Gentry Home

 

venerdì 25 luglio 2014

HOTEL DESIGN & FUNZIONALITA'

dal blog HOTEL & SPA DESIGN, di Stefano Pediconi


Milano, Salone del mobile: una città in fermento in funzione di una manifestazione che diventa punto di convergenza di architetti, designers, operatori e interessati da tutto il mondo. Atmosfera impareggiabile di creatività, tra un evento e l’altro per le strade della città o lungo gli interminabili percorsi della fiera, fulcro della manifestazione.
Torino, World Design Capital 2008, grande occasione per diffondere la cultura e la qualità della progettazione italiana a livello internazionale.
Milano e l’esposizione universale del 2015: spunto, occasione da non mancare per presentare una nuova immagine della città, che diventerà polo internazionale.

Sembra proprio che l’Italia si presenti bene, forte di una cultura di design consolidata e famosa in tutto il mondo. Eppure, oltre tutto ciò, c’è un altro lato della medaglia: quello dell’immobilismo architettonico, quello della ormai tristemente famosa burocrazia ostacolo anche per le iniziative più meritevoli, quella della mortificazione delle nuove idee o di quanto non rientra nei canoni della normalità (parola spesso da sostituire con “banalità”).
Riprendendo da Fuksas un concetto espresso anche in un intervista recente, l’Italia sta perdendo terreno: mentre in Europa si realizzano gioielli architettonici di altissimo livello (e con budget contenuti!) dal recupero di periferie abbandonate, in Italia ci si crogiola in un banale anacronismo, ancor più grave perché giustificato proprio dall’impossibilità di competere con il valore del patrimonio storico del Paese, indubbio, ma spesso scusa per non permettere la modernizzazione e la valorizzazione dell’architettura italiana.
Malgrado risulti del tutto inadeguato il percorso di formazione del professionista italiano, non è una questione di incapacità, bensì una questione di mentalità a tutti i livelli.

Passare da queste considerazioni generali a casi specifici come quelli della realtà alberghiera o del mondo del benessere è un passo corto.
Salvo fortunati casi (e considerando la vastità del comparto alberghiero italiano possiamo aggiungere “rari”), il patrimonio alberghiero è vecchio. Parlando di stile, ciò non sarebbe un problema se considerassimo la grande fetta di strutture ricettive per le quali “vecchio” è da sostituire con “storico”, che rappresenta spesso un valore aggiunto. Mi riferisco invece alle nuove progettazioni, ai nuovi prodotti architettonici, sia nuove costruzioni, sia ristrutturazioni, che nascono già vecchi: vecchi nello stile, vecchi nella distribuzione, nell’uso dei materiali, nelle soluzioni; ancor più vecchi se consideriamo che il repentino sviluppo della Società (tecnologica) porta l’ospite ad avere esigenze alle quali è necessario far fronte interpretando la progettazione in maniera diversa dai tempi passati. Chi prescinderebbe ormai dalla domotica in hotel, dall’utilizzo della tecnologia per il proprio comfort e, oggi in particolare, dall’uso di strutture sensibili alle problematiche legate a soluzioni e materiali ecocompatibili?
Si realizzano hotel sull’onda del “buon gusto”, con la creazione di strutture che possano andar bene ieri, oggi e domani, a Palermo come a Milano o a Venezia come a Roma, senza infamia e senza lode, che risultino il decoroso prodotto che la gente si aspetta di trovare, non abituata alla frequentazione di ambienti caratterizzati da concept progettuali.
E’ quella che Daniel Libeskind definisce “architettura neutrale”, alla quale contrappone quell’architettura in cui ciò che conta è la ricchezza delle idee e per la quale “la sfida dell’architetto è realizzare edifici e ambienti che esprimano idee ed emozioni, raccontino storie e rappresentino la storia attraverso sostanze mute come la pietra, l’acciaio, il cemento, il legno, il vetro, la luce, ecc.”.

E il design con il quale abbiamo introdotto l’articolo? Oggetti o ambienti, spesso si tratta di un interessanti disegni che non possono trovare applicazione se non come inutilizzabili prodotti fini a sé stessi. Eppure il design può essere considerato la massima rappresentazione della creatività e dell’estro.
Attraverso il design, ogni tanto si riesce a realizzare qualche hotel particolare che puntualmente viene additato come fonte di ingenti investimenti, oltre il dovuto, o realizzato a scapito della funzionalità. Anche per questo motivo, troppo spesso ci viene richiesto di seguire il caro, vecchio ed efficiente modo di concepire una struttura alberghiera: un imprenditore non può prescindere dalla funzionalità della propria struttura; un hotel brutto ma funzionale può essere venduto mentre un hotel bello ma invivibile dall’ospite o a livello gestionale rischia il fallimento.
Volessimo, una lista di inabitabili design hotels potrebbe anche essere particolarmente lunga…. ma chi mai ha detto che design e funzionalità non possano essere inscindibilmente legati?
Perché una progettazione “non convenzionale” deve essere inefficiente? Perché deve essere tale da non far rispettare i budget a disposizione? Perché non dovrebbe rispettare le caratteristiche del territorio ed essere per forza avulsa dal contesto?

Progettare un albergo oggi, vuol dire creare un progetto sorprendente, accettare la sfida di far uscire dal foglio bianco il prodotto migliore per ogni tipo di situazione; vuol dire lasciar spaziare la creatività, esplorare tutte le strade possibili senza accettare compromessi nell’apparato funzionale, distributivo e gestionale che, chiaramente, permette di far vivere una struttura alberghiera.
Gli ospiti, una volta entrati in un hotel “tradizionale”, possono sentirsi a loro agio, ambiente gradevole, elegante, familiare, lussuoso….non si aspettano nulla di diverso. Proviamo a far entrare lo stesso ospite in un ambiente caratterizzato con luci, colori, materiali e soluzioni che generano una continua sorpresa, che possano emozionarlo, come protagonista in una scenografia diversa da quella in cui quotidianamente è abituato a vivere!

La mia ricetta? Ricerca, qualità, innovazione, valore del progetto, creatività: cinque concetti generali che lasciano spazio a qualsiasi soluzione proiettata al rinnovamento del sistema di progettazione di un hotel, di un centro benessere o, più in generale, del modo di fare e concepire l’architettura.
Mi piace concludere, come già fatto in altre occasioni, con un frase di Karim Rashid, celebre designer e progettista, tra gli altri, del Semiramis Hotel ad Atene: “Alcuni alberghi di oggi danno l’impressione di essere ancora immersi nel secolo scorso. Questa è l’ultima sensazione che voglio dare”.
 

lunedì 21 luglio 2014

Bentley Academic Select Subscriptions: software e servizi per la formazione

dal blog PLANSTUDIO: Software House fondata nel 1997, di cecilia compagnucci

Bentley Academic

Bentley Academic Subscription fornisce appositamente per la formazione una serie di servizi e software, di cui gli studenti e i docenti possono usufruire in classe, nei laboratori ed anche a casa.

Gli abbonamenti prevedono due diverse soluzioni: Live Training e OnDemand eLearning. Includono anche un’assistenza di 24 ore su 24 per 7 giorni su 7, un aggiornamento continuo dei prodotti e del materiale da utilizzare per le lezioni svolte in classe. Il costo dell’abbonamento è decisamente conveniente, pari ad una singola tariffa fissa annuale.

I docenti, dunque, comprando un pacchetto di licenze per aula ad un costo basico, potranno accedere all’intera famiglia di prodotti Bentley con più di 50 soluzioni software multidisciplinari.
Inoltre, in questo modo, gli studenti avranno l’accesso gratuito alla suite di tutti i prodotti Bentley e potranno installarli sui propri personal computer.


Per maggiori informazioni:


Approfondimento Bentley Academic: www.progenio.it/it/bentley-academic.aspx

Profilo PlanStudio s.n.c.
PLANSTUDIO è una software house, fondata nel 1997 dai fratelli Franceschetti. Segue da 20 anni aziende nel settore dell’Arredamento, dell’Edilizia e della Meccanica fornendo software specifici e sviluppi dedicati. Ha sede a Montecchio in Via Cipressi n. 4, 61020 PU (Pesaro e Urbino).
Siti: www.planstudio.it - www.progenio.it

Contatti:
PLANSTUDIO
Tel. +39 0721 491564
Tel. +39 0721 491891
Fax. +39 0721 908089
Mail:
info@planstudio.it
commerciale@planstudio.it

 

Bentley_Academic_1
mercoledì 16 luglio 2014

CRC Arredamenti veste gli sportivi con due linee SPORTSWEAR: Contemporary e R|evolution

dal blog CRC Arredamenti, di PRESS OFFICE CRC


Gli arredi proposti da CRC sono studiati su misura e personalizzati per i negozi di articoli sportivi

CRC sviluppa due linee per l'arredamento modulare e personabile per negozi di articoli sportivi.
La linea Contemporary, caratterizzata da un linguaggio più semplice e lineare, permette di personalizzare a piacimento arredi e mensole del proprio negozio sportswear.
L’utilizzo del montante C8 direttamente a muro e senza alcuna base, oltre a garantire l’infinita accessoriabilità grazie alle cremagliere e dogature orizzontali, permette di giocare in maniera esteticamente gradevole con colori e finiture. La parete ricoperta da queste pannellature è quindi versatile e modificabile nel tempo a seconda delle necessità. Sfruttando il concetto di integrabilità tra linee di arredo, i banchi e le pedane espositive vengono unite al resto utilizzando le stesse finiture ed essenze.
La linea R|evolution si caratterizza, invece, per uno sguardo più moderno e innovativo, anche grazie ai colori, la modularità e le cornici, che creano un ambiente capace di focalizzare l’attenzione sugli articoli esposti.
Abbinando elementi di arredo estremamente flessibili, disponibili in diversi colori, ci permette di costruire ogni volta un progetto di arredo unico e distintivo.
La parete “Sistema Leggero” permette di utilizzare sia la cremagliera nascosta, tramite mensole a scomparsa di diversi spessori, che i ripiani inseriti a baionetta, di spessore più ridotto. Questo sistema consente di ottenere un supporto orizzontale leggero e riposizionabile.
L’espositore centrale, tramite la sua struttura interna metallica, permette di posizionare elementi espositivi di diverse dimensioni e forme, sfruttando il sistema a cremagliera totalmente nascosto.
Il colore, in entrambe le collezioni, è un gioco decorativo che rende più vivace l’esposizione di tutti i vostri articoli.
CRC Arredamenti realizza da 65 anni soluzioni per negozi e spazi commerciali innovativi in grado di progettare ambienti perfetti per ogni tipo di attività, dal negozio di abbigliamento alla panetteria. Creatività progettuale e design degli spazi creano ambienti personalizzati, flessibili, intercambiabili, garantendo un’elevata visibilità ai prodotti esposti, una perfetta rifinitura, una corretta funzionalità e una maggiore durata nel tempo. Il valore alla base dell’azienda è la passione per il design di qualità, fondato su una filosofia che unisce la tradizione artigianale con la ricerca tecnologica, per poter fornire sempre prodotti qualitativamente eccellenti.

CRC Arredamenti è sinonimo di competenza, professionalità, affidabilità, controllo di ogni fase di realizzazione, ottimizzazione delle spese di progetto e di realizzazione. Tutto questo per offrire nuove potenzialità espositive alle aziende e ai loro retailers.

Per maggiori informazioni visita il sito www.crc.it
CRC srl
Viale 5 Giornate 1382
21042 Caronno Pertusella VA – Italy
Tel +39 02 9659001
Fax +39 02 9659004
crc@crc.it

PRESS OFFICE – presscrc@gmail.com
 

lunedì 14 luglio 2014

the street food, energy self-sufficient Progetto per il cibo"nomade".

dal blog cucina a trino, di Francesco Crotti

immagine cucina

the street food, energy self-sufficient
Progetto per il cibo "nomade".
Progetto per exp(o)erience per un triciclo con traino cucina, energeticamente autosufficiente.
Il triciclo elettrico a pedalata servo assistita, dotato di baule/contenitore di batterie accumulatori per fotovoltaico e inverter.
Il carrello da traino leggero, realizzato in lega di alluminio, è allargabile attraverso una cremagliera posta nel pianale, con movimentazione ruote carrello; al suo interno sono posizionate le attrezzature da cucina: spazi chiusi da ante, con frigorifero da 90 lt piani di lavoro, vasche lavelli, serbatoi acqua, piani cottura in pietra ollare, ribaltine di protezione in vetro temperato con mensola appoggio cibi.
La copertura del carrello è alzabile tramite pistoni idraulici, sul soffitto sono presenti pannelli fotovoltaici, atti a soddisfare l’esigenza energetica della cucina per circa 1,5 kw.
In aggiunta al carrello è posizionata una “cucina ad energia solare” con un diametro parabola di cm 140, che sviluppa circa 690 w e può essere usata per portare in ebollizione una pentola d’acqua e/o usata per preparare i cibi quali le bruschette, ma anche cuocere direttamente i cibi.
Questa parabola solare è in kit di montaggio e facilmente posizionabile per il trasporto sul retro del triciclo.

street food, energetically self-sufficient.
Project for the ' Nomad ' food
Project for exp(o)erience for a tricycle with towing kitchen energetically self-sufficient.
The electric tricycle with servo assisted pedalling equipped with box/container of storage batteries for photovoltaic and inverters.
The lightweight towed carriage,made of aluminum alloy ,is extensible through a rack placed in the floor with trolley wheels movement, kitchen equipment are placed inside: spaces closed by doors with 90 lt refrigerator, work plans, sinks tubs, water tanks, hobs in soapstone, folding cabinets of protection in tempered glass with shelf to support food.
The coverage of the cart is liftable by means of hydraulic pistons, on the ceiling there are photovoltaic panels designed to meet the energy requirements of the kitchen for about 1.5 kw.
In addition to the cart is positioned a " kitchen to solar energy" with a parable of diameter of 140 cm. which develops about 690 w and can be used to bring in a boiling pot of water and /or used to prepare foods such as the "bruschetta", but also to cook the food directely.
This solar parable is in an assembly kit and can be easily positioned on the back of the tricycle for the transport. 

trasporto cucina con triciclo
ambientazione
venerdì 11 luglio 2014

CAD Outsourcing Services

dal blog CAD Outsourcing Services, di Prahlad Parmar


CAD Outsourcing Services is a highly reputed Engineering Design and Drafting Company with a number of customers and turnover increasing exponentially with time.Our commitment and sincere efforts to bring out supreme quality services at affordable rates with a competitive attitude helps us maintain dominance in the marketplace.

We provide reliable Engineering, CAD services of international standards to worldwide clients while keeping high degrees of customer satisfaction and profitability.

Architectural Services:

• Architectural Design
• Architecture Drafting
• 3D Architecture Rendering
• 3D House Floor Plans Design
• 3D Furniture Design
• Photomontages
• 3D Animation
• 360 Panorama Views
• 3D Product Design
• Landscape Design


We effectively convert your drawings using:

1. AutoCAD
2. MicroStation
3. Revit Architectures

Advantages with us:

• 1200+ Successfully Executed Engineering Projects
• Excellent Engineering and Technical Problem Solvers
• Quick Turnaround Time for your projects
• High Quality Solutions at Affordable Cost
• Confidentiality, Security & Satisfaction Guaranteed


If you would like to discuss your requirements with our experts, Please email us at:info@cadoutsourcingservices.com
 

giovedì 10 luglio 2014

- JUNGLE LIVING - Workshop di Autocustruzione - Un salotto a cielo aperto

dal blog miCreo lab, di beatrice menniti

flayer

Un Workshop il cui tema è costruire in tronchi e legature.

Il workshop è organizzato dagli architetti Beatrice Menniti e Simona Ciccarelli per l'associazione culturale miCreo e si inserisce all’interno del progetto LA PIAVE, laboratorio ricerca-azione, www.lapiave.org, in mostra dal 5 giugno al 7 settembre alla Serra dei giardini, in occasione della Biennale di Venezia - XIV mostra internazionale di Architettura; i risultati del workshop verranno esposti all'interno della mostra con un evento dedicato il 31 luglio 2014.
Obbiettivo del workshop è la realizzazione, in autocostruzione di una struttura ricreativa e relax utilizzando i materiali locali portati dal Piave sulla spiaggia della laguna.
Il jungle living è composto da una struttura portante su vari livelli, in cui vengono inseriti e integrati i diversi componenti che concorrono a definirne la funzione: coperture per creare zone d'ombra, sedute fisse e amache per il riposo, elementi oscillanti per lo svago.

I materiali che verranno utilizzati saranno recuperati in loco: per la struttura portante verranno utilizzati tronchi, mentre per gli elementi di complemento verranno utilizzati rami e canne, ai quali verranno abbinate corde intrecciate con motivi a rete, come richiamo all'attività della pesca che si svolge lungo la foce.
Il lavoro realizzato verrà documentato costantemente e i risultati del workshop saranno presentati al pubblico il 31 luglio 2014 alla Serra dei Giardini della Biennale di Venezia -XIV Mostra Internazionale di Architettura con l' esposizione multimediale del lavoro svolto e di un oggetto realizzato durante l'autocostruzione.

Durata del workshop: dal 23 al 27 luglio 2014

Costo del workshop: € 260

Il costo include il vitto del mezzogiorno e l’alloggio presso le strutture comunali di Eraclea Mare

Profilo dei partecipanti: appassionati di architettura, design e autocostruzione

Numero dei partecipanti: min 10

Termine di iscrizione: 16 luglio 2014

Modalità di iscrizione: inviare una mail a info@micreo.org con nome, data di nascita, luogo di provenienza, competenze, breve lettera di motivazione

Sede del workshop: Laguna Del Mort e Centro di Educazione Ambientale, Eraclea Ve

per maggiori informazioni: www.micreo.org/jungleliving, info@micreo.org 

Programma




giovedì 10 luglio 2014

Green Modeling

dal blog Green Modeling, di Bhushan Avsatthi


Green Modeling is a full-service energy modeling company with green ethic. We practice, effective and sustainable products and exercises to improve your comfort and air quality, lower your utility accounts, and upgrade the look or equipment in your household or job. Our green modeling consultants understand that each of our customers has a singular blend of energy modeling interests, needs and financial resources.
• Expertise in creating green building designs and sustainable building plans for LEED documentation
• Experienced LEED consultants & energy modelers with expertise in simulation and energy analysis
• EPACT consulting service expertise to maximize your tax savings
• Flexible & cost effective pricing options – Fixed Price or Hourly Rates
• Lower operating costs and increase the asset value
• Conserve energy and water

Energy Modeling Services

1. LEED Analysis
2. Building Energy Modeling
3. Shadow Analysis
4. Location Analysis
5. Solar Simulation
6. Energy Compliance
7. Reflection Analysis
8. Acoustic Analysis
9. Daylight, Visibility, Light Pollution Analysis
10. Fenestration Analysis

To hash out your Green Modeling requirements with our Green Modeling consultant email us at info@green-modeling.com
 

mercoledì 9 luglio 2014

BIM 5D Services

dal blog BIM 5D Services, di Nikunj Patel


BIM 5D Services provides BIM Solutions in Architecture, Strucrture and MEP Industries to across the globe. The Company tenders to its clients the most singular and unparalleled building information models. Building Information Modeling (BIM) is the most hopeful development in the architecture, technology, and construction (AEC) industries worldwide.

We use software:

• Revit Architecture
• Revit Structure
• Revit MEP
• AutoCAD
• NavisWorks
• Tekla
• ArchiCAD
• Field BIM-Data

Benefits of Building information modeling Services:

1. Better outcomes through collaboration
2. Optimised solutions
3. Greater predictability
4. Faster project delivery
5. Reduced safety risk
6. Fits first time
7. Reduced waste
8. Whole life asset management
9. Continual improvement

To know more about Architectural Building Information Modeling Services please visit us at BIM5DServices.com and if you have any query, e-mail us at: info@bim5dservices.com
 

martedì 8 luglio 2014

Riprodurre fedelmente soggetti tridimensionali, di grandi dimensioni e ad alta risoluzione.

dal blog Servizi digitali dedicati: serviamo la creatività, di Pikappa Srl

Possediamo uno scanner planetario Cruse Digital Synchron CS 220 LFS (Large Format Scanner), e svolgiamo per le aziende attività di "digital-service".
Col nostro scanner abbiamo sviluppato nel corso di questi anni una specifica esperienza nella scansione di soggetti dalla texture particolare, poichè questa macchina permette di cogliere con una finezza estrema tutti quei particolari che l'alternanza di luci ed ombre creano sulle superfici altrimenti impossibili da cogliere.
Legno grezzo, trattato, ceramiche, marmi, pietra grezza e pietra lavorata, tessuti, tutti materiali elaborati difficilmente riproducibili con i sistemi fotografici e decisamente impossibili con i normali dispositivi di scansione. Di tutto ciò è possibile cogliere la tridimensionalità delle superfici, il che ne rende perfettamente replicabile l'aspetto con un effetto finale identico all'originale,
Questo genere di scansione è utilizzabile per produrre carte e film utilizzati nell'industria della laminazione, e rende possibile realizzare superfici spettacolari e dall'incredibile effetto realistico.

Le caratteristiche del nostro scanner:
- doppia ottica
- profondità colore 24 o 48 bit
- risoluzione minima 300 dpi
- risoluzione massima 1000 dpi
- dimensioni del piano di scansione 120 x 250 cm
- 4 sorgenti di luce utilizzabili separatamente o in abbinamento
- tempo medio di scansione di tutta la superfice del piano 30 minuti (variabile)
- file generato in formato tiff o jpeg
- spessore massimo del soggetto digitalizzabile 15 cm
- piano aspirante per ottenere la perfetta planarità di soggetti come carta o tessuti

PK Photo Know-How è a Vostra disposizione per effettuare scansioni di prova dei materiali che desiderate riprodurre, così da renderVi conto delle potenzialità del nostro servizio.
E' necessario contattarci allo +39 041.5937031 per prenotare una sessione. 

lunedì 7 luglio 2014

HOTEL ALLO SBANDO

dal blog HOTEL & SPA DESIGN, di Stefano Pediconi

WELLNESS ROOM Design by Studio Stefano Pediconi

E’ il titolo di una nota trasmissione televisiva ma rispecchia moltissimo la situazione del settore alberghiero italiano che ha sete di una riqualificazione generale.
In televisione, l’albergatrice Alex Polizzi viene chiamata per risollevare le sorti di alcuni alberghi inglesi, al pari di Gordon Ramsey in “Hell Hotel”, altra fortunata serie televisiva.
Grazie alla sua esperienza, riesce a valorizzare alcuni aspetti delle strutture ricettive in difficoltà, così da permettere, attraverso operazioni di restyling e di marketing, a dare nuova vita ad un hotel di qualsiasi categoria (ma anche bed & breakfast) sull’orlo del tracollo.

E’ proprio questo il lavoro che in questo momento mi piace svolgere per riqualificare le strutture alberghiere del nostro paese. Per questo, spinto dalla passione per il mondo degli hotel che da sempre mi ha sedotto con il suo fascino, ho introdotto nel settore la figura professionale dell’HOTEL STYLIST: un nuovo ruolo che mette a disposizione dell’albergatore un bagaglio di esperienze tale che si possa riqualificare l’immagine di un albergo, individuando i punti di debolezza ed enfatizzando i punti di forza di una struttura.
I risultati sono molto interessanti, specie in questo periodo in cui si è restii a spendere per interventi particolarmente importanti, in quanto con pochi interventi (ma ben mirati) siamo riusciti a cambiare radicalmente l’aspetto ormai datato di alcune realtà del settore.
E’ un lavoro che punta molto sulla percezione che l’ospite ha degli ambienti e sulla valorizzazione dei punti di vista significativi, sia nella camera, sia nei locali comuni come la hall, la lounge o il ristorante, con l’obiettivo di dare coerenza all’insieme di tutti gli elementi (architettura, arredi, suppellettili, accessori, ecc.).
Un lavoro che, come quello di Alex Polizzi, arriva fino a fornire validi spunti per sviluppare nuove strategie di comunicazione e di marketing.
Un lavoro semplice per un occhio specializzato, ma talmente semplice che il problema più grande è farne comprendere il valore come opportunità per riportare un hotel al passo con i tempi.
E’ il titolo di una nota trasmissione televisiva ma rispecchia moltissimo la situazione del settore alberghiero italiano che ha sete di una riqualificazione generale.
In televisione, l’albergatrice Alex Polizzi viene chiamata per risollevare le sorti di alcuni alberghi inglesi, al pari di Gordon Ramsey in “Hell Hotel”, altra fortunata serie televisiva.
Grazie alla sua esperienza, riesce a valorizzare alcuni aspetti delle strutture ricettive in difficoltà, così da permettere, attraverso operazioni di restyling e di marketing, a dare nuova vita ad un hotel di qualsiasi categoria (ma anche bed & breakfast) sull’orlo del tracollo.

E’ proprio questo il lavoro che in questo momento mi piace svolgere per riqualificare le strutture alberghiere del nostro paese. Per questo, spinto dalla passione per il mondo degli hotel che da sempre mi ha sedotto con il suo fascino, ho introdotto nel settore la figura professionale dell’HOTEL STYLIST (www.stefanopediconi.it/hotelstylist.htm): un nuovo ruolo che mette a disposizione dell’albergatore un bagaglio di esperienze tale che si possa riqualificare l’immagine di un albergo, individuando i punti di debolezza ed enfatizzando i punti di forza di una struttura.
I risultati sono molto interessanti, specie in questo periodo in cui si è restii a spendere per interventi particolarmente importanti, in quanto con pochi interventi (ma ben mirati) siamo riusciti a cambiare radicalmente l’aspetto ormai datato di alcune realtà del settore.
E’ un lavoro che punta molto sulla percezione che l’ospite ha degli ambienti e sulla valorizzazione dei punti di vista significativi, sia nella camera, sia nei locali comuni come la hall, la lounge o il ristorante, con l’obiettivo di dare coerenza all’insieme di tutti gli elementi (architettura, arredi, suppellettili, accessori, ecc.).
Un lavoro che, come quello di Alex Polizzi, arriva fino a fornire validi spunti per sviluppare nuove strategie di comunicazione e di marketing.
Un lavoro semplice per un occhio specializzato, ma talmente semplice che il problema più grande è farne comprendere il valore come opportunità per riportare un hotel al passo con i tempi. E’ il titolo di una nota trasmissione televisiva ma rispecchia moltissimo la situazione del settore alberghiero italiano che ha sete di una riqualificazione generale.
In televisione, l’albergatrice Alex Polizzi viene chiamata per risollevare le sorti di alcuni alberghi inglesi, al pari di Gordon Ramsey in “Hell Hotel”, altra fortunata serie televisiva.
Grazie alla sua esperienza, riesce a valorizzare alcuni aspetti delle strutture ricettive in difficoltà, così da permettere, attraverso operazioni di restyling e di marketing, a dare nuova vita ad un hotel di qualsiasi categoria (ma anche bed & breakfast) sull’orlo del tracollo.

E’ proprio questo il lavoro che in questo momento mi piace svolgere per riqualificare le strutture alberghiere del nostro paese. Per questo, spinto dalla passione per il mondo degli hotel che da sempre mi ha sedotto con il suo fascino, ho introdotto nel settore la figura professionale dell’HOTEL STYLIST: un nuovo ruolo che mette a disposizione dell’albergatore un bagaglio di esperienze tale che si possa riqualificare l’immagine di un albergo, individuando i punti di debolezza ed enfatizzando i punti di forza di una struttura.
I risultati sono molto interessanti, specie in questo periodo in cui si è restii a spendere per interventi particolarmente importanti, in quanto con pochi interventi (ma ben mirati) siamo riusciti a cambiare radicalmente l’aspetto ormai datato di alcune realtà del settore.
E’ un lavoro che punta molto sulla percezione che l’ospite ha degli ambienti e sulla valorizzazione dei punti di vista significativi, sia nella camera, sia nei locali comuni come la hall, la lounge o il ristorante, con l’obiettivo di dare coerenza all’insieme di tutti gli elementi (architettura, arredi, suppellettili, accessori, ecc.).
Un lavoro che, come quello di Alex Polizzi, arriva fino a fornire validi spunti per sviluppare nuove strategie di comunicazione e di marketing.
Un lavoro semplice per un occhio specializzato, ma talmente semplice che il problema più grande è farne comprendere il valore come opportunità per riportare un hotel al passo con i tempi.
 

sabato 5 luglio 2014

BIM 4D Services

dal blog BIM 4D Services, di Nilesh Pujara


BIM 4D Services firm is trusted Building Information Modeling outsourcing company founded in India offering one-stop solution for Construction modeling. Our squad of dedicated architects and BIM engineers use latest CAD production tools to manage fluctuating workloads and optimize resources.

We employ Virtual Design and Construction proficiency to execute 3D, 4D, 5D, 6D and 7D BIM Modeling Services. BIM 4D Services provide a complete set of BIM Services right from 3D BIM Modeling to extracting Construction Drawings from the posers. Building Information Model conveniently helps in modifying and updating elements uniformly across the model. We provide start to end BIM Services to our clients.

Our Services include:

• Architectural BIM Services
• BIM for Structural Services
• MEP BIM Coordination Services
• BIM Drafting Drawings and Aanlysis
• 4D Modeling and Construction Planning
• HVAC BIM services
• 5D Modeling and Cost Estimation
• Clash Detection and Collision
• Revit 3D Modeling Services
• BIM Consulting Services
• BIM for Fabrication
• BIM for Contractors

Our Objective is to provide cost efficient and quality BIM Engineering solutions to the building construction industries to our clients worldwide. Our customers are spread across the US, UK, Australia and CANADA. For Further information visit: BIM4DServices.com
 

venerdì 4 luglio 2014

Different Design Design Contest | By Carlsberg

dal blog Argentdeposh, di alberto savettiere


Carlsberg in collaborazione con Paratissima e Caplavur promuove un concorso dedicato a designers e creativi per l’ideazione e la realizzazione di oggetti o complementi di arredo che integrino e valorizzino il FUSTO IN PET DRAUGHT MASTER.

I progetti selezionati alla chiusura del bando saranno realizzati ed esposti in occasione di Paratissima X che si terrà a Torino dal 5 al 9 novembre 2014. Durante la mostra i due migliori progetti, scelti dal pubblico e da una giuria selezionata, verranno premiati ciascuno con un viaggio per due persone a Copenaghen.

Bando disponibile su: http://www.caplavur.com/bandi/different-design/
Scadenza iscrizioni: 31.08.2014 

venerdì 4 luglio 2014

3D Rendering India

dal blog 3D Rendering India, di Hiral Patel


At 3D Rendering India -We supply high quality 3d architectural rendering and architectural modeling rendering services. Dedication to Quality and Execution has given us the chance to continue to service the needs of an international marketplace.

We specialize in:

• 3D Interior Design Rendering
• 3D Exterior Design
• Photomontages
• 3D Architectural Product
• Floor Plan Drawings
• House Plan Design
• 3D Animation & Walkthrough
• 360 Panorama Views

To discuss your requirements with us, please email us at: info@3drenderingindia.com
 

martedì 24 giugno 2014

am#3 cuneo

dal blog Atelier Mobile, di atelier mobile


Atelier Mobile è una scuola di architettura estiva viaggiante che si propone lo studio dello spazio pubblico e della sua trasformazione attraverso la costruzione di una piccola architettura semplice, reversibile, facilmente riciclabile. Il progetto intende esplorare il passaggio tra l'analisi progettuale e la sua traduzione pratica: l'architettura sarà realizzata in una settimana utilizzando una scatola di costruzioni di facile assemblaggio contenente i componenti di un sistema costruttivo elementare in legno.
L'atelier sarà accompagnato dalla partecipazione della comunità locale, da contributi teorici sui temi di progetto e da un'assistenza tecnica durante la fase costruttiva.
Atelier Mobile 3 si svolge a Cuneo (CN), dal 7 al 13 settembre 2014, aperto a studenti o giovani laureati di architettura, design industriale, paesaggio, ingegneria civile, per progettare e costruire un uno schermo/capanno per il birdwatchig affacciato sul lago Tetto Lupo+landmark+luogo di sosta lungo i percorsi ciclabili del Parco Fluviale Gesso e Stura.

La partecipazione al workshop di Atelier Mobile riconosce crediti formativi universitari (CFU).

Dopo la prima esperienza svoltasi nell'estate 2011 ad Igliano, tra le colline dell'Alta Langa piemontese, e la seconda edizione che ha avuto luogo ad Avigliana (TO) nel 2012,

Atelier Mobile è nuovamente pronto a costruire!



www.ateliermobile.org

info@ateliermobile.org



Atelier Mobile is a travelling architecture summer school which aim is to study urban open spaces and their transformation through the construction of a mini architecture which is flexible, reversible and recyclable. The project is going to analyse the transformation of design studies in their practical construction, it will be built in a week using a building box containing wooden elements part of a simple building system, easy to mount.
During the Atelier, the participants will meet the village community, follow lectures on themes related to the project and get a technical and operative assistance on the building site.
Atelier Mobile 2 takes place in Cuneo (Piedmont, Italy), from 7th to 13h September, open to students or young graduated in architecture, industrial design, landscaping, civil engineering, to design and build a birdwatching point+landmark+cucle path rest point.

Atelier languages will be English and Italian. Participation at Atelier Mobile workshop recognizes university credits (CFU).
After our first experience which took place during the summer 2011 at Igliano in the southern part of Langhe hills, and the second one in Avigliana,we are ready to build again!



In attached: poster of am#3 Cuneo (share it with your contacts!)

www.ateliermobile.org

info@ateliermobile.org

 






martedì 24 giugno 2014

Muebles Origenes amplia su campo de venta a traves de Internet

dal blog Muebles coloniales, di carlos rodriguez


Nuevo servicio a nuestros clientes en nuestra web, con los mejores precios del mercado.
Nuestra compañía muebles Orígenes, lleva más de catorce años dedicándose a la fabricación y venta de muebles en España, en nuestra web www.origenes.es encontrará catálogo de muebles de madera como camas, muebles bar, alacenas, armarios, habitaciones, sillas y sillones o muebles de teca de jardin, en diferentes estilos, muebles Coloniales y muebles Rústicos y Réplicas de muebles de todos los estilos, desde los muebles Victorianos, como los muebles camas dosel Chippendale o los muebles estilos Luis XVI, sin olvidar los muebles Rococó.
Todos nuestros muebles están realizados en maderas macizas, realizados a mano de forma artesanal, forman una solida estructura en su ensamblaje. Su pulido se realiza manualmente, y acabados con elementos naturales, con color medio nogal Francés, los procesos de fabricación son artesanales como en los origínales, de aquí viene nuestro nombre, Orígenes.
A través de esta web Online, usted puede comprar muebles replicas a precios accesibles, y no como los muebles origínales que antes se fabricaban, que al ser piezas de colección sus precios son excesivamente elevados. 

lunedì 23 giugno 2014

CRC presenta la nuova collezione Food, dove il cibo è su misura

dal blog CRC Arredamenti, di PRESS OFFICE CRC


E’ modulare la nuova linea Food R|evolution per adattarsi alle esigenze di esposizione dei diversi punti vendita.

La linea di arredamento per i negozi studiata da CRC corrisponde perfettamente allo stile italiano apprezzato in tutto il mondo, che affianca design e funzionalità. L’enoteca o il negozio di pane&pizza che lo sceglie può contare su un arredamento che, grazie al sistema di personalizzazione, sfrutta nel modo migliore lo spazio e la luce disponibili. Insieme, permette di esaltare nel modo migliore i prodotti esposti, che vengono subito notati dal consumatore finale per l’acquisto. Il minimalismo dell’arredamento ben fa risaltare la qualità del prodotto esposto e permette di notarne facilmente l’essenza naturale.

La nuova soluzione CRC si presenta come una linea elegante e funzionale, con arredi modulari, componibili e personalizzabili, finiture eleganti e materiali scelti attentamente, dove la produzione di natura industriale incontra il «su misura» dal sapore artigianale. Dove la raffinatezza di un arredo per negozi valorizza l’importanza del prodotto esposto e cattura l’attenzione del cliente.
CRC, tipico esempio di qualità made in Italy, da oltre 60 anni progetta arredamenti «su misura» per i negozi, producendo internamente tutti gli elementi. 60 anni di esperienza, oltre 60 persone coinvolte, 12 laboratori esterni, che permettono di realizzare oltre 600 tonnellate di mobili distribuiti annualmente in tutto il mondo.

