Finestre per tetti piani

Porifera

Starlight


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Color Collection

Lasserhaus: da residenza aristocratica del XV secolo ad Art Hotel
Nel cuore di Bressanone Vudafieri-Saverino Partners firma il progetto di restauro architettonico e d’interior
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
LASSERHAUS: DA RESIDENZA ARISTOCRATICA DEL XV SECOLO AD ART HOTEL
22/03/2024 - Vudafieri-Saverino Partners hanno dato nuova vita alla ad Lasserhaus, una residenza aristocratica del XV secolo nel cuore di Bressanone, in Alto Adige.
 
Su commissione della famiglia Faller, da oltre 80 anni proprietari dell’antico edificio, gli architetti Claudio Saverino e Tiziano Vudafieri hanno suddiviso gli spazi trasformando i primi due piani in un Art Hotel 4 stelle superior e destinando gli ultimi due a residenza privata della famiglia.
 
La nuova struttura dedicata all’ospitalità si compone di dieci camere - di cui tre suite, sei matrimoniali e una singola - dall’atmosfera intima e sofisticata, in cui la collezione di pittura classica di proprietà dei Faller incontra opere di artisti contemporanei, rendendo così lo spazio un nuovo punto d’interesse per la collettività.
 
Dialogo tra storia e contemporaneità
Per il restauro architettonico e l’interior design di Lasserhaus, completamente vincolata dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, gli architetti hanno lavorato su un concept incentrato sul dialogo tra storia e contemporaneità. Con un approccio da sempre attento al contesto e rispettoso del genius loci, lo studio milanese ha reinterpretato gli elementi originari della residenza facendoli convivere nel nuovo Art Hotel in modo equilibrato con scelte di design contemporaneo.
 
Il progetto riflette le peculiarità della città vescovile di Bressanone, in grado di fondere la sua tradizione e atmosfera medievale con proposte culturali d’avanguardia.
Ad arricchire gli interni di Lasserhaus, situato sulle rive del fiume Isarco e collegato da un ponte al centro storico, sono infatti le opere di cinque artisti che si sono confrontati con il passato della residenza e che, con i loro interventi diffusi, hanno lasciato un segno narrativo nei vari spazi.
 
“Quando abbiamo visitato Lasserhaus eravamo entusiasti all’idea di affrontare un restauro di un edificio così carico di storia.” raccontano gli architetti Tiziano Vudafieri e Claudio Saverino. “Non si trattava solo di restaurare un palazzo seicentesco completamente vincolato dalla Soprintendenza, ma di dargli una nuova vita e renderlo un punto di interesse per la cittadinanza. Anche attraverso l’arte, integrando la preziosa collezione di famiglia di pittura classica con nuove opere contemporanee. Il nostro progetto non dimentica l’anima tradizionale del palazzo seicentesco, ma con rispetto e un po' sottovoce, dialoga con essa e l’arricchisce con linguaggi e materiali della contemporaneità. Lasserhaus diventa così un nuovo, piccolo ma importante, tassello della vita urbana della città e della sua propensione all’ospitalità.”
 
Gli ambienti
Il pianterreno accoglie la lobby e la reception, uno spazio carico di memorie, caratterizzato da un’illuminazione soffusa e impreziosito da opere e pezzi di famiglia.
Da qui si accede alle prime quattro camere e a un salottino con un angolo biblioteca a disposizione degli ospiti, oltre che alla cantina dotata di una piccola sala degustazione, interpretata da uno dei pionieri della digital art, l’austriaco Peter Kogler, utilizzando pattern psichedelici per creare insolite profondità spaziali da esplorare individualmente.
 
Percorrendo la scala interna che conduce al mezzanino - dove gli architetti hanno ricavato una SPA dotata di sauna e idromassaggio - si incontra subito l’opera di Alexander Wierer, focalizzata sull’incessante progressione del tempo e la transitorietà del presente.
 
Al primo piano sono collocate invece la sala colazione e le altre cinque camere. Pur rimanendo visibili i tratti dell’epoca, le camere assumono un nuovo volto grazie all’accostamento tra materiali naturali come il legno di larice e faggio, l’ottone, che scalda e impreziosisce i dettagli, e le superfici tattili e morbide come il velluto. A caratterizzarle anche il gioco di texture materiche che donano tridimensionalità ai rivestimenti.
 
Alcuni complementi d’arredo sono di recupero, come le sedie restaurate tipiche della tradizione tirolese, ma gran parte dei pezzi è stata realizzata su disegno degli architetti: dalle armadiature ai pannelli divisori, dalle testiere dei letti in velluto con bacchette di larice spazzolato alle scrivanie, fino alle boiserie dietro ai letti con listellature in legno minimal ed eleganti.
L’accurato studio sul colore ha dato vita alla scelta di una palette ispirata alle cromie dei boschi autunnali e della montagna: dal verde del laminato lucido ai toni del marrone declinati nel rosso del larice spazzolato, come nel larice bruciato più caldo e scuro.

Anche in alcune stanze si trovano incursioni artistiche, come ‘Barre a muro’ di Ingrid Hora, un’opera ampia che offre agli ospiti nuove prospettive e li incoraggia a dare libero sfogo alle proprie idee; o “Pensieri e pianeti”, un’installazione della celebre artista Esther Stocker: dieci sculture che sembrano galleggiare sulla volta del soffitto e che, attraverso geometrie spezzate, dissolvono i punti fissi.
 
A livello di illuminazione Vudafieri-Saverino Partners ha voluto creare un’atmosfera raccolta, con una luce diffusa delicata proveniente da lampade a terra e a parete. Negli spazi comuni sono state scelte invece lampade a sospensione come lo chandelier di grande impatto nella sala colazione, dove è stata collocata anche “Expect the best”, l’opera della visual artist Petra Polli.
 
La collezione d’arte
Il progetto artistico di Lasserhaus è firmato da due curatrici: Stefanie Prieth, per le opere d’arte contemporanea, e Rose Bourdon, per la collezione di famiglia. Questi interventi artistici sono solo l’inizio di un’attività culturale che si diramerà su più livelli, dalle residenze d’artista, alla collaborazione con altri enti culturali fino alla crescita sistematica di una collezione d’arte.
 
Centrale nel progetto curatoriale di arte contemporanea è stato il concetto di connessione e apertura: considerando l’arte stessa come strumento di relazione, gli artisti hanno trasformato con le loro opere gli spazi dell’Art Hotel in luoghi di dialogo e scambio.
 
All’interno di Lasserhaus le opere d’arte contemporanea diventano, quindi, parte integrante dell’ambiente: una presenza culturale subliminale e non invadente, un “quotidiano che fa parte di un insieme” spiega la curatrice.
 
Il progetto di curatela della collezione della famiglia Faller, composta da oltre 100 opere che spaziano dal 1600 a metà ‘900, ha voluto creare un dialogo sia tra le opere più antiche e quelle più moderne, sia tra tecniche di allestimento classiche e concettuali, traducendo questo incontro con leggerezza. La sala dell'ascensore al piano terra, nota come la sala dei “patroni”, presenta i ritratti di coppie di ex proprietari del luogo, giocando con gli sguardi dei diversi personaggi.
Tra tutti spiccano i due quadri di Stephan Kessler (1622-1700) che rappresentano la coppia Thurner, la cui moglie, Rosina, accoglie gli ospiti all’ingresso della stanza. Poco più lontano, in un angolo “conversazione”, una serie di quadri più moderni di paesaggi locali, dipinti da Lesley de Vries (1926-2012) sono stati affiancati per unire i diversi orizzonti, creando così un panorama unico e trasformando la serie frammentata in una installazione ready-made, semplice e poetica.

  Scheda progetto: Lasserhaus Art Hotel
Paolo Valentini
Vedi Scheda Progetto
Paolo Valentini
Vedi Scheda Progetto
Paolo Valentini
Vedi Scheda Progetto
Paolo Valentini
Vedi Scheda Progetto
Paolo Valentini
Vedi Scheda Progetto
Paolo Valentini
Vedi Scheda Progetto
Paolo Valentini
Vedi Scheda Progetto
Paolo Valentini
Vedi Scheda Progetto
Paolo Valentini
Vedi Scheda Progetto
Paolo Valentini
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
21.05.2024
Prende forma Ars District, il Parco dell’Arsenale di Verona
21.05.2024
L'Abbazia di Monroe Street risorge dalle ceneri
20.05.2024
La firma di BIG per il NOT A HOTEL Setouchi su una remota isola in Giappone
le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
23/05/2024 - confcommercio milano - corso venezia, 47
VALORE EDILIZIA
Come portare in alto il valore del prodotto edile
23/05/2024 - teatro bibiena, mantova
Musica-Architettura concerto in 11 stanze

25/05/2024 - milano
Open House Milano 2024
Ecosistema Città
gli altri eventi
  Scheda progetto:
Vudafieri Saverino Partners

Lasserhaus Art Hotel

 NEWS CONCORSI
+14.05.2024
Napoli realizza il Nodo Intermodale Complesso di Garibaldi-Porta Est
+03.05.2024
Un Centro di Maternità in un’area rurale dell’Africa sub sahariana
+02.05.2024
I Premi Architetto/a Italiano/a e Giovane Talento dell'Architettura italiana 2024
+30.04.2024
Open call per il curatore del Padiglione Italia 2025
+29.04.2024
Lugano: ‘Starry Night Experience’ in cima al Monte Brè
tutte le news concorsi +

Color Collection
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Contatti/Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit� |  Rss feed
� 2001-2024 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n�iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 � Riproduzione riservata