BEAMS MONO-EL

VOG

Curve

Tile of Spain Awards


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


Casa LP per la nuova vita di una donna in carriera
Elena Martucci utilizza tutto il potenziale della casa unendo anima conviviale e professionale
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
02/12/2021 - Casa LP a Milano, progettata dall’architetto Elena Martucci, accoglie la nuova vita privata e lavorativa di una donna che, dopo 25 anni di carriera nell’editoria, cinquantenne separata con figlio adolescente, diventa coach e lavora prevalentemente da casa. Questo succede prima del lockdown.
 
Dice del suo lavoro: “aiuto le aziende a creare il futuro che vogliono contribuire a creare e gli esseri umani a creare le vite che vogliono vivere”. Attivatrice del potenziale creativo altrui, la padrona di casa utilizza tutto il potenziale della casa che, oltre all’aspetto più intimo, unisce anima conviviale e professionale.
 
Un salotto con libreria e piante nasconde un videoproiettore e il telo da proiezione mentre l’isola della cucina si allunga all’occorrenza fino a congiungersi al tavolo della sala da pranzo, che da 330cm può diventare 600cm, accogliendo numerosi ospiti e sfumando i confini tra convivialità e lavoro.
 
Un’armadiatura della sala da pranzo, che chiusa ripete la cornice in gesso del soffitto, nasconde l’ufficio di casa. I dodici metri lineari di parete tra cucina e zona pranzo sono interamente occupati da un’armadiatura bianca laccata opaca su cui sono state riportate le cornici originali del soffitto, “strappata” in due punti dove si mostra l’interno, laccato opaco lavagna, dello stesso materiale dell’isola e del tavolo da pranzo. A partire dalla cucina, l’armadiatura ospita una lavanderia-ripostiglio; dopo lo “strappo”, frigorifero-freezer-cantina vini e bicchieri; dopo lo “strappo” della sala da pranzo, appunto l’ufficio.
 
Piani e cappa della cucina sono in acciaio inox. Tutto è stato disegnato e realizzato custom, attrezzato secondo i precisi desiderata della padrona di casa.
 
L’accoglienza si respira dall’ingresso, aperto sul living e sulla città (si scorge anche l’edificio Montedoria di Gio Ponti). L’impianto anni ’30 è stato adattato alle nuove esigenze: per far comunicare anche la cucina con il living, due muri del lungo corridoio sono stati abbattuti mantenendo però la porta dov’era, raddoppiata e trasformata in armadio d’ingresso. Gli interventi di demolizione sono stati sottolineati da due portali in ferro, in uno dei quali è nascosto il telo da proiezione, che separano anche la pavimentazione storica in legno dalla nuova gettata di rasante cementizio. Il corridoio è stato controsoffittato in tutta la lunghezza per la canalizzazione dell’aria ed è stato ripavimentato rimuovendo la pavimentazione non originale.
 
Le soglie in ferro sono state inserite anche nelle altre stanze che affacciano sul corridoio, trasformando una striscia in una zona che in corrispondenza delle camere e del bagno padronale diventa storage (scarpiera, armadio, ripostiglio…).
 
La camera del figlio ha due livelli. Il livello superiore ha come pavimento la grande rete 500x150cm dove si affollano gli amici a giocare, a dormire, a guardare le partite di calcio come all’interno dello stadio: tutte le pareti sono state scenografate come spalti di San Siro. Il livello inferiore è pure aereo: una struttura in tubolare di ferro bianco sostiene la rete di copertura, il letto, la scrivania e le mensole in lamiera di ferro bianco. Una seconda struttura in tubolare di ferro bianco, più sottile, è in parte rivestita in mdf laccato bianco per l’armadio guardaroba e nelle parti laterali è lasciata a vista con mensole in ferro e appendiabiti esterno.
 
La camera padronale è stata divisa in due: una zona letto e una cabina-armadio, con armadiatura continua che entra nel bagno padronale. Altro armadio a muro a doppia profondità sfrutta la nicchia della zona storage del corridoio. Il bagno padronale aveva già rubinetteria nuova e vasca: è stata creata una zona doccia e il mobile sotto i lavabi.

  Scheda progetto: Casa LP
Davide Galli
Vedi Scheda Progetto
Davide Galli
Vedi Scheda Progetto
Davide Galli
Vedi Scheda Progetto
Davide Galli
Vedi Scheda Progetto
Davide Galli
Vedi Scheda Progetto
Davide Galli
Vedi Scheda Progetto
Davide Galli
Vedi Scheda Progetto
Davide Galli
Vedi Scheda Progetto
Davide Galli
Vedi Scheda Progetto
Davide Galli
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU CASE & INTERNI
07.10.2022
La piccola architettura di Fala Atelier che si ispira ad un quadro di Rousseau
07.10.2022
La firma di Vudafieri-Saverino Partners per il Falkensteiner Hotel Montafon 5*
06.10.2022
AMO reinterpreta il mondo Jacquemus nei nuovi shop-in shop di Londra e Parigi
� le altre news

  Scheda progetto:
Elena Martucci Srl

Casa LP

 NEWS CONCORSI
+06.10.2022
"Bosco della Musica": candidature fino al 10 ottobre
+05.10.2022
Wood Architecture Prize by Klimahouse: candidature fino al 6 gennaio 2023
+28.09.2022
Greening the Industrial City: un parco industriale lungo il corso d'acqua naturale di Houston
+28.09.2022
Al via Art Cathedral, il nuovo concorso di idee di YAC
+26.09.2022
Piazza Armerina: percorsi e accessibilità nel centro storico
tutte le news concorsi +

ADA 2022_waiting for the winners 
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2022 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata