Di.Big

SecuForte


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Antisismika

Il ‘Ciabòt Ninin’ di Studio Ellisse in Alta Langa
Un restauro conservativo nel rispetto delle tradizioni locali e del minimo impatto ambientale
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
IL ‘CIABÒT NININ’ DI STUDIO ELLISSE IN ALTA LANGA
06/03/2023 - Studio Ellisse architetti termina la ristrutturazione e l’ampliamento del ‘Ciabòt Ninin’ a Gorzegno, in Piemonte.
I ciabòt sono piccole unità fondiarie, sparse in tutto il territorio dell’Alta Langa, il cui impiego era legato alle attività dei campi; essi sono costituiti di un’unica cellula funzionale abitualmente sviluppata su due piani.
In Alta Langa la pietra, un’arenaria compatta e calcarea, viene usata sia per i terrazzamenti che per i tetti e i muri di tutti gli edifici, sia pubblici che religiosi, sia rustici che civili, con tecniche non dissimili. Nonostante la loro semplicità quindi, i ciabòt possono essere considerati l’unità minima delle costruzioni del territorio, da cui riprendono caratteri e tecnologie costruttive.
 
L’intervento di rifunzionalizzazione curato da Studio Ellisse ha avuto come obiettivo il restauro conservativo dell’immobile nel rispetto delle tradizioni locali e del minimo impatto ambientale: uso di risorse locali, quali le pietre ed il legno di castagno, di materiali a basso impatto ambientale quali calce idraulica di provenienza italiana, pannelli di canapa o di fibra di legno per l’isolamento, e minimo consumo di energia sia in fase di costruzione che di uso. 
 
"Le funzioni quali cucina e servizi igienici, che richiedono un forte adeguamento tecnologico, risultano poco compatibili con la preesistenza e quindi verranno ospitate nell’ampliamento. 
L’ampliamento rispetta proporzioni e principi costruttivi dell’edificio originale collocandosi sul prospetto Est del fabbricato esistente e seguendo idealmente la pratica della tradizione locale di allungare la manica da una delle facciate corte. Per l’ampliamento è stata usata la tecnica giapponese del “shou sugi ban”, mediante cui la superficie del legno viene carbonizzata, bruciandola con una fiamma e poi sigillata con olio. Applicata alle tavole di rivestimento ha soddisfatto l’esigenza di arricchirlo a livello estetico e proteggerlo ulteriormente, senza impiegare vernici o impregnanti industriali chimici"
, spiegano i progettisti.

  Scheda progetto: Ciabòt Ninin
Fabio Oggero
Vedi Scheda Progetto
Fabio Oggero
Vedi Scheda Progetto
Fabio Oggero
Vedi Scheda Progetto
Fabio Oggero
Vedi Scheda Progetto
Fabio Oggero
Vedi Scheda Progetto
Fabio Oggero
Vedi Scheda Progetto
Fabio Oggero
Vedi Scheda Progetto
Fabio Oggero
Vedi Scheda Progetto
Fabio Oggero
Vedi Scheda Progetto
Fabio Oggero
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici

ULTIME NEWS SU CASE & INTERNI
09.06.2023
Il profilo di una montagna per l’Olympic Spa Hotel
08.06.2023
Tenuta Negroamaro, un’oasi all’insegna della slow life
08.06.2023
La Casa dei Ricordi sul Lago di Como
le altre news

' ',
  Scheda progetto:
Studio Ellisse architetti

Ciabòt Ninin

 NEWS CONCORSI
+08.06.2023
Premio Speciale Architettura solare in contesti di pregio
+07.06.2023
Al via la XXII edizione dei Premi Ceramica ASCER
+05.06.2023
L'Italia è un desiderio: open call sul paesaggio contemporaneo
+01.06.2023
Strategia Fotografia 2023, tempo fino al 26 giugno per partecipare al contest
+01.06.2023
Premi IN/ARCHITETTURA 2023: ultimo weekend per candidarsi
tutte le news concorsi +

Design Center 2023
Design Center 2023
Antisismika
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Contatti/Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2023 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata