Push

Sail

Bloom

Natural Air

RenoMatic offerta 2020


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Serge Ferrari

A Reggio Emilia il più grande spazio all'aperto per eventi e concerti in Europa
L'RCF Arena potrà ospitare 100 mila spettatori. Inaugurazione il 12 settembre 2020
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
12/03/2020 - Si chiamerà RCF Arena Reggio Emilia e sarà inaugurata il 12 settembre 2020 con un grande concerto di Luciano Ligabue, in occasione dei suoi 30 anni di carriera. La futura Arena sta sorgendo nell’area del Campovolo di Reggio Emilia e sarà l’unica struttura al mondo attrezzata per ospitare fino a 100.000 persone durante grandi eventi live all’aperto, in grado di promuovere il territorio e le sue eccellenze culturali, turistiche e dell’entertainment.

RCF Arena Reggio Emilia - progettata da Iotti + Pavarani Architetti, Studio di Architettura Guido Tassoni, Studio LSA · Lauro Sacchetti Associati - è stata pensata per avere spazi organizzati e modulabili in base alle esigenze: l’Arena Verde per grandi eventi internazionali da 100.000 persone (con una pendenza del 5% per garantire una visuale e un’acustica ottimali), l’Area Concerti per eventi nazionali e l’Area Accoglienza sulla quale si possono disporre strutture leggere e temporanee, che favoriscono la gestione dell’accoglienza durante i grandi eventi, ma anche l’allestimento di eventi minori.

Immersa in un parco urbano a due passi dalla città, RCF Arena Reggio Emilia è un intervento ad alta sostenibilità, che punta su massima sicurezza e pronto intervento medico, facilità di accesso, servizi ad alto comfort, collocandosi in una posizione strategica: nel cuore dell’Emilia-Romagna e al centro di un bacino di utenza di 7 milioni e mezzo di residenti a meno di 1 ora.

Il progetto per il Parco e l’Arena Eventi intende ricomporre in un sistema organico, unitario e riconoscibile, diverse modalità di uso dello spazio aperto e offrire diverse opportunità con cui incidere positivamente sulla vita sociale, culturale ed economica della città e del territorio vasto. Esso prevede il riuso dell’area non operativa dell'Aeroporto, estesa su un’area di oltre 20 ettari, riqualificata con nuove funzioni (senza consumo di suolo), che valorizzano la vocazione dell’area ad accogliere attività di intrattenimento e di aggregazione della città e la proiettano ad ospitare eventi e grandi manifestazioni di ogni genere, nazionali e internazionali, strutturandola stabilmente a questo scopo e garantendo le migliori condizioni di fruibilità per il pubblico.

Il concept di progetto trasforma l’intera area con un’operazione di landscape, attraverso la modellazione del suolo, la strutturazione di percorsi organici e con operazioni di paesaggistica e ingegneria ambientale, al fine di riunire in un unico segno riconoscibile – quale landmark discreto ma presente  - gli spazi di accesso, l’ampio boulevard che costituisce l’area di accoglienza, il grande catino dell’Arena Eventi, nonché gli spazi di servizio e di backstage.

L’intero Parco è strutturato, infatti, per rendere agevole, sicuro e suggestivo un ampio spazio capace di ospitare eventi di varia natura che prevedano anche afflussi di pubblico molto intensi, e per consentire al contempo una riconnessione al sistema dei parchi a cintura intorno all’area operativa dell’aeroporto, riconsegnando alla città un mosaico di paesaggi in cui il cittadino potrà ritrovare aree naturalistiche, percorsi, spazi attrezzati, ecc... un paesaggio ricco, stimolante e “abitato”, capace di confrontarsi con le migliori esperienze di parchi urbani ed extraurbani italiani ed europei.

La forma dell’Arena è stata studiata per garantire la migliore visibilità e acustica in tutta l’area interna adibita ad ospitare il pubblico. Per tale scopo essa prevede un andamento del terreno in pendenza (al 5%) per ottimizzare la visibilità del pubblico collocato nei settori più lontani dal palco, offrendo comunque una percorribilità agevole, anche sul lato esterno del rilevato perimetrale a consentire un deflusso sicuro e scorrevole degli spettatori.
La sezione dell’Arena si sviluppa quindi dalla quota -1,5 m nell’area backstage, palco e primo settore, fino a salire a quota +6,5 m. 
Il palco è posto nella parte più bassa dell’Arena in posizione centrale e con un angolo visuale massimo di 110° (valore ottimale per permettere al pubblico una buona visibilità in tutta l’area interna dell’Arena). Al contempo l’orientamento del sistema è stato ottimizzato per assicurare il minore impatto acustico verso le aree abitate della città.
La sua forma organica ovoidale vuole infine generare uno spazio interno inclusivo e coinvolgente, mentre il sistema perimetrale del bordo (costituito dal sistema di supporto dell’illuminazione e degli spazi per la comunicazione) rende più riconoscibile e dinamico l’insieme, generando al contempo una continuità del segno con i percorsi dell’area di servizio e accoglienza (il boulevard).

  Scheda progetto: RCF Arena
Iotti + Pavarani Architetti, arch. Guido Tassoni, Lauro Sacchetti Associati
Vedi Scheda Progetto
Iotti + Pavarani Architetti, arch. Guido Tassoni, Lauro Sacchetti Associati
Vedi Scheda Progetto
Iotti + Pavarani Architetti, arch. Guido Tassoni, Lauro Sacchetti Associati
Vedi Scheda Progetto
Iotti + Pavarani Architetti, arch. Guido Tassoni, Lauro Sacchetti Associati
Vedi Scheda Progetto
Iotti + Pavarani Architetti, arch. Guido Tassoni, Lauro Sacchetti Associati
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
08.04.2020
ArchiWindows di Federico Babina, ad ogni architetto la sua finestra
07.04.2020
Piuarch per il nuovo edificio e campus di Fondazione Human Technopole
06.04.2020
Il Jané Winestore di External Reference e Chu Uroz
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
12/05/2020 - palazzo delle stelline, milano
Guest Lab 2ª edizione

29/05/2020 - mambo museo di arte moderna di bologna – dipartimento educativo
S-pazi. Architettura in gioco

16/06/2020 - palazzo litta | corso magenta 24, milano residenza vignale | via enrico toti 2, milano
Design Variations 2020

� gli altri eventi
  Scheda progetto:
Iotti + Pavarani Architetti

RCF Arena

 NEWS CONCORSI
+08.04.2020
Una casa sugli alberi tra i castelli della Loira
+07.04.2020
VI Premio Carlo Pucci
+06.04.2020
Limitography, i limiti dell’architettura ai tempi del Covid-19
+03.04.2020
Radicepura Garden Festival 2021
+02.04.2020
Restauro Conservativo del Ponte Musmeci
tutte le news concorsi +

New Life
Inarch 2020
Serge Ferrari
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2020 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati