BEAMS MONO-EL

VOG

Curve

Tile of Spain Awards


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


Architetture umanitarie: il nuovo progetto Iuav per un campo profughi in Grecia
Grazie al progetto di tre studentesse di architettura il padiglione Glass House darà riparo e accoglienza alle ragazze del campo profughi di Diavata, a Salonicco
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
05/07/2022 - Dal chiostro dei Tolentini al campo profughi di Diavata, in Grecia: è lungo il viaggio della Glass House, il padiglione progettato da due studenti di architettura Iuav per l’Open Day 2018, che per qualche anno ha accolto e riparato sia dalla pioggia che dal troppo sole studenti, studentesse, docenti e personale Iuav nel giardino dei Tolentini. Oggi darà riparo e accoglienza alle ragazze del campo profughi di Diavata, a Salonicco, grazie all’idea di tre studentesse del corso di laurea magistrale in Architettura e Innovazione Iuav, diretto da Salvatore Russo, che al progetto hanno dedicato la tesi "Architetture umanitarie: riprogettare la Iuav Glass House per le ragazze del campo profughi di Diavata".
 
Elisabetta Gastaldon, Giulia Moro e Thuy Hong Nguyen sono partite dall’idea di progettare un riparo emergenziale (shelter) e da un viaggio che le ha portate in Grecia, al campo profughi di Diavata, per conoscere dal vivo le condizioni dei rifugiati. Sono entrate in contatto con Quick Response Team (QRT), Ong greca diretta da un italiano, che opera per fornire ai profughi un aiuto concreto a partire dai beni di prima necessità (cibo, vestiti, coperte) e dall’assistenza medica, ma propone anche a bambine, ragazze e donne rifugiate attività didattiche e ricreative che permettano loro di vivere un tempo migliore e di ricostruire all'interno del campo la normalità della quale sono state private. Queste attività si svolgono nel quartier generale della Ong che si trova accanto al campo di Diavata. E troveranno spazio nel padiglione Iuav, che sarà collocato proprio qui e sarà destinato principalmente ad aula di fotografia (ma non solo), con il supporto del fotografo Mattia Bidoli (Flip), che lavora nel campo della cooperazione internazionale e ha avviato una scuola di fotografia tramite la quale le rifugiate hanno l’opportunità di partecipare a contest internazionali (nel 2021 Shabana Zahir, rifugiata afgana nel campo di Diavata, ha vinto il Global Peace Photo Award).
 
L’idea di riutilizzare la struttura della Glass House Iuav per progettare una costruzione utile da donare alla Ong è sembrata da subito la soluzione più sostenibile, in una prospettiva di recycling coerente con l’etica del progetto che si insegna all’Università Iuav. Interamente realizzato con materiali derivati dal vetro, il padiglione Glass House era rimasto qualche anno nel giardino adiacente il chiostro dei Tolentini per essere poi smontato e depositato al Laboratorio di Scienza delle Costruzioni Iuav in via Torino.
Agli elementi originari della costruzione se ne sono aggiunti altri, quali un tavolato di base e serramenti con pannelli in policarbonato; le lamiere di copertura originali sono state sostituite con altre coibentate. 
 
Il padiglione avrà un nome italiano, come tutti gli altri spazi del QRT, e si chiamerà Spazio Venezia per richiamare l’origine e la storia della struttura.
Un accordo di collaborazione è stato firmato di recente tra Iuav e la Ong NAOMI Workshop Thessaloniki che si occupa del supporto amministrativo della missione del QRT. L’accordo promuove forme di cooperazione per sviluppare la ricerca sul tema della crisi umanitaria e per favorire la realizzazione del progetto.
 
Le tre studentesse Iuav hanno aperto una raccolta fondi sulla piattaforma di crowdfunding GoFundMe per sostenere le spese necessarie ad acquistare i nuovi elementi, trasportare e montare il progetto. Vi si accede dal profilo instagram humanitarian.architectures, dove Elisabetta, Giulia e Thuy Hong raccontano e condividono la loro storia di architettura umanitaria.

Commenta Salvatore Russo, docente Iuav di Tecnica delle costruzioni e relatore della tesi:
«È stata un’esperienza eccezionale dal punto di vista dell’utilità sociale. Non è scontato riuscire a concludere un progetto che abbia veramente al centro l’altruismo e la solidarietà. E ci siamo riusciti. Il riutilizzo della Glass House in un campo profughi - esperienza che speriamo di concludere e portare a buon fine in tempi brevi - è un raro esempio di virtuosismo pedagogico e accademico. Il merito va alle tre studentesse, ora architette, che ci hanno creduto sino in fondo.»

  Scheda progetto: Pavilion LightMotiv
Marco Zanta
Vedi Scheda Progetto
Marco Zanta
Vedi Scheda Progetto
Marco Zanta
Vedi Scheda Progetto
Marco Zanta
Vedi Scheda Progetto
Marco Zanta
Vedi Scheda Progetto
Marco Zanta
Vedi Scheda Progetto
Marco Zanta
Vedi Scheda Progetto
Marco Zanta
Vedi Scheda Progetto
Marco Zanta
Vedi Scheda Progetto
Marco Zanta
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
Anna Cundari
bellissimo

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
04.10.2022
Milano: la storica fabbrica tessile di via Sassetti diventa workhub
30.09.2022
Si concludono i lavori di The Valley, “il miglior grattacielo del mondo”
29.09.2022
Completato il “grattacielo biofilico” di Singapore
le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
07/10/2022 - complesso di san domenico maggiore vico san domenico maggiore 18, napoli (italia)
Edit Napoli 2022
Fiera del design editoriale e d’autore
07/10/2022 - studio trisorio, via carlo poerio 116, napoli
Colore di base

11/10/2022 - camera – centro italiano per la fotografia, torino
Robert Doisneau

gli altri eventi
  Scheda progetto:
davide del sante

Pavilion LightMotiv

 NEWS CONCORSI
+28.09.2022
Greening the Industrial City: un parco industriale lungo il corso d'acqua naturale di Houston
+28.09.2022
Al via Art Cathedral, il nuovo concorso di idee di YAC
+26.09.2022
Piazza Armerina: percorsi e accessibilità nel centro storico
+21.09.2022
Gaudí La Coma Artists' Residences
+19.09.2022
Wood Architecture Prize by Klimahouse: la call per innovatori del settore costruzioni
tutte le news concorsi +

Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2022 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata