HOTEL e RESIDENCE

Ocean ECM

Alma Design


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Quadrifoglio Group

Cà di Dio a Venezia: da antico rifugio a luxury hotel firmato Patricia Urquiola
“Un progetto che esalta la personalità dello storico edificio veneziano reinterpretandolo in chiave contemporanea”
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
14/01/2022 - Venezia accoglie un nuovo hotel tra le sue intime calli, nel sestiere Castello lungo la Riva degli Schiavoni. Si tratta del Ca’ di Dio, nuovo indirizzo dell’ospitalità di lusso. Un progetto che incarna lo spirito di rinascita di un antico edificio del 1200, che oggi vede nuova luce attraverso il progetto di restyling e creazione artistica di Patricia Urquiola

Ca’ di Dio era un antico rifugio per pellegrini e donne in difficoltà che, dopo cinquecento anni dall’intervento di Jacopo Sansovino, oggi diviene teatro di una rinascita firmata dall’architetto e interior designer di caratura internazionale. L’hotel fa parte della collezione VRetreats, un atelier di dimore esclusive con uno stretto legame con il territorio, strutture percorse da arte e cultura, in un continuum con lo spazio circostante grazie a terrazze, chiostri e giardini.
L’edificio è stato preso in gestione da Alpitour World nel 2019 e per donargli nuova linfa e luce è stato realizzato un investimento di 25 milioni di euro. 

Il progetto è un inno alla città di Venezia e al suo passato, gli ambienti e i dettagli celebrano i materiali, le cromie e le suggestioni di una città che vive sull’acqua: la palette è sobria e tenue, con gradazioni e trasparenze leggere, che ricordano i riflessi della laguna. 
Gli ambienti sono raccolti e ogni elemento di design si accosta alle linee preesistenti, valorizzandole, senza stravolgerle: ne nasce un’armonica unione tra il rigore della struttura iniziale e l’eleganza dei palazzi nobiliari, le due anime di Ca’ di Dio, le stesse che percorrono Venezia. 

Lo spiccato senso di accoglienza si percepisce sin dall’ingresso, nella Lobby, in origine la chiesa e uno degli ambienti più rappresentativi dell’intero albergo, dove diventano protagonisti, dal soffitto a doppia altezza, i 14.000 cristalli in vetro di Murano che danno vita alle tre vele del prezioso lampadario. 
La poetica di Ca’ di Dio prosegue poi nella Sala Lettura, al bar Alchemia e nei due ristoranti dell’hotel, Essentia e Vero, quest’ultimo aperto anche agli ospiti esterni. 
Ogni spazio presenta una ricercatezza materica caratterizzata da tessuti, vetri, pietre e marmi, lavorati nel rispetto delle tradizioni delle maestranze locali. A completare la narrazione di quella che appare come una “casa veneziana” dall’intima ospitalità, le due altane, da cui ammirare tutta Venezia, e i tre giardini ricavati dalle corti e oasi di pace in cui riconnettersi a sé stessi e all’ambiente circostante. 

Ca’ di Dio dispone di 66 camere, di cui 57 Suite e 9 Deluxe: la maggior parte affacciano sulla laguna, con vista sull’isola di San Giorgio e sul Rio Ca’ di Dio. Presentano boiserie tessili e cornici in legno, che riquadrano le finestre, quasi a sottolineare la relazione fra interno ed esterno, lampade disegnate su misura, soffiate dai maestri dell’arte vetraia: anche nelle camere, ogni dettaglio si inserisce delicatamente nel contesto e viene riscritto in chiave contemporanea. 

“Come progettista, lavoro sempre verso una poetica inclusiva, rendendo il committente parte attiva del progetto, così da dare un carattere unico a ogni hotel – spiega l’architetto e interior designer, Patricia Urquiola. “La visione con VRetreats è stata fin da subito concorde sul risultato finale: Venezia doveva essere il nucleo da cui tutto avrebbe avuto origine. L’attenzione nella scelta dei materiali, l’importanza del genius loci sono elementi fondamentali per me. Abbiamo fatto un grande lavoro di ricerca per esaltare la personalità di Ca’ di Dio, senza stravolgerne il passato, ma reinterpretandolo in chiave contemporanea.” 


Il progetto di ristrutturazione ha posto l’accento anche sulla sostenibilità, con investimenti per dotare la struttura di sistemi ed infrastrutture in grado di limitare l’impatto ambientale. Grazie anche all’utilizzo dell’acqua della laguna per la climatizzazione sarà, infatti, possibile ridurre i consumi energetici del 20%, oltre a ridurre di circa 110t le emissioni di CO2 ogni anno. 

Molteni&C partecipa a questo prestigioso progetto arredando gli interni delle 66 camere con pezzi custom-made disegnati sempre da Patricia Urquiola.

  Scheda progetto: Ca’ di Dio
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU CASE & INTERNI
18.01.2022
Cantina Gorgo: un calibrato microcosmo dove ritrovare la lentezza dello sguardo
14.01.2022
Cà di Dio a Venezia: da antico rifugio a luxury hotel firmato Patricia Urquiola
12.01.2022
Camera con vista
le altre news

  Scheda progetto:
Patricia Urquiola

Ca’ di Dio

 NEWS CONCORSI
+18.01.2022
Scandicci: nuova scuola secondaria di 1° grado 'E.Fermi'
+17.01.2022
Riqualificazione urbana dell’Asse Verde a nord di Putignano
+14.01.2022
Riyadh Dream Villas
+13.01.2022
'Imparare da territorio'. Al via il bando del Premio Maggia 2022
+12.01.2022
La II edizione del premio CarlottaxArchitettura
tutte le news concorsi +

ADA 2021_winners
ADA 2021_winners
Quadrifoglio Group
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2022 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata