Minicucine


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Contral

Il ciclismo incontra l'architettura storica nel nuovo Headquarter Santini a Bergamo
L'architetto Marco Acerbis firma il progetto di restauro di un edificio degli anni '60 in un'area industriale di Bergamo
Autore: giulia capozza
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
IL CICLISMO INCONTRA L'ARCHITETTURA STORICA NEL NUOVO HEADQUARTER SANTINI A BERGAMO
29/11/2023 - Il mondo del ciclismo si rispecchia nell’architettura di Marco Acerbis per il nuovo Headquarter Santini, storico brand del settore ciclistico. Storia industriale e cultura architettonica italiana degli anni ’60 si intrecciano in un’area strategica della città di Bergamo, dove un edificio storico diventa oggetto di restauro in armonia con i valori aziendali.

A partire dal 1960 una serie di edifici sono stati costruiti e posizionati abilmente all’interno dell’area oggetto del progetto, una zona molto vicina al centro e facilmente raggiungibile dall’autostrada, dalla stazione dei treni e dall’aeroporto. Grazie alla sua particolare posizione, il luogo diventa un posto ideale per uno sviluppo industriale urbano a scala d’uomo. Particolarmente interessante all’interno dell’area è la palazzina uffici progettata in quegli anni dall’architetto Giuseppe Gambirasio, rinata oggi con l’intervento di restauro di Acerbis.

In un dialogo con le preesistenze storiche, il progetto di Acerbis mira ad esprimere la forza e il dinamismo tipici dell’universo ciclistico attraverso accorgimenti tecnici che reinterpretano l’edificio in chiave contemporanea, sfruttando dettagli storici dall’alto valore architettonico.

Nell’area, comprata nel 2021 dalla società Santini Spa, l’approccio progettuale ha previsto un’iniziale demolizione di volumi edilizi che non servivano alla gestione della nuova produzione per poter intervenire sulla parte produttiva esistente e permettere il trasferimento dell’azienda nel nuovo sito nel più breve tempo possibile.

Ciò ha consentito di ampliare la volumetria del piano terra dell’edificio uffici, così da creare spazi più adatti alle esigenze del brand. Si fa strada un nuovo concetto: il connubio tra negozio aperto al pubblico e uffici di produzione. Due destinazioni d’uso diverse che, accostate l’una all’altra, creano un’esperienza utente molto forte. Chiunque oggi entri nel negozio per comprare il prodotto può godere visivamente degli spazi aziendali, attraverso una vetrata di separazione dall’atrio principale.

La struttura di travi e pilastri con sagoma variabile in cemento armato ricorda la potenza muscolare che un ciclista deve sprigionare per raggiungere i suoi obiettivi. La sagoma stessa delle travi e dei pilasti rievoca il disegno dei telai in carbonio delle bici moderne abilmente sagomati e affinati nelle gallerie del vento.

Le colonne sono state alleggerite da partizioni interne che nascondevano gli elementi in cemento armato, dando forma a spazi ‘open space’ intervallati, quando necessario, da leggere suddivisioni in vetro. Questo consente alla luce naturale di fluire tra gli spazi in un susseguirsi di ombre che scolpiscono l’intera struttura.

Il costante mutare della luce naturale è fruibile per tutti i piani dell’edificio, anche grazie alla demolizione e ricostruzione della vetrata centrale sopra il vano delle due scale che portano al primo piano.

Due rampe elicoidali in cemento armato gettate in opera negli anni ’60 sembrano sfuggire all’occhio come una bici sparisce dietro un tornante.  Su questa preesistenza storica, sono stati creati nuovi gradini più larghi e avvolgenti verso la base, mentre elementi ad ‘L’ in metallo curvato fungono da parapetti, gradino dopo gradino, movimentando l’intero volume della scala. La fessura lasciata tra una L e l’altra permette alla luce di passare alleggerendo la scala.

Al piano terra sono situati due grandi banconi, uno verso l’ingresso che funge da reception ed uno sul lato opposto che funge da bar, elementi focali per rendere il piano luogo di aggregazione e rappresentanza.
Sul lato opposto all’ingresso, lo showroom insieme alla zona ristorante affaccia su un altro giardino privato dell’azienda.

Al primo piano, gli uffici sono disposti in open plan e separati tra loro da quinte composte da doghe sagomate e progettate su misura per gli spazi. Grande cura è stata posta agli aspetti acustici sia con l’applicazione della moquette a pavimento che con l’utilizzo di pannelli fonoassorbenti appesi a soffitto.

Oltre alla luce naturale, grandi lampade ad incasso fanno luce diffusa, imitando quella del giorno, e dove necessario, sono presenti binari con proiettori per esigenze espositive.
Il tamburo sopra l’atrio è stato concepito come un grandissimo paralume, proiettori ad alta potenza sono stati posizionati sopra le travi per illuminare le pareti del tamburo della vetrata. In questo modo la luce indiretta ricade sugli spazi sottostanti con la stessa morbidezza di quella naturale.

  Scheda progetto: Santini Head Quarter
Marco Introini
Vedi Scheda Progetto
Marco Introini
Vedi Scheda Progetto
Marco Introini
Vedi Scheda Progetto
Marco Introini
Vedi Scheda Progetto
Marco Introini
Vedi Scheda Progetto
Marco Introini
Vedi Scheda Progetto
Marco Introini
Vedi Scheda Progetto
Marco Introini
Vedi Scheda Progetto
Marco Introini
Vedi Scheda Progetto
Marco Introini
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
23.02.2024
Un 'soggiorno collettivo' di oltre 4000 mq nel quartiere San Paolo di Bari
23.02.2024
BIG- Bjarke Ingels Group ‘colpisce ancora’ a Manhattan
22.02.2024
Una sfera tronca che emerge dal terreno come luogo di scambio tra culture, idee e relazioni
le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
12/04/2024 - treviso
Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino 2023-2024

06/06/2024 - fiera di bergamo
interzum forum italy

23/09/2024 - bologna fiera
Cersaie 2024

gli altri eventi
  Scheda progetto:
marco acerbis studio

Santini Head Quarter

 NEWS CONCORSI
+23.02.2024
Al via il Premio di Architettura Stefania Annovazzi Energetica-Mente
+21.02.2024
Geraci Siculo crea il percorso artistico “La via dell’acqua”
+16.02.2024
La Fondazione Teatro Petruzzelli rifà il look alla grafica
+09.02.2024
Verso la chiusura il IV Premio Architettura Toscana
+08.02.2024
Additive Design Contest: trasformare le proprie idee in prototipi
tutte le news concorsi +

interno_SHOP_Promo_Flos
RODA_Nuovo Catalogo
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Contatti/Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit� |  Rss feed
� 2001-2024 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n�iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 � Riproduzione riservata