SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

FORUMPISCINE

Palazzo Pepoli diventa museo della città e per la città
Intervento di restauro a cura dell’architetto Mario Bellini
Autore: valentina ieva
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
08/02/2012 - Il 28 gennaio scorso è stato inaugurato il Palazzo Pepoli Vecchio, nel cuore di Bologna, a seguito di un intervento di recupero curato dall’architetto Mario Bellini, che ha voluto rispettarne la storia onorandone la bellezza.

Nel 2004, dopo aver vinto il concorso di idee bandito dalla società Museo della Città di Bologna, il noto progettista ha predisposto il ripristino dell’edificio medievale e dei sui apparati decorativi, con ampliamento degli spazi di ricevimento e di esposizione.

Dopo sette anni di lavori l’antico palazzo, che rischiava di decadere in maniera irrisolvibile, è stato trasformato e rinnovato in quello che può definirsi un Museo Globale della storia della città emiliana.

Elemento caratterizzante la torre in acciaio e vetro realizzata nella corte centrale del Museo, le cui sembianze diafane smaterializzano le superfici senza appesantire il percorso dei visitatori. La corte coperta, assumendo nuova dignità, funge da spazio distributivo alle sale tematiche.

Le opere esposte all’interno di grandi spazi si presentano “incorniciate” da gabbie tridimensionali, illuminate mediante tecnologia LED miniaturizzata. Le vetrine espositive, curate dall’architetto Italo Lupi, contengono pannelli carichi di immagini e testi retroilluminati, al fine di suggestionare ulteriormente la visita.

Palazzo Pepoli si inserisce nell’ambito del progetto Genus Bononiae. Musei nella Città, nato nel 2003 per volere del presidente della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, il prof. Fabio Roversi-Monaco.

L’idea intende promuovere una diversa e più innovativa visione dell’istituzione museale del centro di Bologna, coinvolgendo vari edifici storici dalle specifiche connotazioni culturali in un percorso formativo che si muove nel centro urbano.

Dublice obiettivo per il percorso culturale: favorire la conoscenza della storia civile e architettonica della città di  Bologna, ed incoraggiare lo sviluppo del museo diffuso, articolato in più sedi vicine tra loro, restaurate per la fruizione pubblica.

  Scheda progetto: Museo della Storia di Bologna
Francesco Radino
Vedi Scheda Progetto
Francesco Radino
Vedi Scheda Progetto
Paolo Righi
Vedi Scheda Progetto
Paolo Righi
Vedi Scheda Progetto
Paolo Righi
Vedi Scheda Progetto
Francesco Radino
Vedi Scheda Progetto
Francesco Radino
Vedi Scheda Progetto
Francesco Radino
Vedi Scheda Progetto
Francesco Radino
Vedi Scheda Progetto
Francesco Radino
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
30.01.2023
Cucinella firma il nuovo Teatro della Casa di Reclusione di Volterra
27.01.2023
Ecco l’installazione Lights on – Confindustria Bergamo
27.01.2023
La Fieldhouse MoDusArchitects: un nuovo spazio sociale a Bolzano
le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
21/03/2023 - palazzo attems petzenstein, gorizia
ITALIA CINQUANTA. Moda e design. Nascita di uno stile

18/04/2023 - milano
Salone del Mobile. Milano 2023

20/05/2023 - venezia
La Biennale di Venezia - 18. Mostra Internazionale di Architettura

gli altri eventi
  Scheda progetto:
Mario Bellini Architects

Museo della Storia di Bologna

 NEWS CONCORSI
+30.01.2023
Progettare un centro di documentazione per la casa popolare e operaia a Bologna
+27.01.2023
Al via la call internazionale SMACH 2023
+27.01.2023
Un “Giardino della Memoria” a Nardò, località di Santa Maria al Bagno
+26.01.2023
Progetto di verde verticale integrato alla torre piezometrica di Faenza
+25.01.2023
Un nuovo Stadio del Nuoto per Taranto
tutte le news concorsi +

ADA 2022_discover the winners
ADA 2022_discover the winners
FORUMPISCINE
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2023 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata