VOG

Curve

BEAMS MONO-EL

Tile of Spain Awards


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


Masseria Belvedere: da ‘rovina di pietra su roccia’ a nuovo resort della Valle d’Itria
Una serie di semplici geometrie permettono relazioni conviviali fino ad ora inesistenti
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
Foto Lorenzo Zandri Foto Lorenzo Zandri
23/09/2022 - Lo studio Valari ha recentemente concluso il progetto di riqualificazione di Masseria Belvedere, una masseria del ‘600 a Carovigno in Valle d’Itria.
La masseria, che si estende su un ettaro e mezzo di terreno che comprende anche un uliveto secolare, presenta una struttura a L, interamente in pietra e voltata in tutti i suoi ambienti, e un’ampia vista sulla costa adriatica.
 
Il progetto curato da Valari ha previsto la ristrutturazione dell’edificio esteso per 500 mq, in parte su due livelli, che ora ospita 8 camere doppie e 8 bagni nel volume esistente a due piani; ha previsto, inoltre, una sala yoga al piano terra e una games room con cocktail bar. Il piano terra che affaccia sul mare ospita la zona giorno, uno spazio unico a due livelli che segue il pendio della roccia e include cucina, sala pranzo e salotto.
 
All’esterno, la piscina a sfioro corre parallela alla zona giorno e all’orizzonte del mare, accanto il solarium, il focolare e una cucina esterna, una seconda zona pranzo e living; al primo piano la terrazza da cui godersi il tramonto ospita la jacuzzi.
 
L’idea progettuale della masseria è stata guidata dalla volontà di accogliere gli ospiti creando spazi amplificati nelle loro infinite possibilità.

“Progettare per noi significa creare spazialità che non esistevano prima, aprire viste che erano occluse, svelare luoghi non accessibili. Disegnare il progetto della masseria è stato questo: costruire una serie di semplici geometrie che permettessero relazioni conviviali fino ad allora inesistenti”.
 
Prima dell’intervento l’edificio si presentava come una rovina di pietra su roccia ed è proprio questo forte carattere materico che ha condotto gli architetti nella declinazione dell’intervento contemporaneo su un edificio esistente così potente.
 
“Una delle urgenze del progetto è stata inoltre capire come unire un approccio architettonico contemporaneo ad una preesistenza di questo tipo.
Abbiamo deciso di lavorare in prevalenza sugli elementi orizzontali, individuando geometrie di connessione orientate verso il mare, a sottolineare la direzione primaria del progetto: la cucina e il tavolo da pranzo, allineate nel lungo spazio della zona giorno a diversi livelli, il bancone del bar al primo piano che accompagna lo sguardo verso la terrazza e il mare; oltre alla piscina, la vasca sul tetto e le pedane esterne, parallele all’orizzonte.”

 
Valari ha, inoltre, intrapreso uno studio dettagliato dello stato di fatto della masseria, così da valutare il miglior moodboard progettuale. 
Studiando la maternità dell’edificio - i pavimenti di roccia, i muri di pietra e le volte, le varie orditure, i differenti tipi di pietra, le porosità, la diversa malta - e lo stato di conservazione, ovvero i diversi tipi di posa in opera, alcuni pezzi storici altri più recenti, alcun con pietre di recupero e alcuni più preziosi - sono state definite le scelte progettuali.
In alcuni casi si è optato per mantenere il carattere roccioso, lasciando che la collina “entrasse nel progetto”; in altri casi, invece, dando più spazio a materiali contemporanei: microcemento e intonaco per garantire superfici omogenee e continue dai colori neutri, il legno di rovere sbiancato degli arredi fissi, il marmo di Apricena, i toni caldi e naturali degli arredi e dei tessuti hanno contribuito a dare una maggiore domesticità al manufatto rurale.
 
“Era per noi importante scegliere materiali che potessero aggiungere un’idea di comfort alla complessità della masseria. Le linee sottili degli infissi in acciaio scuro, gli arredi esterni in metallo colorato, le luci interne in ottone, come la linea di sanitari e rubinetteria, tutti elementi scelti per delineare un contrasto tra l’esistente e il nuovo intervento così da arricchire la percezione dello spazio” - concludono gli architetti.
Gli accenti di colore sono stati lasciati alle cementine, agli arredi o ad alcune lampade.

La selezione dei materiali va a sottolineare il forte legame con il territorio e la ricerca, condotta con aziende locali, volta a scoprire e riutilizzare in chiave contemporanea materiali e manodopera pugliese.
 
“Abbiamo, inoltre, scelto di replicare all’esterno ogni spazio di socialità interno, il contesto e la cultura pugliese non ci permettono di trascurare la vita degli ospiti all’aperto.
Nel progetto di landscape, in collaborazione con l’arch. Simona Serafino, oltre alla zona piscina, abbiamo immaginato numerosi ambiti: il giardino roccioso, l’orto, l’aranceto, che ora ospita anche un campo da beach volley, e l’uliveto secolare con la zona amache”.

  Scheda progetto: Masseria Belvedere
Lorenzo Zandri
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Zandri
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Zandri
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Zandri
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Zandri
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Zandri
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Zandri
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Zandri
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Zandri
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Zandri
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
Ugo Greco
Ostuni ha buona parte del suo territorio nella valle d'Itria infatti si inoltra fino alla città di Martina oltre la frazione di Galante e fino quasi Cisternino oltre la frazione di Chiobbica
Gianni
Da martinese, sono molto lusingato e onorato di leggere sempre più spesso che molti paesi ritengono di rientrare nella Valle d'Itria. Mi è capitato, di recente, di notare che località quali: Carovigno, Villa Castelli, Montalbano, San Vito dei Normanni, Savelletri, e mi fermo qui per tema di sforare i 2000 caratteri, ne farebbero parte. Evidentemente avranno più di una buona ragione per volerne far parte. Ma non è questo il punto, io non ho nulla contro le aspirazioni -giuste o sbagliate che siano- dei cittadini delle succitate località. Anzi, torno a ripetere, ne sono lusingato e onorato. Purtroppo per loro, però, parla la geografia, la quale dimostra, in maniera incontrovertibile, che il cuore pulsante della Valle d'Itria è rappresentato dai seguenti 3 paesi: Cisternino, Locorotondo e Martina Franca, che la circondano guardandola dall'alto. Ceglie Messapica, Ostuni e Alberobello possiedono solo delle brevi diramazioni o ramificazioni, chi più chi meno, che non rientrano affatto nel "vero cuore" della Valle d'Itria, delimitato soltanto dai tre paesi ricordati. Con buona pace di tutti gli altri.
Gianni
Da martinese, sono molto lusingato e onorato di leggere sempre più spesso che molti paesi ritengono di rientrare nella Valle d'Itria. Mi è capitato, di recente, di notare che località quali: Carovigno, Villa Castelli, Montalbano, San Vito dei Normanni, Savelletri, e mi fermo qui per tema di sforare i 2000 caratteri, ne farebbero parte. Evidentemente avranno più di una buona ragione per volerne far parte. Ma non è questo il punto, io non ho nulla contro le aspirazioni -giuste o sbagliate che siano- dei cittadini delle succitate località. Anzi, torno a ripetere, ne sono lusingato e onorato. Purtroppo per loro, però, parla la geografia, la quale dimostra, in maniera incontrovertibile, che il cuore pulsante della Valle d'Itria è rappresentato dai seguenti 3 paesi: Cisternino, Locorotondo e Martina Franca, che la circondano guardandola dall'alto. Ceglie Messapica, Ostuni e Alberobello possiedono solo delle brevi diramazioni o ramificazioni, chi più chi meno, che non rientrano affatto nel "vero cuore" della Valle d'Itria, delimitato soltanto dai tre paesi ricordati. Con buona pace di tutti gli altri.
Gianni
Da martinese, sono molto lusingato e onorato di leggere sempre più spesso che molti paesi ritengono di rientrare nella Valle d'Itria. Mi è capitato, di recente, di notare che località quali: Carovigno, Villa Castelli, Montalbano, San Vito dei Normanni, Savelletri, e mi fermo qui per tema di sforare i 2000 caratteri, ne farebbero parte. Evidentemente avranno più di una buona ragione per volerne far parte. Ma non è questo il punto, io non ho nulla contro le aspirazioni -giuste o sbagliate che siano- dei cittadini delle succitate località. Anzi, torno a ripetere, ne sono lusingato e onorato. Purtroppo per loro, però, parla la geografia, la quale dimostra, in maniera incontrovertibile, che il cuore pulsante della Valle d'Itria è rappresentato dai seguenti 3 paesi: Cisternino, Locorotondo e Martina Franca, che la circondano guardandola dall'alto. Ceglie Messapica, Ostuni e Alberobello possiedono solo delle brevi diramazioni o ramificazioni, chi più chi meno, che non rientrano affatto nel "vero cuore" della Valle d'Itria, delimitato soltanto dai tre paesi ricordati. Con buona pace di tutti gli altri.
Gianni
Da martinese, sono molto lusingato e onorato di leggere sempre più spesso che molti paesi ritengono di rientrare nella Valle d'Itria. Mi è capitato, di recente, di notare che località quali: Carovigno, Villa Castelli, Montalbano, San Vito dei Normanni, Savelletri, e mi fermo qui per tema di sforare i 2000 caratteri, ne farebbero parte. Evidentemente avranno più di una buona ragione per volerne far parte. Ma non è questo il punto, io non ho nulla contro le aspirazioni -giuste o sbagliate che siano- dei cittadini delle succitate località. Anzi, torno a ripetere, ne sono lusingato e onorato. Purtroppo per loro, però, parla la geografia, la quale dimostra, in maniera incontrovertibile, che il cuore pulsante della Valle d'Itria è rappresentato dai seguenti 3 paesi: Cisternino, Locorotondo e Martina Franca, che la circondano guardandola dall'alto. Ceglie Messapica, Ostuni e Alberobello possiedono solo delle brevi diramazioni o ramificazioni, chi più chi meno, che non rientrano affatto nel "vero cuore" della Valle d'Itria, delimitato soltanto dai tre paesi ricordati. Con buona pace di tutti gli altri.
Gianni
Da martinese, sono molto lusingato e onorato di leggere sempre più spesso che molti paesi ritengono di rientrare nella Valle d'Itria. Mi è capitato, di recente, di notare che località quali: Carovigno, Villa Castelli, Montalbano, San Vito dei Normanni, Savelletri, e mi fermo qui per tema di sforare i 2000 caratteri, ne farebbero parte. Evidentemente avranno più di una buona ragione per volerne far parte. Ma non è questo il punto, io non ho nulla contro le aspirazioni -giuste o sbagliate che siano- dei cittadini delle succitate località. Anzi, torno a ripetere, ne sono lusingato e onorato. Purtroppo per loro, però, parla la geografia, la quale dimostra, in maniera incontrovertibile, che il cuore pulsante della Valle d'Itria è rappresentato dai seguenti 3 paesi: Cisternino, Locorotondo e Martina Franca, che la circondano guardandola dall'alto. Ceglie Messapica, Ostuni e Alberobello possiedono solo delle brevi diramazioni o ramificazioni, chi più chi meno, che non rientrano affatto nel "vero cuore" della Valle d'Itria, delimitato soltanto dai tre paesi ricordati. Con buona pace di tutti gli altri.
Gianni
Da martinese, sono molto lusingato e onorato di leggere sempre più spesso che molti paesi ritengono di rientrare nella Valle d'Itria. Mi è capitato, di recente, di notare che località quali: Carovigno, Villa Castelli, Montalbano, San Vito dei Normanni, Savelletri, e mi fermo qui per tema di sforare i 2000 caratteri, ne farebbero parte. Evidentemente avranno più di una buona ragione per volerne far parte. Ma non è questo il punto, io non ho nulla contro le aspirazioni -giuste o sbagliate che siano- dei cittadini delle succitate località. Anzi, torno a ripetere, ne sono lusingato e onorato. Purtroppo per loro, però, parla la geografia, la quale dimostra, in maniera incontrovertibile, che il cuore pulsante della Valle d'Itria è rappresentato dai seguenti 3 paesi: Cisternino, Locorotondo e Martina Franca, che la circondano guardandola dall'alto. Ceglie Messapica, Ostuni e Alberobello possiedono solo delle brevi diramazioni o ramificazioni, chi più chi meno, che non rientrano affatto nel "vero cuore" della Valle d'Itria, delimitato soltanto dai tre paesi ricordati. Con buona pace di tutti gli altri.
Gianni
Da martinese, sono molto lusingato e onorato di leggere sempre più spesso che molti paesi ritengono di rientrare nella Valle d'Itria. Mi è capitato, di recente, di notare che località quali: Carovigno, Villa Castelli, Montalbano, San Vito dei Normanni, Savelletri, e mi fermo qui per tema di sforare i 2000 caratteri, ne farebbero parte. Evidentemente avranno più di una buona ragione per volerne far parte. Ma non è questo il punto, io non ho nulla contro le aspirazioni -giuste o sbagliate che siano- dei cittadini delle succitate località. Anzi, torno a ripetere, ne sono lusingato e onorato. Purtroppo per loro, però, parla la geografia, la quale dimostra, in maniera incontrovertibile, che il cuore pulsante della Valle d'Itria è rappresentato dai seguenti 3 paesi: Cisternino, Locorotondo e Martina Franca, che la circondano guardandola dall'alto. Ceglie Messapica, Ostuni e Alberobello possiedono solo delle brevi diramazioni o ramificazioni, chi più chi meno, che non rientrano affatto nel "vero cuore" della Valle d'Itria, delimitato soltanto dai tre paesi ricordati. Con buona pace di tutti gli altri.
Gianni
Da martinese, sono molto lusingato e onorato di leggere sempre più spesso che molti paesi ritengono di rientrare nella Valle d'Itria. Mi è capitato, di recente, di notare che località quali: Carovigno, Villa Castelli, Montalbano, San Vito dei Normanni, Savelletri, e mi fermo qui per tema di sforare i 2000 caratteri, ne farebbero parte. Evidentemente avranno più di una buona ragione per volerne far parte. Ma non è questo il punto, io non ho nulla contro le aspirazioni -giuste o sbagliate che siano- dei cittadini delle succitate località. Anzi, torno a ripetere, ne sono lusingato e onorato. Purtroppo per loro, però, parla la geografia, la quale dimostra, in maniera incontrovertibile, che il cuore pulsante della Valle d'Itria è rappresentato dai seguenti 3 paesi: Cisternino, Locorotondo e Martina Franca, che la circondano guardandola dall'alto. Ceglie Messapica, Ostuni e Alberobello possiedono solo delle brevi diramazioni o ramificazioni, chi più chi meno, che non rientrano affatto nel "vero cuore" della Valle d'Itria, delimitato soltanto dai tre paesi ricordati. Con buona pace di tutti gli altri.
Gianni
Da martinese, sono molto lusingato e onorato di leggere sempre più spesso che molti paesi ritengono di rientrare nella Valle d'Itria. Mi è capitato, di recente, di notare che località quali: Carovigno, Villa Castelli, Montalbano, San Vito dei Normanni, Savelletri, e mi fermo qui per tema di sforare i 2000 caratteri, ne farebbero parte. Evidentemente avranno più di una buona ragione per volerne far parte. Ma non è questo il punto, io non ho nulla contro le aspirazioni -giuste o sbagliate che siano- dei cittadini delle succitate località. Anzi, torno a ripetere, ne sono lusingato e onorato. Purtroppo per loro, però, parla la geografia, la quale dimostra, in maniera incontrovertibile, che il cuore pulsante della Valle d'Itria è rappresentato dai seguenti 3 paesi: Cisternino, Locorotondo e Martina Franca, che la circondano guardandola dall'alto. Ceglie Messapica, Ostuni e Alberobello possiedono solo delle brevi diramazioni o ramificazioni, chi più chi meno, che non rientrano affatto nel "vero cuore" della Valle d'Itria, delimitato soltanto dai tre paesi ricordati. Con buona pace di tutti gli altri.
Francesco de luca
Destinazione d'uso?
Francesco de luca
Destinazione d'uso?
Francesco de luca
Destinazione d'uso?
Francesco de luca
Destinazione d'uso?
Francesco de luca
Destinazione d'uso?
Francesco de luca
Destinazione d'uso?
Francesco de luca
Destinazione d'uso?
Orazio
Carovigno non è e non sarà mai in valle d itria! Locorotondo, Martina Franca, Alberobello, Cisternino e al limite Ceglie, queste solamente sono valle d itria.
Orrrr
Carovigno non è e non sarà mai in valle d itria! Locorotondo, Martina Franca, Alberobello, Cisternino e al limite Ceglie, queste solamente sono valle d itria.
Or
Carovigno non è e non sarà mai in valle d itria! Locorotondo, Martina Franca, Alberobello, Cisternino e al limite Ceglie, queste solamente sono valle d itria.
Or
Carovigno non è e non sarà mai in valle d itria! Locorotondo, Martina Franca, Alberobello, Cisternino e al limite Ceglie, queste solamente sono valle d itria.
Or
Carovigno non è e non sarà mai in valle d itria! Locorotondo, Martina Franca, Alberobello, Cisternino e al limite Ceglie, queste solamente sono valle d itria.
Lucia Convertini
Scusate come posso cancellare i miei commenti multipli?
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
Lucia Convertini
Mi sarebbe piaciuto vedere come era prima dei lavori.La ristrutturazione e sicuramente ben riuscita ma come già puntualizzato da altri la valle d'itria è un po' spostata rispetto a Carovigno,precisamente vi si affacciano Martina Franca, Locorotondo, Cisternino e Ceglie Messapica,un po anche Ostuni perché parte del suo territorio rurale si allunga fino al centro della valle.
FANELLI MARTINO
Lavoro encomiabile da parte dei progettisti ed esecutori delle opere. Però la Valle D'Itria è un po' distante dalla zona di cui si parla pertanto è errato affermare che il complesso ricade in tale zona.
FANELLI MARTINO
Lavoro encomiabile da parte dei progettisti ed esecutori delle opere. Però la Valle D'Itria è un po' distante dalla zona di cui si parla pertanto è errato affermare che il complesso ricade in tale zona.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
05.10.2022
Nazioni Unite: architetti, ingegneri e urbanisti uniti sotto il segno della sostenibilità
04.10.2022
Milano: la storica fabbrica tessile di via Sassetti diventa workhub
30.09.2022
Si concludono i lavori di The Valley, “il miglior grattacielo del mondo”
le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
07/10/2022 - complesso di san domenico maggiore vico san domenico maggiore 18, napoli (italia)
Edit Napoli 2022
Fiera del design editoriale e d’autore
07/10/2022 - studio trisorio, via carlo poerio 116, napoli
Colore di base

11/10/2022 - camera – centro italiano per la fotografia, torino
Robert Doisneau

gli altri eventi
  Scheda progetto:
Valari

Masseria Belvedere

 NEWS CONCORSI
+05.10.2022
Wood Architecture Prize by Klimahouse: candidature fino al 6 gennaio 2023
+28.09.2022
Greening the Industrial City: un parco industriale lungo il corso d'acqua naturale di Houston
+28.09.2022
Al via Art Cathedral, il nuovo concorso di idee di YAC
+26.09.2022
Piazza Armerina: percorsi e accessibilità nel centro storico
+21.09.2022
Gaudí La Coma Artists' Residences
tutte le news concorsi +

Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2022 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata