Waffle


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Kerakoll_Color Collection

Ultimata a Princeton la Lewis Library firmata Gehry
Attesa per giovedì l’apertura ufficiale
Autore: roberta dragone
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
05/09/2008 - “Il progetto trae ispirazione dall’arte e dalle immagini che ci circondano. Spesso ci rifacciamo alla pittura e alla scultura; al modo in cui un artista vede e interpreta un soggetto o come utilizza una forma o un materiale”. Così Frank Gehry commenta il progetto della Lewis Library di Princeton, un’opera da lui concepita come omaggio alla bellezza delle linee e delle curve offerte dalle immagini della realtà quotidiana.
 
I lavori della nuova biblioteca, avviati quattro anni fa, sono stati ultimati il mese scorso. L’apertura ufficiale è attesa per giovedì 11 settembre, in occasione dell’inizio del nuovo anno accademico.
La struttura sorge nel cuore del campus universitario ed ospita, insieme ad aule, uffici, spazi pubblici, le biblioteche di astrofisica, biologia, chimica, scienze geologiche, matematica, fisica e statistica.
 
“Gli spazi interni della Walt Disney Concert Hall – spiega Gehry – sono stati realizzati come ambienti da osservare mentre si ascolta la musica. Le geometrie curve guidano gli occhi lungo la stanza creando un paesaggio visivo astratto che enfatizza l’esperienza musicale”.
Una esperienza simile può a suo avviso essere vissuta anche all’interno della Lewis Library: “L’astratto paesaggio dell’edificio potrebbe stimolare l’immaginazione dei ricercatori che si concentrano su tematiche complesse”.
Al piano più alto si intravede, guardando fuori attraverso ogni finestra, un’alternanza di colori; sfumature di verde, porpora e arancio. Con il calare della luce, questi colori si riflettono sul vetro della facciata offrendo un suggestivo spettacolo di sfumature in continuo cambiamento.
 
L’architettura esterna prende forma dalla combinazione di alluminio, acciaio, mattoni di terracotta e vetro. La copertura è sostenuta da travi di acciaio che seguono l’inconfondibile geometria curvilinea che contraddistingue le architetture di Gehry. Per la realizzazione è stato utilizzato un sistema di copertura metallica denominato “Ziprib” normalmente utilizzato per applicazioni industriali.

  Scheda progetto: Lewis Library
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
14.06.2021
Maranello: Ferrari riapre lo storico ristorante Cavallino
11.06.2021
Mar Mediterráneo 34: la rinascita di una rovina
10.06.2021
MoDusArchitects firma l’ampliamento del Museo dell’Abbazia di Novacella
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
17/06/2021 - via nomentana 331, roma
D10S AND THE DECORATED SHED
Mostra a cura di WAR
18/06/2021 - taranto
MAP Festival

20/06/2021 - online
NUDGE 2.0
Progetto espositivo online
� gli altri eventi
  Scheda progetto:
Gehry Partners LLP

Lewis Library

 NEWS CONCORSI
+14.06.2021
La piattaforma Bee Breeders lancia il concorso di idee 'Colombarium'
+10.06.2021
Borse di studio sul paesaggio 2021/2022
+09.06.2021
Goldreed Industrial Design Award 2021
+09.06.2021
L'Architecture Film Award - AFA verso la chiusura
+07.06.2021
Premio Luigi Zordan 2021
tutte le news concorsi +

Monochrome collections
ADA 2021_Apply now
Kerakoll_Color Collection
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata