SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


Borgo Gallana: nelle campagne pugliesi, il nuovo complesso firmato Andrew Trotter
Volte a stella, tufo e luce del mediterraneo come ingredienti di un progetto semplice e autentico
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
Borgo Gallana - Foto Salva L├│pez Borgo Gallana - Foto Salva L├│pez
09/06/2022 - Borgo Gallana è la nuova struttura ricettiva, firmata dallo Studio Andrew Trotter, situata tra gli ulivi della campagna di Oria, in Puglia.
 
Con già due strutture esistenti nel terreno, lo Studio Andrew Trotter ha progettato un cortile tra di loro e due scale su entrambi i lati. Inoltre, le proprietà esistenti sono state ampliate per ottenere tre case autonome.
 
Architettonicamente, in tutta la proprietà sono stati utilizzati soffitti a volta e pavimenti in cemento. Il “tufo” di arenaria locale è il materiale principale utilizzato per la costruzione delle strutture. I lavelli del bagno e i piani cucina su misura e realizzati localmente sono stati progettati dallo Studio.
 
Il progetto lo racconta alla nostra Redazione il giovane proprietario, Giuseppe.
 
Com’è nato il progetto e quale è la filosofia alla sua base?
“Come molti ragazzi del sud ho deciso di trasferirmi a Milano per realizzare i miei sogni personali e professionali. Ma, come spesso avviene, la lontananza aiuta ad apprezzare meglio le origini e la bellezza che ho avuto la fortuna di vivere da piccolo. Le stesse sensazioni le rivivo ancora oggi, ogni volta che ho la possibilità di ritornare in questo angolo di Puglia.
Questo progetto nasce dal desiderio di far vivere agli ospiti di Borgo Gallana quello che ho vissuto e che continuo a vivere oggi, una Puglia semplice ed autentica fatta di tradizione contadina e di natura.
Oria, il paesino di Borgo Gallana, è uno dei più antichi luoghi della Puglia, di origini medievali, rimasto ancora molto autentico e semplice.
 
Quattro anni fa ho deciso di acquistare un terreno nella campagna di Oria, vicino al mio paese natale.
Un terreno fatto di 100 alberi d'ulivo e da frutto con all'interno due case in passato abitate da due famiglie, insieme gli animali che sostenevano il lavoro e l'economia delle famiglie. 
 
I due casolari presentavano degli elementi architettonici interessantissimi che hanno ispirato tutto il progetto realizzato da Andrew Trotter, come il vecchio camino, le volte a stella, le panche in muratura, i muri di calce senza intonaco e il pavimento in cemento industriale”.
 
Cosa si è scelto di salvaguardare e cosa eventualmente di demolire?
“Abbiamo deciso di salvare tutto ciò che c'era, ad esclusione di una volta piana ricostruita negli anni ‘70 in procinto di crollare. 
 
I due casolari sono stati ampliati per consentire l’aggiunta dei bagni e di un terzo appartamento. 
 
Riguardo alle aree esterne, Andrew ha realizzato due corti.
La prima corte d'ingresso, in mezzo alle case, con all'interno due scale e un'ampia area di ghiaia di pietra viva e una seconda corte più grande che abbraccia tutti e tre gli appartamenti che accoglie il giardino mediterraneo e una piscina 10x4. 
Queste corti rappresentano le aree comuni alle 3 case. 
Con l'obiettivo di favorire anche dei momenti di relax privati, sono stati realizzati giardini privati con cucina, panche e vasche esterne private”.
 
C’è qualche curiosità o aneddoto legato al progetto?
“Originariamente le case di campagna si presentavano molto scure, quasi anguste. Per sfruttare la bellissima luce del tramonto, Andrew ha pensato di disegnare dei grandi archi in ogni stanza con l'affaccio sul giardino mediterraneo. In questo modo gli ospiti possono beneficiare sia di una bellissima luce, ma anche di un affaccio sul giardino, visibile da ogni punto della casa.
 
Il giardino rappresenta una scelta unica, infatti è curato dagli artisti fondatori di Lamia Santolina che hanno pensato ad uno spazio dedicato all'ecosistema mediterraneo. Un'attenta ricerca mirata alla salvaguardia di varietà di piante autoctone ed endemiche inserite in un uliveto secolare, a diversificare e arricchire una memoria che rischiava di perdersi. 
 
Per la realizzazione di Borgo Gallana sono state coinvolte più di 50 maestranze locali. La ricerca delle maestranze è stata la fase che ha richiesto più di un anno, poiché le tecniche impiegate ad oggi sono poco utilizzate e alcune in disuso. La fase di ricerca è stata molto lunga, consapevoli che avrebbe fatto la differenza”.

  Scheda progetto: Borgo Gallana
Salva L├│pez
Vedi Scheda Progetto
Salva L├│pez
Vedi Scheda Progetto
Salva L├│pez
Vedi Scheda Progetto
Salva L├│pez
Vedi Scheda Progetto
Salva L├│pez
Vedi Scheda Progetto
Salva L├│pez
Vedi Scheda Progetto
Salva L├│pez
Vedi Scheda Progetto
Salva L├│pez
Vedi Scheda Progetto
Salva L├│pez
Vedi Scheda Progetto
Salva L├│pez
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici

ULTIME NEWS SU CASE & INTERNI
01.06.2023
Nel cuore di Milano, la villa di Barreca & La Varra
26.05.2023
Milano, Studio Atomaa trasforma 150 mq in un edificio anni 60
25.05.2023
Dentro la Bubble House, come in un film di fantascienza anni Sessanta
´┐Ż le altre news

Il proprietario Giuseppe De Vanna - Foto Salva L├│pez
  Scheda progetto:
Studio Andrew Trotter

Borgo Gallana

 NEWS CONCORSI
+01.06.2023
Strategia Fotografia 2023, tempo fino al 26 giugno per partecipare al contest
+01.06.2023
Premi IN/ARCHITETTURA 2023: ultimo weekend per candidarsi
+29.05.2023
#Scaladigrigi. Cattura la bellezza del cemento intorno a te
+29.05.2023
TerraViva Competitions lancia il concorso Hybrid Coworking
+24.05.2023
Emilgroup lancia i Project Awards 2023
tutte le news concorsi +

Design Center 2023
Design Center 2023
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Contatti/Assistenza | Lavora con noi | PubblicitÓ |  Rss feed
ę 2001-2023 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n░iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 ę Riproduzione riservata