SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


Inaugurata a Firminy la chiesa di Le Corbusier
Un enorme tronco di cono in calcestruzzo poggia su una base quadrata
Autore: roberta dragone
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
05/12/2006 – Giunge a capolinea a Firminy, in Francia, il lungo e travagliato percorso del cantiere per la realizzazione della chiesa di Saint Pierre progettata dall’architetto Le Corbusier 46 lontani anni fa. L’inaugurazione ufficiale è stata celebrata il 29 novembre scorso alla presenza del ministro francese della Cultura e della Comunicazione Renaud Donnedieu de Vabres.

La struttura completa il grande complesso architettonico europeo che vanta la firma del celebre architetto svizzero scomparso nel 1965. La chiesa di Saint Pierre rappresenta infatti il quarto edificio che Le Corbusier aveva immaginato per Firminy Verte, il quartiere di Saint Etienne che oggi ospita la casa della cultura, uno stadio ed un edificio residenziale per 414 alloggi complessivi. Tutti progetti a lui commissionati nel 1954 da Eugène Claudius-Petit, allora sindaco di Firminy.

Il progetto della chiesa di Saint Pierre veniva completato nel 1960, ma Le Corbusier non lo vedrà mai realizzato. La prima pietra veniva infatti posata nel 1970, ben cinque anni dopo la sua morte. Interrotti nel 1975 per mancanza di fondi, i lavori saranno ripresi solo nel 2003 per essere portati a termine nell’arco di tre anni.

Un enorme tronco di cono in calcestruzzo - alto circa 30 metri - inclinato lungo la parte superiore per favorire l’ingresso della luce solare, poggia su un basamento dalla forma quadrata, il cui lato misura 25 metri di lunghezza.

La base dell’edificio, diversamente dal disegno iniziale, non sarà luogo di culto, bensì sede distaccata del museo d’arte moderna di Saint Etienne; nonché centro culturale dedicato all’opera di Le Corbusier.

Classificata già nel 1996 come monumento storico dello stato francese, l’opera si candida a diventare patrimonio mondiale Unesco. Il Comune di Firminy spera infatti che la Francia chieda all’Unesco di iscrivere nel 2007 l’opera nel patrimonio mondiale dell’umanità.

  Scheda progetto: Chiesa di Saint Pierre
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news piďż˝ precisa e completa.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
06.12.2022
weber + winterle architetti vince il XVIII Premio Architettura CittĂ  di Oderzo
05.12.2022
Il nuovo centro logistico di Coulisse in Olanda sarĂ  firmato Piuarch
02.12.2022
La nuova biblioteca civica di Bressanone: non un semplice “contenitore” di libri
ďż˝ le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
07/12/2022 - torre pwc, piazza tre torri, milano
Sguardi dalla Torre – Botticelli
Mostra in cima alla Torre PwC
16/12/2022 - galleria del cardinale colonna (piazza della pilotta 17a), roma
Festa dell’Architett* 2022
Festa dell’Architetto 2022
20/05/2023 - venezia
La Biennale di Venezia - 18. Mostra Internazionale di Architettura

ďż˝ gli altri eventi
1
2
  Scheda progetto:


Chiesa di Saint Pierre

 NEWS CONCORSI
+06.12.2022
1° Sardegna Design Award: prorogata la scadenza
+05.12.2022
Ri-disegnare il centro di Legnano
+01.12.2022
Tre nuovi concorsi di architettura per Amatrice
+30.11.2022
Al via il contest Wildlife Pavilions
+29.11.2022
Svelati i nove progetti vincitori della seconda edizione del Festival dell’Architettura
tutte le news concorsi +

New Products 2022 
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicitŕ |  Rss feed
© 2001-2022 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata