Terre

Monochrome collections

Wallpaper

Torii


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

PRATIC F.lli ORIOLI

Al MoMA NY nasce l'Istituto di Ricerca Emilio Ambasz
L'architettura dev'essere un patto di riconciliazione tra natura e costruzione
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  

02/12/2020 - Il MoMA di New York ha annunciato la nascita dell’Istituto di Ricerca Emilio Ambasz (EA/RI) per lo studio congiunto di una nuova architettura che riconcilierà la Natura con l’ambiente artificiale.
Con sede nel Dipartimento di Architettura e Design del MoMA, l’Istituto, finanziato dalla Fondazione LEAF, sarà dedicato alla comprensione dell'interazione tra architettura e natura.

Il maestro argentino Emilio Ambasz - considerato il padre, poeta e profeta della green architecture - e il MoMA intendono sviluppare e arricchire ulteriormente il dibattito globale sulla urgente necessità di una ricalibrazione ecologica.

La nascita dell'Istituto Ambasz – si legge nel comunicato del Museum of Modern Art di New York - offre al MoMA un'importante opportunità di continuare la sua leadership globale sui temi della sostenibilità, celebrando e coltivando una più profonda comprensione pubblica dell'architettura e del design. Opportunità di ricerca e una varietà di programmi tra conferenze pubbliche, conferenze e simposi, molti dei quali online, riuniranno e favoriranno conversazioni tra architetti, progettisti, responsabili politici, pensatori sociali, storici e il pubblico in generale. [L’Istituto] studierà specificamente approcci creativi per progettare a tutte le scale dell’ambiente costruito - edifici, città, paesaggi e oggetti - al fine di lavorare per un futuro ecologico e la giustizia ambientale”.

Emilio Ambasz afferma: “Ogni costruzione costituisce un’intrusione nel regno vegetale, ed è una sfida alla natura: dobbiamo concepire un'architettura che si erge come l'incarnazione di un patto di riconciliazione tra natura e costruzione, progettare edifici così intrinsecamente legati al paesaggio circostante che è impossibile che si disimpegnino l'uno dall'altro”.

Ambasz è autore di progetti in tutto il pianeta divenuti punti di riferimento e ispirazione per la moderna green architecture.
Proprio quest’anno ricorre il 25° anniversario dell’inaugurazione del centro Acros di Fukuoka (Giappone), uno degli edifici verdi più innovativi, spettacolari e conosciuti a livello internazionale. “Credo che non vi sia alcun precedente in cui la natura domini la creazione architettonica con tale potere e fascino […] Emilio Ambasz ci ha insegnato a vedere una dimensione in cui la natura e l’architettura sono inseparabili, un reame che va dalla natura creata da Dio a quella forgiata dall’uomo […] La ricerca di Ambasz ha ispirato una nuova svolta nei recenti successi di molti dei suoi colleghi”, secondo Tadao Ando.

A Emilio Ambasz sono state dedicate importanti personali in tutto il mondo, dal MoMA di New York (2 volte) alla Triennale di Milano (2 volte), al Reina Sofia di Madrid, passando per Tokyo, Ginevra, Bordeaux, Zurigo, Chicago, Filadelfia, Città del Messico, San Diego, Saint Louis per celebrarne l’unicità progettuale, l’estro creativo e l’impegno morale.
Già curatore di Architettura e Design al MoMA, dove organizzò la mostra di straordinario successo Italy: The New Domestic Landscape portando alla ribalta mondiale gli oggetti del design italiano, è membro onorario dell'American Institute of Architects e del Royal Institute of British Architects.

Fortissimo il legame spirituale di Ambasz con l’Italia. Nominato Commendatore ‘Stella al Merito della Repubblica italiana’ nel 2014 per “i suoi contributi alla cultura italiana”, ha partecipato a diverse Biennali di Architettura a Venezia, e, tra le varie, ha progettato l’edificio della Fondazione Banca degli Occhi (VE) e l’Ospedale di Mestre, riconosciuto come il primo ‘giardino della salute’. Ha concepito nel 1998 il primo bosco verticale in Italia per la sede ENI a Roma, dopo aver realizzato molti, fondamentali esempi di architetture verdi nel mondo seguendo la sua filosofia del ‘green over the gray’.

Vincitore di 3 Compassi d’Oro per le sue invenzioni che hanno rivoluzionato interi settori produttivi, nel settembre 2020 ha ottenuto il suo quarto Compasso d’Oro questa volta per la sua straordinaria carriera quale “precursore del rapporto tra edificio e verde, ha concretizzato veri e propri manifesti ‘vivi’ di una cultura per lo sviluppo sostenibile”.

Il MoMA prossimamente organizzerà una grande mostra sull’architettura verde emergente nell’opera di diversi architetti e sulla profonda influenza esercitata dalla pluridecennale ricerca svolta da Emilio Ambasz nel trovare una simbiosi tra natura e costruito e contrastare la distruzione dell’ambiente.



  •   MoMA_Ambasz Institute_Press Release.pdf


  •   Scheda progetto: ACROS Fukuoka - Prefectural International Hall
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
      Scheda progetto: La Banca dell’Occhio
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
      Scheda progetto: Ospedale di Mestre
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto
    Vedi Scheda Progetto


    Consiglia questa notizia ai tuoi amici
      News sull'argomento
    09/09/2020
    Compasso d’oro ADI alla carriera internazionale per Emilio Ambasz
    L'architetto argentino celebrato in occasione della XXVI edizione del premio

    17/08/2020
    Emilio Ambasz e i 25 anni del centro ACROS di Fukuoka
    Profeta, poeta e pioniere della green architecture sin dagli anni Settanta


    Inserisci un commento alla News

    I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
    Commenti per questa notizia
    Vincenzo Rizzo
    Splendida presentazione di Ambasz, ma le sue opere raffigurate nell’articolo mi sono apparse “grondanti” di verde. Penso che il rapporto natura-architettura dovrebbe risolversi non coprendo di verde gli edifici, ma “disegnando” gli edifici in

    ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
    09.04.2021
    ADA 2021: i volti della giuria
    09.04.2021
    Terminati i lavori de La Poste du Louvre di Dominique Perrault
    08.04.2021
    Un nuovo polo creativo nella ex fabbrica di sigari di Firenze
    � le altre news


    EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
    15/04/2021 - online
    Thinking Varese - Cino Zucchi
    Talk online
    14/05/2021 - toolbox coworking, torino
    Eyes On the Netherlands

    22/05/2021 - venezia
    Biennale Architettura 2020. 17. Mostra Internazionale di Architettura

    � gli altri eventi
      Scheda progetto:
    Emilio Ambasz & Associates

    ACROS Fukuoka - Prefectural International Hall
      Scheda progetto:
    Emilio Ambasz & Associates, Inc.

    La Banca dell’Occhio
      Scheda progetto:
    Studio Altieri Spa, Emilio Ambasz & Associates

    Ospedale di Mestre

     NEWS CONCORSI
    +12.04.2021
    II edizione del Premio Italiano di Architettura
    +08.04.2021
    Il concorso per il logo della piattaforma Concorsiarchibo
    +06.04.2021
    Una notte al Museo
    +06.04.2021
    Stop alle grandi navi a Venezia
    +01.04.2021
    'Per una nuova casa italiana'
    tutte le news concorsi +

    PRATIC F.lli ORIOLI
    Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
    © 2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
    Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata