VOG

Curve

Tile of Spain Awards

BEAMS MONO-EL


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


Il rifugio Pedrotti: un “Faro di montagna”
Sarà un punto di riferimento visivo per gli alpinisti e gli escursionisti in cammino
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
12/09/2022 - È stato proclamato il vincitore del concorso per la ristrutturazione dell’ultimo piano del rifugio Tommaso Pedrotti alla Tosa San Lorenzo Dorsino (TN).
Ad aggiudicarsi il concorso il progetto Il rifugio Pedrotti, “Un Faro di montagna” di Stefano Pasquali (capogruppo), Samantha Minozzi, Alberto Stangherlin e Moser Andrea (consulente).
 
"Il rifugio Pedrotti ha conservato nel tempo il significato originale della parola “rifugio”: svincolato da accessi carrabili o da funivie, è frequentato principalmente dai veri amanti della montagna quali escursionisti e alpinisti esperti.
 
L’idea progettuale parte da questa consapevolezza e cerca principalmente di dialogare con gli interlocutori di questo ambiente di alta montagna evitando l’immagine di “albergo di alta quota” che negli ultimi decenni si è sempre più diffuso.
L’intento dei progettisti è quello di rispondere alle esigenze funzionali richieste senza snaturare la sua vera natura.
Il rifugio alpino è la struttura che, per eccellenza, offre ad alpinisti ed escursionisti riparo dalle tenebre, dal gelo della notte e dalle avverse condizioni che in montagna si possono presentare nel giro di poche ore.

L’immagine che abbiamo scelto per il progetto è quella di “faro di montagna”. Un punto di riferimento visivo per gli alpinisti e gli escursionisti in cammino, data la sua posizione strategica, visibile dai vari sentieri. Una luce in un arrivo notturno, un barlume nella nebbia, un grande tetto rosso che alla vista allevia le fatiche dopo una giornata tra le vette. Quattro finestre illuminate alla sommità del rifugio saranno sinonimo di sicurezza, calore e riparo per gli escursionisti e alpinisti.
 
Quattro luci per quattro vie e quattro finestre per quattro panorami
Il volume di ampliamento pensato per il rifugio Pedrotti si adatta allo spettacolare contesto paesaggistico delle Dolomiti di Brenta, garantendo più relazioni visive tra interno ed esterno.
Il principio fondamentale del progetto è l’inserimento del manufatto nel paesaggio da diversi punti di vista: ogni oggetto cambia a seconda da dove lo si guarda.
 
Le quattro aperture al piano terzo diventano all’esterno quattro punti di riferimento per chi si avventura nei sentieri e vie nelle vicinanze.
All’interno le aperture sono quattro cornici da cui poter osservare il panorama delle Dolomiti di Brenta al riparo di un nuovo e confortevole tetto.
 
L’attuale volume edilizio si presenta come una composizione frammentata di più corpi di fabbrica aggiunti nel tempo. La volontà del progetto è quella di creare un nuovo elemento che sappia dialogare con le preesistenze. Un approccio pacato, fatto di pochi segni: il grande tetto e la scala di emergenza. Abbiamo scelto un linguaggio contemporaneo con forme semplici che richiamano un’architettura essenziale legata alla funzionalità.
 
La nuova copertura e la scala collaborano assieme generando la morfologia architettonica che rimanda l’immagine dell’attuale rifugio. Solitamente le scale di emergenza sono percepite come elementi tecnici che poco dialogano con l’intero edificio. Nel nostro progetto la si è voluta rendere protagonista, posizionandola nella facciata principale e riservandole più ruoli: torretta visiva, sistema distributivo, uscita di emergenza, elemento di adeguamento sismico.
 
La volontà di richiamare a livello percettivo e materico le coperture dei recenti volumi edilizi ha portato alla decisione di utilizzare un rivestimento in lamiera aggraffata di colore rosso. Questo permetterà un migliore mantenimento e una ridotta manutenzione della nuova struttura garantendo un alto grado di visibilità.
 
Il progetto è il frutto di un efficace integrazione tra concezione statica, tecnologia e architettura. L’involucro edilizio è stato progettato seguendo i requisiti di sostenibilità ambientale abbinati all’utilizzo di tecnologie di costruzione a secco che consentono di ottimizzare il trasporto, riducendo le tempistiche nelle fasi di montaggio grazie alla prefabbricazione a valle".
 





Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
agostino
ridicolo.. semplicemente ridicolo.. e gli danno pure il premio!
agostino
ridicolo.. semplicemente ridicolo.. e gli danno pure il premio!
Vast
Se è un rifugio (da intemperie o altro) cosa serve l'ampliamento? Serve il "faro"? Non sono chiare le motivazioni dell'intervento
Vast
Se è un rifugio (da intemperie o altro) cosa serve l'ampliamento? Serve il "faro"? Non sono chiare le motivazioni dell'intervento
Vast
Se è un rifugio (da intemperie o altro) cosa serve l'ampliamento? Serve il "faro"? Non sono chiare le motivazioni dell'intervento
salvatore melorio
mi affido al buon senso espresso dai residenti: Io sono napoletano abituato agli scempi che si continuano a perpetrare nella niostra terra:anche a me questo progetto sembra uno scempio,che snatura il caratteristico paesaggio dolomitico che visito ogni anno
salvatore melorio
mi affido al buon senso espresso dai residenti: Io sono napoletano abituato agli scempi che si continuano a perpetrare nella niostra terra:anche a me questo progetto sembra uno scempio,che snatura il caratteristico paesaggio dolomitico che visito ogni anno
salvatore melorio
mi affido al buon senso espresso dai residenti: Io sono napoletano abituato agli scempi che si continuano a perpetrare nella niostra terra:anche a me questo progetto sembra uno scempio,che snatura il caratteristico paesaggio dolomitico che visito ogni anno
Pacata
E meno male che si tratta di un approccio pacato....non oso pensare al risultato di un approccio non pacato
Il bruno
Siete fortunati che gli alpinisti veri sono degli individualisti incurabili e lupi solitari.... Altrimenti ste cose (tipo grinza e Santer ) VR le brucerebbero il primo giorno di chiusura.
Federico piazzon
Un faro in montagna. Nulla di più triste. Nulla di nuovo in questo panorama di scempio legalizzato. Avanti così. Tra dieci anni le Dolomiti saranno solo un ricordo.
Federico piazzon
Un faro in montagna. Nulla di più triste. Nulla di nuovo in questo panorama di scempio legalizzato. Avanti così. Tra dieci anni le Dolomiti saranno solo un ricordo.
Federico piazzon
Un faro in montagna. Nulla di più triste. Nulla di nuovo in questo panorama di scempio legalizzato. Avanti così. Tra dieci anni le Dolomiti saranno solo un ricordo.
Federico piazzon
Un faro in montagna. Nulla di più triste. Nulla di nuovo in questo panorama di scempio legalizzato. Avanti così. Tra dieci anni le Dolomiti saranno solo un ricordo.
Bruno Tonarelli
A parere mio il progetto è impresentabile, queste cose le fanno nel sudtirolo pensando di essere bravi.
Bruno Tonarelli
A parere mio il progetto è impresentabile, queste cose le fanno nel sudtirolo pensando di essere bravi.
Paolo Frassoni
Una boazza illuminata su un edificio di valore storico e paesaggistico.
Paolo Frassoni
Una boazza illuminata su un edificio di valore storico e paesaggistico.
Paolo Frassoni
Una boazza illuminata su un edificio di valore storico e paesaggistico.
Andrea
Bello come un pugno in un occhio

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
05.10.2022
Nazioni Unite: architetti, ingegneri e urbanisti uniti sotto il segno della sostenibilità
04.10.2022
Milano: la storica fabbrica tessile di via Sassetti diventa workhub
30.09.2022
Si concludono i lavori di The Valley, “il miglior grattacielo del mondo”
le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
07/10/2022 - complesso di san domenico maggiore vico san domenico maggiore 18, napoli (italia)
Edit Napoli 2022
Fiera del design editoriale e d’autore
07/10/2022 - studio trisorio, via carlo poerio 116, napoli
Colore di base

11/10/2022 - camera – centro italiano per la fotografia, torino
Robert Doisneau

gli altri eventi
 NEWS CONCORSI
+05.10.2022
Wood Architecture Prize by Klimahouse: candidature fino al 6 gennaio 2023
+28.09.2022
Greening the Industrial City: un parco industriale lungo il corso d'acqua naturale di Houston
+28.09.2022
Al via Art Cathedral, il nuovo concorso di idee di YAC
+26.09.2022
Piazza Armerina: percorsi e accessibilità nel centro storico
+21.09.2022
Gaudí La Coma Artists' Residences
tutte le news concorsi +

Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2022 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata