SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Olimpia

Il segno di Camerana sulle Nitto ATP Finals di Torino
Il masterplan riguarda il Pala Alpitour Isozaki e Piazza San Carlo
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
24/11/2021 - È Torino la città ospitante delle Nitto ATP Finals fino al 2025. L’edizione 2021, appena conclusa, ha portato in Italia i più importanti professionisti mondiali del tennis e si ripeterà in città per i prossimi 4 anni.
A firmare il masterplan dell’evento l’architetto Benedetto Camerana, vincitore a novembre 2020 del Beauty Contest lanciato dalla FIT | Federazione Italiana Tennis con l’intento di curare l’ideazione, l’organizzazione, l’ambientazione e la promozione di 5 edizioni delle fasi finali del torneo di tennis internazionale.
 
Due gli interventi progettati da Camerana: la trasformazione del Pala Alpitour, disegnato dal premio “Pritzker” Arata Isozaki in occasione delle Olimpiadi invernali del 2006, e i due padiglioni di Piazza San Carlo (Torino).
 
Le gare del torneo sono ospitate nel Pala Alpitour. La sua forte identità si definisce nelle scelte volumetriche, un semplice parallelepipedo, e nei materiali utilizzati: il lucente involucro in pannelli di acciaio inossidabile interrotti in modo irregolare da piccole aperture finestrate. Un grande atrio, all’interno, si riflette sulla specchiatura obliqua posteriore a una delle quattro grandi tribune introducendo all’area da gioco.
 
La proposta progettuale vuole porsi in continuità con la flessibile architettura impostata per le Olimpiadi, non modificando la funzione dell’edificio che riesce ad adattarsi armoniosamente alle nuove richieste, sportive, di intrattenimento e di relazione.
 
Partendo dal centro dell’edificio, le differenti dimensioni dei campi da tennis (23,77x8,23 m per il singolo e 23,77x10,97 m per il doppio) rispetto a quelli da hockey su ghiaccio (60x26-30 m) hanno permesso di dare maggiore spazio al gioco nelle aree di movimento esterne ai confini del campo. La superficie del campo è quasi raddoppiata rispetto alla O2 Arena di Londra.
La capienza del palazzetto è stata inoltre aumentata di oltre 650 posti, grazie all’inserimento a bordo campo di quattro tribune temporanee aggiuntive tipo parterre, rivestite in moquette e composte ognuna da tre file di seggiolini più vicini al campo da gioco.
 
Esternamente al grande catino disegnato dal campo e dalle tribune, nei grandi atrii di ingresso, sono stati realizzati ex novo quattro padiglioni aperti, impostati come soppalchi su portali metallici. Ospitano altrettante aree lounge, ristorazione e sponsor schermate da alte lamelle metalliche verticali che a quota + 6 metri ampliano le terrazze esistenti.
Sull’anello più alto del settore sud, a quota 14 metri, sono distribuiti i box commentatori, insonorizzati e con perfetta visuale sul campo.
 
In questa prima edizione, il grande atrio di ingresso del Pala Alpitour ha accolto una versione ridotta del Tennis Village, previsto dal masterplan all’esterno, sull’antistante piazzale Grande Torino, pensato per avvicinare la Città all’evento e agli atleti. Riflesso nella parete specchiante inclinata, uno scenografico campo da allenamento e riscaldamento è visibile sia dalle due lounge principali, posizionate sul lato di corso Sebastopoli, che dall’ingresso e dall’esterno attraverso le grandi vetrate. Il pavimento di gioco ha una tripla stratigrafia in legno e  resina e i colori caratteristici dei campi delle Nitto ATP Finals.
La nuova funzione ha portato anche alla riorganizzazione degli spogliatoi e di parte delle aree interne, diversamente suddivise da nuove pannellature. Ai piani inferiori (livello -7,50 m) sono distribuiti 11 spogliatoi (8 singoli +1 riserva +2 doppisti). Ad ogni atleta è dedicato uno spogliatoio di circa 95 mq, che comprende una sala principale con area armadietti, area relax con divani e sedute e uno schermo per seguire in diretta il campo principale. Stanze ‘satelliti’ accessibili dalla principale accolgono una sala fisioterapia e una ‘concentration room’ per gli ultimi momenti pre-gara.
 
Le Nitto ATP Finals arrivano anche nella Città storica e in modo potenzialmente diverso per ogni futura edizione torinese. Nel 2021 si è scelto uno dei luoghi più monumentali e significativi della Torino Barocca, piazza San Carlo, per portare l’evento internazionale fuori dai campi da gioco.
La place royale della Città, dominata dalle chiese di San Carlo e Santa Cristina e su cui si aprono due lunghe file di portici regolari, diventa pregiato sfondo per una nuova e scenografica costruzione.

Il progetto ha previsto due padiglioni simmetrici a un piano, di 85x10 metri ciascuno, destinati agli sponsor e alle istituzioni che supportano l’evento. Il loro disegno, concordato con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, è lineare e minimale. Utilizzando nelle superfici e nei rivestimenti il blu, colore simbolo della città e di ATP, riprendono sui lunghi fronti l’elemento caratteristico della piazza, i portici, creando un dialogo con il monumentale sfondo.
La planimetria disegna un insieme volutamente divergente: verso sud apre una prospettiva che enfatizza le chiese, mentre verso nord crea un cannocchiale visivo che accentua l’assialità del tratto nord di via Roma, verso piazza Castello e Palazzo Reale.
La visione proposta è quella che il centro Città vuole avvicinare il più possibile i cittadini all’evento: un campetto per la pratica del tennis, destinato ai più giovani e realizzato ai piedi della statua equestre, completa questa presenza urbana delle Nitto ATP Finals, insieme ad allestimenti accessori destinati ai main sponsor.

  Scheda progetto: Nitto ATP Finals Masterplan
Marco Schiavone
Vedi Scheda Progetto
Marco Schiavone
Vedi Scheda Progetto
Marco Schiavone
Vedi Scheda Progetto
Marco Schiavone
Vedi Scheda Progetto
Marco Schiavone
Vedi Scheda Progetto
Marco Schiavone
Vedi Scheda Progetto
Marco Schiavone
Vedi Scheda Progetto
Marco Schiavone
Vedi Scheda Progetto
Marco Schiavone
Vedi Scheda Progetto
Marco Schiavone
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
30.11.2021
Burberry svela “The Imagined Landscape experience” nell'isola di Jeju, in Corea
30.11.2021
Il nuovo Rettorato dell’Università Roma Tre di MC A - Mario Cucinella Architects
26.11.2021
La Pista500: il nuovo giardino pensile sulla pista del Lingotto
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
03/12/2021 - sala studio centro archivi maxxi architettura, roma
Scarpa/Olivetti. Brani di una storia condivisa

06/12/2021 - online
Conservare il vuoto

19/12/2021 - online
#dieciXdieci
Documentario
� gli altri eventi
  Scheda progetto:
Camerana&Partners

Nitto ATP Finals Masterplan

 NEWS CONCORSI
+30.11.2021
Un nuovo polo scolastico per il Comune di Serramanna
+26.11.2021
Cosentino presenta la 16a edizione della Cosentino Design Challenge
+26.11.2021
In scadenza il concorso 'Hangar Ticinum'
+25.11.2021
Esperimenti Architettonici lancia Abitare Circolare
+24.11.2021
'Milan Navigli Canal Challenge'
tutte le news concorsi +

Spatium PRO
Barrisol Clim
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata