Color Collection

JULIUS

Wardrobe Collection

AQABA

Romagno Marmi


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

La Dolce Vita

L'hotel Goldene Rose in Franconia Centrale: la traduzione del passato nel presente
noa* reinterpreta la caleidoscopica storia di 5 edifici adiacenti nella cittadina medievale tedesca
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
02/02/2023 - Nell'ex città tedesca di Dinkelsbühl, nella Franconia Centrale, lo studio altoatesino noa* è riuscito a conferire a diverse identità architettoniche, ognuna con la propria storia e tipicità, un volto comune e trasformandole nell'hotel Goldene Rose
La cittadina medievale di Dinkelsbühl è uno dei centri meglio conservati della Germania, con antiche mura, fossati difensivi e le tradizionali case a graticcio. In questo singolare tessuto urbano, di fronte alla cattedrale di St. Georg, l'hotel accoglie oggi i suoi ospiti in una struttura che vanta un passato architettonico ricco di avvicendamenti e trova oggi una nuova prospettiva.
 
L’edificio originario, Goldene Rose, risale al XV secolo e annovera fra i suoi ospiti illustri la regina Vittoria, che vi soggiornò nel 1891 durante uno dei suoi viaggi. È stato il primo stabile acquistato dall'attuale proprietario dell'hotel. Per una fortunata coincidenza, anche le quattro proprietà che si susseguono sul retro della casa sono state gradualmente messe in vendita. Da qui è nata l'idea di riunire tutti gli edifici sotto un unico tetto, prestando particolare attenzione alla conservazione della struttura storica.
 
I cinque edifici hanno visto susseguirsi nel corso dei secoli una grande varietà di funzioni: mentre l’hotel Goldene Rose ha sempre svolto l’attività di albergo, nelle case adiacenti si sono alternati magazzini, locande, una birreria, un cinema, una sala da ballo, un casinò e degli appartamenti. La sfida più grande per gli architetti e gli interior designer è stato perciò, partendo da questo mosaico di funzioni, sviluppare un concetto spaziale unificato, senza però offuscare le ricche tracce della storia. La ricerca dell'essenza dell'edificio - da sempre uno dei principi guida di noa* -, il superamento dei dislivelli interni, la stesura di un programma funzionale adeguato alle cubature originali hanno rappresentato solo alcune delle intricate sfide progettuali di questo incarico.
 
Il Goldene Rose, casa di testa dell’ensemble, dalla facciata a graticcio color senape, si affaccia sulla piazza cittadina e accoglie sia gli ospiti dell'hotel che visitatori giornalieri. Varcata la porta d’entrata, ci si imbatte subito nel pensiero progettuale che permea l'intero progetto, ovvero la traduzione del passato nel presente.
La prima stazione che si incontra è il bar ‘Vicky’, dal nome dalla regina ospite: il bancone rivestito in granito nero e specchi antichi e il confortevole salotto accanto al caminetto invitano l’avventore ad indugiare per un po’ sulle confortevoli poltrone. Superato il bar e la scala principale originale, la lobby e la spaziosa reception riprendono i dislivelli esistenti e l’andamento delle pareti, creando spazi di seduta più appartati e tranquilli.
 
“L'ospite deve vivere l'edificio in tutte le sue peculiarità, non solo attraverso le travi storiche del soffitto, ma anche attivamente, salendo, scendendo, muovendosi fra le diverse altezze e i dislivelli della casa"Lukas Rungger, fondatore noa* e architetto responsabile del progetto.
 
Attraversando il secondo edificio, riservato agli spazi di circolazione e a vari locali di servizio, si entra nella casa numero tre, che ospitava al primo piano l'ex sala da ballo del 1870.
Al piano terra, gli ospiti dell'hotel possono fare colazione e cenare nel ristorante “Kantine Rosine”. L'ambiente è arricchito da una carta da parati che decora sia le pareti che il soffitto e da tende leggermente trasparenti per aree separate e più tranquille. Il cortile interno offre una vista sulla cattedrale, sui piani superiori dell'hotel e sulla piscina all'aperto situata all'ultimo piano.
La quarta casa, un ex edificio residenziale utilizzato in passato come casinò, ospita una parte delle 43 camere dell'hotel e si allaccia all'ultimo edificio, ex locanda e birreria, che ospita appartamenti progettati esternamente, anch'essi parte del Goldene Rose.
 
Anche se le stanze del Goldene Rose sono suddivise in tre categorie, si rifanno tutte alla stessa estetica e allo stesso design concept. Ognuna di esse è dotata di un divano sospeso, di un arazzo sopra il letto ispirato al passato medievale della città e di un bagno aperto che pare dissolversi nella stanza grazie a superfici a specchio simili a mosaici.
Uniche nel loro genere sono le junior suite collocate nel primo edificio: occupano infatti due piani, il superiore dei quali è una mansarda con capriate a vista dove si trova la zona notte. Qui l'arazzo riveste anche il pavimento, creando un'accogliente alcova per il letto.
 
Un vero e proprio fiore all'occhiello della casa è l'ex sala da ballo e poi cinema degli anni '50, le cui finestre murate sono state riaperte nel corso del progetto e il cui spazio è stato trasformato in una sala multifunzionale per eventi.
 
L'area benessere si trova all'ultimo piano e si estende lungo tutto il tetto. noa* ha lavorato con estrema sensibilità per non apportare modifiche sostanziali all'aspetto esterno. L’accesso alla “Attic Spa” avviene attraverso un'area dedicata a massaggi e trattamenti con adiacente terrazza. La piscina a sfioro esterna, lunga dieci metri, offre una vista unica sulla cattedrale. Per evitare di far apparire la piscina come un corpo estraneo da una vista aerea, questa è stata coperta. Attraverso le forature del tetto a falde, i nuotatori possono vedere le nuvole, ma la vasca rimane invisibile dall'alto. L'area benessere è completata da un'ampia zona relax disposta su due piani, un fruit bar e un’area saune separata. Una scala interna conduce alla parte più alta del sottotetto, dove le travi in legno a vista, l'atmosfera intima e la possibilità di stendersi su reti sospese sulla doppia altezza garantiscono un'esperienza di relax unica.
 
 

  Scheda progetto: Goldene Rose
Alex Filz
Vedi Scheda Progetto
Alex Filz
Vedi Scheda Progetto
Alex Filz
Vedi Scheda Progetto
Alex Filz
Vedi Scheda Progetto
Alex Filz
Vedi Scheda Progetto
Alex Filz
Vedi Scheda Progetto
Alex Filz
Vedi Scheda Progetto
Alex Filz
Vedi Scheda Progetto
Alex Filz
Vedi Scheda Progetto
Alex Filz
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
13.06.2024
Park Associati crea ‘un cristallo trasparente’ per la nuova sede di Luxottica
13.06.2024
I classici giardini cinesi rivivono nella Emerald Screen Pergola di Wutopia Lab
12.06.2024
Stefano Boeri architetti realizzerà un nuovo quartiere a Bratislava
le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
14/06/2024 - ordine degli architetti di treviso in piazza delle istituzioni - blocco h, 31100, treviso tv
Quando l'architetto mette in Luce

18/06/2024 - bologna
Opentour 2024 – Art is coming out
Evento diffuso a Bologna
19/06/2024 - napoli
AOH 2024 | Architettura Open House Napoli 2024

gli altri eventi
  Scheda progetto:
NOA

Goldene Rose

 NEWS CONCORSI
+13.06.2024
Progettare un rifugio sostenibile in Marocco
+13.06.2024
Reuse Italy promuove la call for photos 'Atlas of ruins'
+11.06.2024
Making Mistakes: al via il 13° concorso Posterheroes
+07.06.2024
Al via il 9° Design Awards “Accendi la tua idea”
+07.06.2024
Realizzazione del nuovo Centro civico e culturale di Monteceneri
tutte le news concorsi +

interno_SHOP_Promo_Flos
La Dolce Vita
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Contatti/Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit� |  Rss feed
� 2001-2024 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n�iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 � Riproduzione riservata