Per maggiori informazioni visita il sito www.crc.it
CRC srl
Viale 5 Giornate 1382
21042 Caronno Pertusella VA – Italy
Tel +39 02 9659001
Fax +39 02 9659004
crc@crc.it

PRESS OFFICE – presscrc@gmail.com 

lunedì 23 giugno 2014

CRC, una nuova linea di arredi per le farmacie

dal blog CRC Arredamenti, di PRESS OFFICE CRC


E’ studiato su misura e personalizzato per farmacie e parafarmacie l’arredamento proposto da CRC.

Risponde in questo modo alle esigenze attuali, sempre più vicine agli approcci commerciali europei, sia come tipologia di arredo che come logiche espositive e di esigenze di spazio. Particolarmente valorizzata è l’estetica dell’arredamento e la sua funzionalità, che, da un lato consente di avere un punto vendita sempre più unico, inconfondibile, dinamico e moderno, e, dall’altro, permette al cliente di individuare il prodotto desiderato e scoprirne di nuovi. L’articolo a libero servizio appare subito ben visibile, mentre di quello da vendita assistita si possono identificare più facilmente le caratteristiche. Il cliente si sente così più autonomo nella scelta del prodotto da acquistare e può facilmente verificare che quel punto vendita è ben assortito.

L’arredamento CRC conta, tra le varie proposte, la Collezione Contemporary 10, con diverse possibilità di personalizzazione con materiali come l’acciaio, il laminato e le varie essenze di legno. L’attenzione al design e al gusto italiano rende la parafarmacia/farmacia così arredata un punto vendita che richiama più l’idea di benessere e di salute che quella di malattia da curare. E il cliente si sente dunque più invogliato a varcare la soglia e girare tra le scaffalature, in cerca di più prodotti che l’arredamento CRC mette in risalto.

Per maggiori informazioni visita il sito www.crc.it

CRC srl
Viale 5 Giornate 1382
21042 Caronno Pertusella VA – Italy
Tel +39 02 9659001
Fax +39 02 9659004
crc@crc.it

PRESS OFFICE – presscrc@gmail.com 

lunedì 23 giugno 2014

CRC presenta Technè: la collezione di arredo negozi modulare per gioielli

dal blog CRC Arredamenti, di PRESS OFFICE CRC


CRC Arredamenti sviluppa soluzioni creative e personalizzabili per ogni tipologia di negozio

La Collezione Contemporary 10 di CRC Arredamenti, dedicata ai retailers di ogni tipo di negozio, offre un’ampia gamma di soluzioni-linee: Classic C8, Wood W8, Wallpaper, Display, Freestanding, Banco IO. Ai quali si aggiunge la linea Technè, una serie di arredi dedicati ai negozi di bigiotteria e bijoux.

Diverse linee, accumunate da uno stile unico, capace di valorizzare le ultime mode di interior design per ogni tipologia merceologica. Il sistema espositivo Contemporary veste il vostro negozio coniugando in modo creativo e personalizzabile le esigenze di funzionalità e di estetica: i materiali e i colori a disposizione permettono diverse possibilità di personalizzazioni. Dall’acciaio, il laminato e le varie essenze di legno, tutto per rendere l’ambiente dei punti vendita sempre più unico e accattivante.

La linea Téchné consente di impiegare un montante strutturale di dimensioni ridotte per ottenere un risultato leggero e funzionale, adatto a “mettere in mostra” anche piccoli oggetti di design. Particolari di design in fusione in alluminio, minimo ingombro unito ad un’accessoriabilità totale caratterizzano la linea dedicata ai negozio di bigiotteria: una vera e propria pannellatura a muro che integra tutto l’arredamento e gran parte dei corredi delle gamme di prodotto CRC.

Coniugando funzionalità ed estetica, CRC Arredamenti realizza da 65 anni soluzioni per negozi e spazi commerciali innovativi. Le collezioni Revolution e Contemporary arredano ogni tipologia di negozio, appartenenti a settori merceologici tra i più disparati: dalla panetteria al ferramenta, dal negozio di articoli sportivi all’intimo.

Creatività progettuale e design degli spazi offrono servizi personalizzati, flessibili, intercambiabili, garantendo un’elevata visibilità ai prodotti esposti, una perfetta rifinitura, una corretta funzionalità e una maggiore durata nel tempo. Il valore alla base di CRC Arredamenti è la passione per il design di qualità, fondato su una filosofia che unisce la tradizione artigianale con la ricerca tecnologica, per poter fornire sempre prodotti qualitativamente eccellenti.

Scopri tutte la collezione su www.crc.it

CRC srl
Viale 5 Giornate 1382
21042 Caronno Pertusella VA – Italy
Tel +39 02 9659001
Fax +39 02 9659004
crc@crc.it

PRESS OFFICE CRC
presscrc@gmail.com
 

mercoledì 18 giugno 2014

Quando arredare casa?

dal blog Arredamento on line, di Paolo Bardon

Come prima cosa meglio dire quando non arredare casa e rivedere i nostri mobili, evitiamo periodi tristi, di insoddisfazione o delusione, questo stato d'animo negativo si rifletterebbe sull'ambiente circostante e la scelta dell'arredamento.

Per arredare la casa al meglio scegliamo un momento sereno, perchè è solo in questi periodi che si valuta al meglio la necessità di cambiare qualcosa per migliorare la propria qualità della vita.

Gli arredatori e gli architetti, sono abituati a sviluppare il progetto confrontandosi con i clienti per capirne bisogni ed esigenze. Allo stesso modo l'amatore e l'appassionato che non vorrà affidarsi al professionista di settore, dovrà interrogare se stesso, investigando all'interno di sè per comprendere gusti e preferenze ed all'esterno di sè valutando tutte le possibilità che la casa ed i suoi locali offrono.

Evitiamo l'ansia di fare e la frenesia. La scelta dei mobili, dello stile, dell'arredamento è un processo in continua evoluzione, in cui dovremo seguire una strada maestra, sapendoci abbandonare alla possibilità di cambiamenti e varianti di percorso, perchè forse quel colore, quel materiale, quell'arredo che all'inizio ci sembrava indispensabile, con il divenire delle cose potrebbe non esserlo più, non perchè abbiamo sbagliato qualcosa, ma perchè l'ambiente si sta sviluppando ed evolvendo, oppure perchè ciò che sembrava corretto sulla carta, non lo è più nella realtà delle cose. Non dovremo avere fretta nemmeno nell'acquisto dei mobili, perchè questo è funzionale allo spazio che andremo a creare e non il contrario, ciò che comanda è l'ambiente nel suo aspetto generale e non l' arredo singolo nel particolare, questo rappresenterà solo la ciliegina sulla torta, l'elemento che contribuirà a realizzare quello spazio abitativo che stiamo creando e sviluppando. Non bisogna costruire l'ambiente attorno al mobile, ma adattare e uniformare il mobile all'ambiente.

Le mode son belle, ma non dobbiamo seguirle per forza, l'arredamento migliore non è quello più alla moda o che ha il prezzo più alto, ma quello che rende gradevole la stanza, che ci fa sentire rilassati, a nostro agio, che ci fa sentire a casa e nessuna moda ci può dare queste sensazioni, le quali ci possono arrivare solo da una scelta profonda e ponderata dei mobili in base ai nostri gusti e alle nostre esigenze, che ci potrà regalare una casa che rifletterà la nostra personalità.


 


 

 

domenica 15 giugno 2014

Cose non comuni e appendiabiti non comuni

dal blog Arredamento on line, di Paolo Bardon

Appendiabiti Covo Latva

Covo srl rinnova la collezione di complementi arredo, articoli per la casa di design “cose non comuni”


Oggetti dalla matrice semplice, funzionale e lineare e allo stesso tempo stravaganti e fuori dal comune.


Nel mondo moderno siamo sempre più circondati da un'infinità di “cose”, concrete e astratte, reali e immaginarie, sacre e profane, utili ed inutili.


Covo, osserva quasto mondo fatto di "cose" che ci circonda e prova a immaginare nuove presenze che vadano a prendere posto negli spazi vuoti della nostra immaginazione. Oggetti nati dunque dall’attenta esplorazione del paesaggio naturale e materiale, pensando al nostro mondo come ad un foglio pieno di segni che troppo spesso si confondono, perdendo ogni loro significato … E come accade nei disegni dei bambini, dove poche linee descrivono mondi e storie, le “cose non comuni” di Covo provano a regalare semplicità, cancellando la confusione e riportando i significati all’emozione più che alla ragione. 


Covo con la semplicità ed il design, disegna così attaccapanni come rami, appendiabiti come alberi, orologi a parete come ganci in mezzo al cielo, sedute come prati in fiore, librerie come mangiatoie dove il cibo è la lettura e portafoto come fili tesi al vento, il nostro mondo di “cose” diventa un mondo di “segni” in bianco e nero o a colori, che come codici emozionali riempiono il foglio bianco dei nostri spazi. 


E le “cose non comuni” di Covo sono oggetti autonomi, capaci di relazionarsi con tutti i nostri paesaggi, ma sono anche frasi di uno stesso racconto, il racconto di Covo, un racconto che potrete trovare facilmente online.

Covo Latva rappresenta le linee guida di questa collezione, un appendiabiti dalle linee semplici e lineari, che intrecciandosi ed intersecandosi tra di loro, ricrea la naturalità di un albero in casa nostra, oppure in studio, in ufficio, un oggetto che nella sua stravaganza e particolarità si adatta a qualsiasi ambiente.

 

Orologi a parete Covo Aika
Libreria mangiatoia Covo Lesefutter










 ULTIMI POST INSERITI  
» dal blog HOTEL & SPA DESIGN
» dal blog PLANSTUDIO: Software Ho
» dal blog CRC Arredamenti
» dal blog cucina a trino
» dal blog CAD Outsourcing Service
» dal blog miCreo lab
» dal blog Green Modeling
» dal blog BIM 5D Services
» dal blog Servizi digitali dedica
» dal blog HOTEL & SPA DESIGN
 ULTIMI COMMENTI INSERITI  
ARCHIVIO
» luglio 2014
» giugno 2014
» maggio 2014
» aprile 2014
» marzo 2014
» febbraio 2014
» gennaio 2014
» dicembre 2013
» novembre 2013
» ottobre 2013
» settembre 2013
» agosto 2013
» luglio 2013
» giugno 2013
» maggio 2013
» aprile 2013
» marzo 2013
» febbraio 2013
» gennaio 2013
» dicembre 2012
» novembre 2012
» ottobre 2012
» settembre 2012
» agosto 2012
» luglio 2012
» giugno 2012
» maggio 2012
» aprile 2012
» marzo 2012
» febbraio 2012
» gennaio 2012
» dicembre 2011
» novembre 2011
» ottobre 2011
» settembre 2011
» agosto 2011
» luglio 2011
» giugno 2011
» maggio 2011
» aprile 2011
» marzo 2011
» febbraio 2011
» gennaio 2011
» dicembre 2010
» novembre 2010
» ottobre 2010
» settembre 2010
» agosto 2010
» luglio 2010
» giugno 2010
» maggio 2010
» aprile 2010
» marzo 2010
» febbraio 2010
» gennaio 2010
» dicembre 2009
» novembre 2009
» ottobre 2009
» settembre 2009
» agosto 2009
» luglio 2009
» giugno 2009
» maggio 2009
» aprile 2009
» marzo 2009
» febbraio 2009
» gennaio 2009
» dicembre 2008
» novembre 2008
» ottobre 2008
» settembre 2008
» agosto 2008
» luglio 2008
» giugno 2008
» maggio 2008
» aprile 2008
» marzo 2008
» febbraio 2008
» gennaio 2008
» dicembre 2007
» novembre 2007
» ottobre 2007
» settembre 2007
» agosto 2007
» luglio 2007
» giugno 2007
» maggio 2007
» marzo 2007
» febbraio 2007
» gennaio 2007
» dicembre 2006
» novembre 2006
» ottobre 2006
» settembre 2006
» agosto 2006
» luglio 2006
» giugno 2006


Condizioni generali | Informativa Privacy | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2005-2014 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 - Tutti i diritti riservati