SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


iGuzzini illumina il Museo d'arte della Fondazione Luigi Rovati
Il progetto di restauro, ampliamento e riqualificazione del Palazzo in Corso Venezia a Milano a cura di MCA - Mario Cucinella Architects
Autore: antonella fraccalvieri
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
Piano Ipogeo - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati Piano Ipogeo - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati
07/10/2022 - Gli apparecchi luminosi iGuzzini sono parte del progetto curato da MCA - Mario Cucinella Architects per il restauro, l'ampliamento e la riqualificazione del Palazzo in Corso Venezia 52 a Milano. 
Il Museo d'arte della Fondazione Luigi Rovati è aperto dal 7 settembre 2022: due piani espositivi con più di 250 opere che portano il visitatore nel mondo dell'arte etrusca e contemporanea.

Il progetto architettonico di ampliamento e riqualificazione si articola in tre macro-interventi. 

Il primo intervento riguarda l’ampliamento del livello interrato e la realizzazione del museo ipogeo che custodisce la collezione etrusca. Si tratta del vero e proprio fulcro dell’intervento progettuale, elemento architettonico d’eccellenza immaginato in piena connessione con il progetto del palazzo. 
 
Il secondo intervento è rappresentato da un’accurata opera di conservazione e restauro degli ambienti del piano nobile, spazio museale pensato per esporre opere contemporanee in dialogo con reperti archeologici.
Gli altri piani dell’edificio ospitano le funzioni connesse all’attività museale: gli uffici, la sala studio, la sala conferenze, gli spazi per le esposizioni temporanee e i depositi per le collezioni. 
Al piano terra, la grande hall d’ingresso ha la funzione di spazio di distribuzione, una piazza sempre accessibile su cui si affacciano la biglietteria, lo shop museale, il caffè-bistrot, l’ingresso al ristorante situato all’ultimo piano e il giardino con il padiglione espositivo.
 
Il terzo intervento progettuale interessa il giardino, uno spazio nascosto dalle mura perimetrali che lo racchiudono su tre lati, un’area verde privata trasformata a uso pubblico.

Il progetto illuminotecnico sviluppato dall’architetto Piero Castiglioni con apparecchi iGuzzini tiene conto delle funzioni che nei diversi ambienti si svolgono e contemporaneamente valorizza gli ambienti storici e quelli contemporanei realizzati dall’architetto Mario Cucinella.

Al Piano Ipogeo, vero cuore espositivo del museo, l’illuminazione richiesta dallo studio MCA prevede corpi illuminanti integrati nelle forme organiche architetturali. La luce radente di apparecchi Underscore InOut posizionati al di sotto della pavimentazione evidenzia volumi e texture nello spazio. Gli Underscore InOut permettono di seguire l'andamento curvilineo del perimetro e sono inseriti in una gola protetta rispetto al piano di calpestio con fascio luminoso direzionato verso la parete. L’illuminazione generale di questo spazio è data da incassi Laser, di piccolo diametro (Ø 38 mm) e con una finitura RAL speciale per integrarsi anche cromaticamente nell’ambiente. L’ampio androne centrale del piano terra è il punto di accoglienza dei visitatori ed è lo snodo da cui si diramano le diverse zone del piano: il bookshop, la reception, il bistrot e l'accesso al giardino interno. In questo caso l’illuminazione artificiale è stata pensata in modo indiretto: delle applique View e delle linee di luce Underscore sono posizionate su due livelli differenti e rivolte verso l’alto per enfatizzare la volta a cassettoni.
 
Per le aree bookshop e reception sono stati utilizzati gli incassi Laser Blade XS in finitura bianca, in versione luce generale, tranne per la zona specifica della reception in cui sono stati utilizzati sempre la stessa tipologia di incassi, ma con luminanza controllata. Per enfatizzare gli elementi esposti all’interno delle aree di transito, sono stati utilizzati Laser Blade XS in versione minimal con ottiche medium e spot nelle bussole che si affacciano sull’area giardino. 

Le scale principali, che portano dal piano terra al secondo piano, presentano due gole in cui sono state inserite delle linee di luce Underscore InOut nella versione Top Bend e Side Bend, in base al raggio di curvatura. Per le scale del Bistrot è  stato sviluppato inoltre un prodotto speciale che è inserito, in verticale, sul tratto di muro che è il perno della svolta delle scale. 
 
Salendo si incontra poi il piano ammezzato che è lo spazio riservato agli uffici della Fondazione Rovati in cui si alternano open space e sale riunioni. L'illuminazione generale è stata realizzata con incassi Laser Blade XS High Contrast lungo il perimetro delle sale, mentre l’illuminazione specifica per le postazioni di lavoro è affidata a moduli lineari a sospensione IN90 con schermi microprismati per ottenere una luminanza controllata e un UGR<19. 

Il piano nobile ha funzione espositiva con diverse sale ognuna con un allestimento dedicato. In questa area si è scelta una soluzione per l’illuminazione artificiale affidata a binari Low Voltage, in versione minimal e a incasso, lungo il perimetro delle stanze e proiettori Palco ( Ø 51 mm) con ottica medium e spot, che forniscono l'illuminazione generale di base. Sempre al primo piano, anche il corridoio è una parte espositiva in cui l’illuminazione generale è data, in maniera indiretta, dalle applique View che illuminano le volte, integrata dalla illuminazione dedicata agli arazzi presenti lungo il corridoio. Per ottenere una maggiore uniformità sulle opere visto il loro sviluppo in altezza, sono stati utilizzati proiettori Palco con ottica wall washer installati su binario LV con un’asta rigida.

Il secondo piano è riservato alle esposizioni temporanee, eventi, meeting, per questo la soluzione illuminotecnica migliore è stata individuata nell’utilizzo di binari e proiettori per una luce d’accento che integra l’illuminazione generale ottenuta da linee di luce Underscore con schermi diffusori opali. 

Sulla corte verde del palazzo si affaccia il Caffè Bistrot, curato dallo chef stellato Andrea Aprea a cui fa capo anche il ristorante che si trova all’ultimo piano della fondazione. Questi due spazi sono stati progettati da Flaviano Capriotti Architetti. L’illuminazione artificiale integra l'illuminazione naturale proveniente dalle vetrate, fornendo durante le ore serali, luce concentrata sui tavoli, grazie agli incassi Laser e ai proiettori Palco.

Il Ristorante Andrea Aprea si trova all’ultimo piano della Fondazione e si caratterizza per un ambiente dall’impatto scenografico, con una vetrata panoramica sul parco di Porta Venezia e sullo skyline della città. L’illuminazione è fondamentale per definire l’atmosfera di un luogo dedicato al gusto: proiettori Palco, su binario incassato, proiettano la luce sui tavoli.

Negli esterni l’illuminazione ha riguardato sia la facciata su Corso Venezia che la parte interna del Palazzo e il giardino. 
La regia luminosa pensata per la facciata interna sottolinea il ritmo della struttura: la parte alta presenta una maglia regolare di infissi in cui sono stati installati gli apparecchi Trick con effetto lama di luce a 180° in grado di sottolineare le geometrie della facciata. Per la parte centrale invece i proiettori iPro con ottiche spot e medium esaltano la verticalità della facciata e illuminano gli imbotti degli archi centrali. 

Gli stessi proiettori sono stati anche utilizzati, con apposita cinghia, sui rami degli alberi, per ottenere l’effetto di una luce che proviene dall'interno della chioma. I proiettori, come tutti gli apparecchi utilizzati per il progetto, sono equipaggiati con alimentatori DALI e sono inseriti nel sistema di controllo per la definizione delle scene di luce.

L’illuminazione della facciata su Corso Venezia si basa su piccoli accenti di luce dedicati a precise parti architettoniche dell’edificio e alla enfatizzazione dei telamoni, illuminati singolarmente da un proiettore, mentre per dare effetto tridimensionale alla facciata si è scelto di retroilluminare il balcone.
Per rispettare i parametri LEED e le Norme relative all'Inquinamento luminoso, tutte le sorgenti luminose sono rivolte verso il basso o comunque presentano adeguate schermature per evitare l’emissione del flusso luminoso verso l’alto. 

iGuzzini su ARCHIPRODUCTS


Ingresso Piano Ipogeo - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati


Hall - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati


Piano Ipogeo - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati


Scale - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati


Cupole - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati


Sala Wharol - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati

Consiglia questa notizia ai tuoi amici
  News sull'argomento
22/10/2022
Una fessura di luce tridimensionale firmata Jean-Michel Wilmotte
Il profilo per illuminazione lineare Linealuce iGuzzini evolve con una nuova versione miniaturizzata ad altissime prestazioni, per favorire la massima integrazione nell’architettura e nello spazio

08/09/2021
'The Light Gate Works Together' by iGuzzini
Al Fuorisalone un percorso pensato per presentare le diverse forme e applicazioni della luce frutto della contaminazione di discipline e conoscenza

10/05/2021
iGuzzini illumina l’Australian Technology Park di Sydney
Il progetto di riqualificazione include tre nuovi edifici e una ridefinizione dei percorsi che rende lo spazio attrattivo anche in orario notturno

27/11/2020
Le nuove lampade outdoor iGuzzini
Bollard e apparecchi a incasso pensati per gli spazi residenziali

18/11/2020
Il nuovo proiettore di Matteo Thun ispirato alla dinamicità del pettirosso
Robin, il sistema d'illuminazione per interni della collezione iGuzzini 2020

20/10/2020
iGuzzini presenta iWay Super Comfort
La nuova versione del bollard azzera il rischio di abbagliamento


Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU ARCHIPRODUCTS NEWS
30.11.2022
Glide by Porro: soluzioni flessibili per progetti d'interior
30.11.2022
Gestione smart degli elettrodomestici: la guida Samsung contro il caro bollette
30.11.2022
Catellani & Smith illumina la storica Tenuta Soave Pieropan
� le altre news

Ingresso Piano Ipogeo - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati
Hall - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati
Piano Ipogeo - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati
Scale - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati
Cupole - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati
Sala Wharol - Giovanni de Sandre per Fondazione Luigi Rovati
1
2
IGUZZINI-ILLUMINAZIONE

UNDERSCORE INOUT - TOP BEND
VIEW OPTI LINEAR | Applique
UNDERSCORE INOUT - SIDE BEND

IGUZZINI-ILLUMINAZIONE

 NEWS CONCORSI
+30.11.2022
Al via il contest Wildlife Pavilions
+29.11.2022
Svelati i nove progetti vincitori della seconda edizione del Festival dell’Architettura
+28.11.2022
La Sezione "Fiamme Gialle" del C.A.I. di Predazzo ricostruisce 3 bivacchi
+24.11.2022
Riuso del Ninfeo del Bramante a Genazzano, Roma
+22.11.2022
Un progetto per le “Case Scuso” a Cison di Valmarino
tutte le news concorsi +

Ambiente
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2022 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata