SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


Un ristorante stellato in un palazzo ottocentesco del centro storico di Trani
Volte a vela e murature in tufo e pietra definiscono i tre livelli di Quintessenza, in un dialogo tra passato e futuro
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
Ph. © Claudio Palma Ph. © Claudio Palma
25/07/2022 - Una stella Michelin, primo d’Italia e n. 9 nel mondo nei “Travellers’ Choice Best of the Best 2021. Il ristorante Quintessenza sorge nel centro storico di Trani, in una posizione privilegiata con affaccio sul castello Svevo, con vista cattedrale e come sfondo il mare. Un ristorante di famiglia dove lo chef Stefano Di Gennaro reinterpreta con creatività contemporanea la tradizione della cucina pugliese e le sue radici locali. 

L'intervento – la cui progettazione e direzione lavori è stata curata dallo studio tranese Cervino Ingegneri & Architetti Associati con la collaborazione di Corfone+Partners che ne ha firmato il progetto di interior – si sviluppa all’interno di in un palazzo dell’Ottocento in pietra e tufo con terrazza belvedere sulle meraviglie della “perla dell’Adriatico”.
Per citare  Aristotele, la Quintessenza con i quattro elementi aria, acqua, fuoco, terra, indica l’etere. Il quinto elemento. Sono proprio i 4 elementi a costituire il fil rouge dell’intero progetto, dove volte a vela e murature in tufo e pietra la fanno da padrone, raccordano i tre livelli del ristorante.

Al piano terra un ampio ingresso dove si sviluppa il camino – fuoco – che indirizza verso gli ambienti principali: un’ampia cucina a vista; i bagni concepiti come grandi capsule autonome che ricordano per forme e colori la pietra di Trani e dove vegetazione stabilizzata si innesta sulle pareti e su elementi metallici a soffitto; la saletta degustazione intima e privata gode di un’ atmosfera romantica con luce soffusa ed affaccio sul castello.
La scala, in lamiera metallica sagomata che si innesta nella struttura esistente conduce al piano ipogeo. Un ampio ambiente di passaggio dove sono posizionati un albero di ulivo – terra – e la ghiacciera – acqua –  viene messo in risalto mediante la definizione di un nuovo solaio che prosegue anche all’interno di una delle sale degustazione, quasi a voler richiamare in chiave moderna i solai cassettonati antichi.

Le altre due sale degustazione contigue e comunicanti sono accomunate dalla presenza di piccole luci ancorate alle volte che accompagna il cliente nel suo viaggio tra i sapori e gli odori della cucina del ristorante Quintessenza.
Da una delle due sale si accede all’interno di un piccolo patio trapezoidale che si apre verso il fossato del Castello. Il patio, convertito in sala degustazione all'aperto, ha la funzione di creare un intimo e privilegiato affaccio verso il castello Svevo.

Al piano ipogeo troviamo la cantina alla quale si accede mediante una porta circolare stile caveau in metallo e vetro, quasi a voler condurre il visitatore in un ambiente allo stesso tempo magico e prezioso. Le bottiglie, scrupolosamente selezionate dal sommelier, sono collocate in una griglia d'acciaio sul perimetro del caveau che lascia intravedere le mura antiche del 1300.

Infine, percorrendo la vecchia scala in pietra, a diretto contatto con il cielo, si sviluppa il progetto esterno. Pareti trasparenti realizzati con tondini di ferro che ingabbiano vasi di piante rampicanti rendono il piano copertura unico e suggestivo, un ambiente che si adatta alla stagionalità della materia organica per intensità e cromatismo. Un giardino sulla copertura che si affaccia sulla città, delimitato da setti mobili che costituiscono all’occorrenza piccoli privé.

  Scheda progetto: Quintessenza Trani
Claudio Palma
Vedi Scheda Progetto
Claudio Palma
Vedi Scheda Progetto
Claudio Palma
Vedi Scheda Progetto
Claudio Palma
Vedi Scheda Progetto
Claudio Palma
Vedi Scheda Progetto
Claudio Palma
Vedi Scheda Progetto
Claudio Palma
Vedi Scheda Progetto
Claudio Palma
Vedi Scheda Progetto
Claudio Palma
Vedi Scheda Progetto
Claudio Palma
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
Michele Minafra
Questo articolo è scritto male, non tutto è frutto di corfone e partners, il progetto, il design, e la realizzazione della cantina e della ditta kostruzioni zera di minafra michele di ruvo di puglia, documentatevi bene prima di scrive

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
30.09.2022
Si concludono i lavori di The Valley, “il miglior grattacielo del mondo”
29.09.2022
Completato il “grattacielo biofilico” di Singapore
28.09.2022
StudioAlami vince il concorso per il miglior giardino agrivoltaico
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
07/10/2022 - complesso di san domenico maggiore vico san domenico maggiore 18, napoli (italia)
Edit Napoli 2022
Fiera del design editoriale e d’autore
07/10/2022 - studio trisorio, via carlo poerio 116, napoli
Colore di base

11/10/2022 - camera – centro italiano per la fotografia, torino
Robert Doisneau

� gli altri eventi
  Scheda progetto:
Cervino Ingegneri & Architetti Associati

Quintessenza Trani

 NEWS CONCORSI
+28.09.2022
Greening the Industrial City: un parco industriale lungo il corso d'acqua naturale di Houston
+28.09.2022
Al via Art Cathedral, il nuovo concorso di idee di YAC
+26.09.2022
Piazza Armerina: percorsi e accessibilità nel centro storico
+21.09.2022
Gaudí La Coma Artists' Residences
+19.09.2022
Wood Architecture Prize by Klimahouse: la call per innovatori del settore costruzioni
tutte le news concorsi +

Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2022 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata