&Partners

Campus Luigi Einaudi

 NEWS CONCORSI
+12.02.2016
#muziomilano: partecipa entro il 18 febbraio al contest fotografico
+11.02.2016
L'Università del Salento bandisce il concorso 'Muri a Colori'
+10.02.2016
Olivetti Design Contest 2016: al via la I edizione
+09.02.2016
Viterbo: il Concorso di idee 'Le Piazze fanno...Centro'
+08.02.2016
Il DDC - Decor Design Competition di archiSTART
tutte le news concorsi +

Archiproducts Shop - The go-to shop for Architects and Design Enthusiasts
Castellani
Condizioni generali | Informativa Privacy | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2005-2016 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 - Tutti i diritti riservati