RUN

Nuova D180

MAGNIFICO FIT

Huetopia


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

EGOsmart

BS Hof: il Maso di famiglia si rinnova
alpina architects risana e amplia un maso dell’Ottocento a Nova Ponente
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
BS HOF: IL MASO DI FAMIGLIA SI RINNOVA
29/02/2024 - BS Hof è il maso di famiglia in cui è cresciuta la committente di alpina architects. Si trova a Nova Ponente, un paese in provincia di Bolzano, adagiato tra le montagne.
La committente e protagonista di questa storia, è nata e cresciuta qui, circondata da animali e natura. Crescendo, è sopraggiunta la necessità di costruire un proprio spazio dove vivere con la sua futura famiglia. Il desiderio di non abbandonare questo luogo e di poter continuare a far parte della quotidianità del Maso è il punto iniziale di questo progetto.
 
La storia del Maso
Il BS Hof è un maso costruito nel 1850, come è inciso nel first, la trave principale a sostegno del tetto ligneo e come riportato nel logo di famiglia dipinto sull’intonaco sopra l’ingresso. Da allora il Maso ha vissuto del suo rapporto con la natura, traendo sostentamento dai diversi animali che lo popolano. Nel tempo, attorno al Maso, inteso come edificio abitativo principale, si sono aggiunti altri volumi secondari, quali la stalla e il fienile, conferendo a questo ensemble quell’immagine di paese nel paese visibile oggi.

Carattere tipico è che l’edificio principale realizzato in pietra sia intonacato, mentre gli edifici secondari siano realizzati in legno, mostrando in modo chiaro la gerarchia dei diversi volumi; anche il BS Hof segue questa tradizione. Si sviluppa su tre livelli ed è inserito nel terreno in declivio in modo armonico. Al piano più basso si trovano le cantine, al primo piano la parte giorno dell’abitazione (stube e cucina), mentre al secondo piano sono disposte le camere da letto.

L'evolversi del tempo e l'espansione della famiglia hanno generato una nuova necessità: individuare uno spazio per la figlia del proprietario del maso, per consentirle di continuare a vivere e partecipare alla quotidianità del maso, ma con un proprio spazio personale.
 
Il progetto
Il progetto nasce da una lettura critica dello stato di fatto, del contesto costruito da cui è circondato il maso e del paesaggio in cui è inserito e di cui è parte integrante. Appare subito la necessità di trovare un nuovo approccio, una nuova via che sia capace di dare una risposta funzionale adeguata alle richieste programmatiche del committente, abbandonando la soluzione “tradizionale” del sopralzo del tetto. Da una profonda ricerca affiora nei primi schizzi una nuova via: sfruttando il dislivello del terreno si affianca all’ ultimo piano del Maso, un tempo destinato alla zona notte, un nuovo volume.

Come un corpo innestato, l’ampliamento si radica nell’edificio esistente, dando vita a qualcosa di inedito. L’ampliamento, internamente collegato al secondo piano del maso, si estende verso nord; si collega e al tempo stesso pone distanza dall’esistente, si distacca, creando lo spazio necessario per inserire un patio dalla forma circolare.
Volumetricamente si raggiunge la consapevolezza che, all’interno di questo sistema costituito da più corpi, anche la nuova casa debba avere una propria identità, aggiungendo un tassello, una parte di racconto nella storia del BS Hof.
Compare quindi un nuovo volume, dalla forma triangolare, la forma per eccellenza riconducibile alla capanna, che si solleva e si staglia nel paesaggio con chiarezza.
 
Il progetto nasce da un’idea semplice: ampliare il maso, affiancando un nuovo volume a quello esistente, per preservarne l’immagine caratteristica, la geometria e le proporzioni. Come storicamente si era soliti fare, l'ampliamento avviene non in verticale ma in orizzontale, e cerca, consapevolmente, di differenziarsi dall'edificio esistente. L'innesto del nuovo ampliamento si fonde delicatamente con il maso esistente attraverso un patio rotondo, un punto di connessione che simboleggia l'unità tra passato e futuro. Questo spazio centrale diviene il nuovo cuore del progetto; qui il paesaggio vasto viene addomesticato, abbracciato da un gesto che pone il cielo in un cerchio.

Il collegamento tra la parte esistente e quella nuova è risolta da un volume a tetto piano. Qui si trova l'ingresso principale, raggiungibile dopo aver salito una rampa di scale racchiusa tra due setti, che, dall’ingresso storico al Maso, conduce fino allo spazio magico del nuovo patio. Da qui uno spazio di distribuzione separa internamente la zona giorno dalla zona notte.
 
Internamente, infatti, la parte storica del Maso, un tempo adibita a zona notte, è trasformata in zona giorno. I setti esistenti vengono completamente rimossi, le aperture esistenti mantenute nella loro posizione e geometria. Viene disegnato un nucleo centrale dove si concentrano una stufa, la cucina con la relativa dispensa, e una scala che porta ad una galleria posta nel sottotetto. Da qui, attraverso i timpani un tempo tamponati e ora vetrati, è possibile scorgere il paesaggio circostante, attraverso le grandi vetrate intervallate dalla struttura lignea a sostegno del tetto.

Nell’ampliamento si concentra, invece, la zona più intima della casa; lungo il corridoio sono disposte due stanza da letto, per i futuri bimbi. Al termine del corridoio si trova una scala che porta al piano superiore, esteriormente la parte più riconoscibile del progetto. Qui è racchiusa la camera da letto padronale con il relativo bagno; l’atmosfera di questi spazi interamente rivestiti in legno è calda e avvolgente e al tempo stesso primordiale, richiamando quella di una capanna.

Esternamente lo spazio del patio diviene il cuore pulsante del progetto; uno spazio unico e affascinante da cui si staglia un cannocchiale, realizzato in cemento, che si ancora al Maso e si estende verso il paesaggio. Questo spazio di terrazza/loggia diviene un punto di osservazione privilegiato che si apre strategicamente per offrire una vista panoramica sulle montagne circostanti. Attraverso questo cannocchiale il progetto manifesta la sua presenza, con un eloquente dichiarazione di presenza nel contesto, innestandosi con forza e rispetto, creando un dialogo armonioso tra passato e presente. Qui l'osservatore diventa parte integrante della natura circostante abbracciando la bellezza del paesaggio alpino. È qui che passato e futuro si abbracciano, è da qui che è possibile godere di momenti di tranquillità e riflessione immersi nella bellezza che li circonda.

  Scheda progetto: BS HOF
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto
Simone Bossi
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici

ULTIME NEWS SU CASE & INTERNI
12.04.2024
Torno: la casa nella ‘Villa Plinianina’ sul Lago di Como
11.04.2024
Palazzo delle Stelline, Milano: al via i lavori di restauro e ristrutturazione
10.04.2024
Dove dormire durante la Milano Design Week 2024?
le altre news

  Scheda progetto:
alpina architects

BS HOF

 NEWS CONCORSI
+08.04.2024
Premio Internazionale di Architettura Sacra 2024
+04.04.2024
Architettura del Paesaggio: al via l’ottavo City‘Scape Award
+02.04.2024
Narni realizza un monumento da dedicare al cinema
+25.03.2024
Sguardi Civici 2024: call di fotografia urbana
+22.03.2024
In chiusura AAA architetticercasi 2023/24 Padova
tutte le news concorsi +

interno_SALONE_Guida24
EGOsmart
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Contatti/Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit� |  Rss feed
� 2001-2024 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n�iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 � Riproduzione riservata