SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Colorful

“Sii albero”, il lavoro di Stefano Boeri in dialogo con la poetica di Maria Lai
Il legame tra uomo e natura indagato in una mostra inedita in provincia di Nuoro, visitabile fino al 19 settembre
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
30/08/2021 - Sarà visitabile fino al 19 settembre la mostra “Sii albero” presso la Stazione dell’Arte, il museo d’arte contemporanea di Ulàssai (NU) dedicato all’opera di Maria Lai. La mostra inedita ripercorre, per la prima volta in Sardegna, il lavoro e la filosofia di Stefano Boeri in un sorprendente dialogo con le opere e la poetica di Maria Lai.

“Sii albero” indaga il legame tra uomo e natura attraverso un percorso espositivo che mette in evidenza le affinità e le specificità della produzione di queste due personalità che hanno saputo guardare al futuro e aprire una profonda riflessione sul nostro rapporto con l’ambiente. Due visioni affini che, pur nella originalità dei loro linguaggi espressivi, lasciano trasparire una nuova concezione e rappresentazione del vivere umano sulla terra.

Curata da Davide Mariani, direttore del museo, la mostra nasce con l’intento di integrare due discipline, l'architettura e l'arte visiva.
 
Il bosco verticale, edificio-simbolo del lavoro di Stefano Boeri, trova spazio a Ulassai nella minuta “Casa delle Janas”, la nuova project room della Stazione dell’Arte, che ospita un modello in scala 1:50 di questa nuova architettura della biodiversità. Nello specifico, degli oltre dieci progetti realizzati nel mondo, viene esposto al museo il prototipo del primo caso, costruito a Milano nell’area Porta Nuova e formato da due torri alte 80 e 112 m che accolgono, nel complesso, 800 alberi (una vegetazione equivalente a quella di 30.000 mq di bosco e sottobosco) e che ha già ottenuto importanti riconoscimenti, tra cui il CTBUH Award come miglior edificio alto del mondo conferitogli dal Council for Tall Building e Urban Habitat dell’IIT di Chicago (2015). Il concept del Bosco Verticale, l’essere cioè “una casa per alberi che ospita anche umani e volatili”, viene esplicitato in mostra anche grazie a una serie di apparati didattici e video che illustrano la visione di Boeri di città sostenibile in relazione alla doppia sfida del cambiamento climatico e dell’aumento progressivo della popolazione mondiale.

Lo spiazzamento derivante dall’osservare un grattacielo all’interno di una piccola dimora, decontestualizzato rispetto al suo frenetico luogo di origine, offre una riflessione sui cambiamenti paradigmatici che interessano la società contemporanea. La riscoperta della dimensione locale e dei suoi valori, culturali, sociali e ambientali, hanno spinto l’architetto Boeri ad affermare che «nei borghi storici c’è il nostro futuro».
«Ulassai, già metafora del mondo per Maria Lai - continua Mariani - diviene ora simbolo di questa rinnovata visione del vivere circondati dal verde, da cui trae ispirazione lo stesso “Bosco Verticale”, che proprio qui si ricongiunge idealmente e concettualmente con la natura e le sue radici.»

Il ciclo della vita e della natura sono al centro di un altro dialogo tra Maria Lai e Stefano Boeri che questa volta si sviluppa nel parco della Stazione dell’Arte, rispettivamente tra la scultura Fiabe intrecciate. Omaggio a Gramsci (2007) e la micro-architettura temporanea Radura degli abbracci (2017).
L’opera di Lai, alta quasi sei metri, nasce dalla fusione tra due narrazioni, Il topo e la montagna (1931) scritta da Gramsci per i suoi figli durante il periodo di reclusione, e la leggenda della bambina e del nastro celeste che ha ispirato l’artista per la celebre performance collettiva Legarsi alla montagna (1981). Entrambe le storie hanno in comune un momento drammatico in cui ai bambini, come ricorda Maria Lai, è affidato il compito di ricomporre la frattura passato-presente, riconducibile a quella tra uomo e natura.
Oggi, a quello stesso invito risponde Boeri con un prototipo di spazio pubblico, Radura degli abbracci, declinazione del progetto Radura (2016), che qui si compone di novantacinque cilindri di legno d’abete di cinque m di altezza e sei cm di diametro, che creano un luogo al contempo permeabile e intimo, in cui i visitatori possono accedere per vivere un’esperienza originale di contatto con la natura, accompagnati dalla suggestiva melodia del violoncello di Piero Salvatori con il brano “Visioni”.
 
Il rapporto tra uomo e ambiente è ulteriormente approfondito negli spazi dell’ex rimessa del treno dove, per la prima volta in un’istituzione museale, viene proiettato il cortometraggio TROIANE, premiato al Venice Architecture Short Film Festival 2020. La pellicola, diretta da Stefano Santamato e prodotta da Paolo Soravia / The Blink Fish per Stefano Boeri Architetti, racconta, dal punto di vista degli alberi, il viaggio degli abeti divelti dalla Tempesta Vaia del Friuli e “rinati” nella scenografia de Le Troiane di Euripide al teatro greco di Siracusa, seguendoli per oltre 1.500 km, nell’avvicendarsi di paesaggi, colori e suoni. È una storia di sacrificio e di resurrezione, che trova affinità nel lavoro di Maria Lai con la narrazione che l’artista affida al ciclo di opere “Sii albero”, realizzate alla fine degli anni Noventa, che danno il titolo alla mostra.

Il percorso espositivo si chiude con una selezione di progetti, schizzi, foto e disegni riferiti alle varie installazioni di Radura nel mondo, fino ad arrivare a Radura della memoria, l’ultimo straordinario esemplare realizzato a Genova, in seguito al crollo del Ponte Morandi avvenuto nell’agosto 2018. L’intervento è costituito da un podio ligneo circolare del diametro di 50 m, all’interno del quale sono collocate quarantatré specie arboree differenti, in ricordo delle vittime della tragedia e la cui varietà richiama la biodiversità tipica della macchia mediterranea.

  Scheda evento:
Mostra:
20/06-19/09 STAZIONE DELL’ARTE, ULÀSSAI (NU)
Sii albero


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
Emanuele Corelli
La differenza la fa l’attenzione tra progettare nel senso totale del termine (ivi compresi arte e creatività) e non tanto per costruire, farlo con la coscienza che una casa anche la più piccola e’ un atto impattante, dunque provare a mitigare la novità che rappresenta, finanche integrandola con presidi ambientali laddove un bosco non c’era e non c’è mai stato; un modo fantasioso e creativo per porre rimedio innovativo ad errori passati e potenzialmente futuri. Da sempre la ricerca scaturisce dai capitali, un destino ineluttabile per menti illuminate, aggiungo per fortuna visto che di idee da chi solo utilizza lo strumento della critica distruttiva non se ne vedono arrivare…per una volta i ricchi non avranno fatto danni, sicuramente molto meno di certa edilizia popolare di partito espressione iconica del dramma materialistico da oltre cortina…con buona pace dei no tutto che pensano un mondo statico e cristallizzato dall’inazione animale…
Fava Valter
Quante IDIOZIE....dapprima disboschiamo tutto il patrimonio forestale, poi qualche demente, per stupire e fare speculazione, pensa di rimboscare le città e addirittura gli EDIFICI piantumando alberi, come se poi i costi di manutenzione e potatura di questi alberi non incidono nulla economicamente. Ma soprattutto verificate cosa costa un appartamento in tali edifici, tutti se lo possono permettere !! Potremmo proporre a BOERI di estendere la sua IDEA MALSANA (Bosco Verticale) all'Istituto Autonomo Case Popolari...visto l'economicità delle sue idee !! Tutti abbiamo diritto di avere una casa con il verde vi pare ? O si continua a progettare e realizzare CASE solo per STUPIRE e per i soliti RICCHI !! Questi fenomeni di architetti...attenti al costruire e al vivere nelle citta a misura di uomo e di natura......a COSTO ZERO, sicuramente per PETROLIERI ARABI.....MA VAI a DUBAI e RESTACI a proporre le tue FANTASIE IMPRATICABILI solo per STUPIRE gli STUPIDI !!

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
15.10.2021
Londra si prepara all’apertura del nuovo campus del Royal College of Art a Battersea
14.10.2021
Il primo edificio per uffici di OMA in Giappone
13.10.2021
A Vilnius la ‘nuova’ stazione ferroviaria firmata Zaha Hadid Architects
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
20/10/2021 - perugia
Green Table

21/10/2021 - online
Architetture sostenibili in Finlandia
Talk con K2S e ARKDT. I progetti di recupero dell’Helsinki Olympic Stadium e del Kuopio Museum
22/10/2021 - fiera milano, rho
HostMilano

� gli altri eventi
  Scheda evento:
20/06-19/09 STAZIONE DELL’ARTE, ULÀSSAI (NU)
Sii albero

 NEWS CONCORSI
+14.10.2021
A Rovigo 'Designer Hackathon Urban Dataviz'
+13.10.2021
Mediterranean Cultural Gate: il bando scade il 15 novembre
+12.10.2021
Hangar Ticinum: trasformare lo storico Idroscalo di Pavia
+11.10.2021
Fontevivo (PR) riqualifica l’Ex Convento
+08.10.2021
'Colombarium', in chiusura le iscrizioni al contest di Bee Breeders
tutte le news concorsi +

ELIA
Design Center
Barrisol Cloud Clim
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata