SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Barrisol Clim

Jasper Morrison firma la nuova lampada Flos
L'applique Oplight è progettata per durare a lungo ed essere completamente riciclabile a fine vita
Autore: antonella fraccalvieri
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
15/10/2021 - Oplight è l'ultimo progetto di Jasper Morrison per Flos, una lampada future-proof progettata per durare a lungo ed essere completamente riciclabile a fine vita. Concepita per illuminare un’intera stanza e non essere un semplice segnapasso, Oplight rappresenta un step avanti nello sviluppo della tipologia delle applique che è, per sua stessa natura, difficile da innovare per una serie di motivi.

Perché le lampade da parete sono complesse da progettare? La lampada da parete è spesso un oggetto poco considerato dai designer: perché considerata meramente funzionale ma anche per i limiti che la sua stessa natura impone. Deve, ad esempio, nascondere gli elementi elettronici che la compongono in un corpo che sia il più compatto possibile. Deve risolvere le problematiche relative agli attacchi a muro, che variano da paese a paese. Deve illuminare e non essere un semplice segnapassi (e farlo senza abbagliare). È, in breve, un rompicapo di design.

A questa complessità congenita, il brief di Flos ha aggiunto la questione della sostenibilità. Flos ha sempre puntato su prodotti progettati pensando alla circolarità: oggetti smontabili per facilitare il recupero e lo smaltimento dei componenti a fine vita. Questo, insieme alla complessità del tema applique, ha spinto l'azienda a rivolgersi a Jasper Morrison che per Flos aveva già creato, nel 1998, l'iconica Glo-Ball, già frutto della filosofia Super Normal (lo sforzo costante di affinare gli archetipi per creare una “normalità perfetta”). Con la sensibilità tipica del designer industriale che eccelle nel risolvere problematiche tecniche, Morrison è tornato con un'idea semplice ma efficace: lavorare su una forma che è la trasposizione di una lastra sulla parete, un ovale che riprende la sagoma della Glo-Ball.
 
La sorgente luminosa di Oplight è una scheda di LED ricoperta da un pannello trasparente ma increspato che devia la luce verso un angolo lontano dal muro', spiega Jasper Morrison. 'La forma della testata della lampada è probabilmente la sua caratteristica più evidente. È come il profilo di Glo-Ball ma ancora più appiattito. L’intenzione era quella di generare la forma più ovvia e definitiva per un’applique. Non penso di avere un approccio particolare al progetto dell'illuminazione. In realtà disegno tutto partendo dagli stessi principi. Sono aperto alle opportunità, quindi quando mi è stato chiesto di progettare un’applique ho cominciato a pensare a tutte le applique che ho visto: quali funzionavano meglio, cosa può portare la nuova tecnologia dei led al design di questo tipo di prodotto, quali forme sarebbero più adatte. Così l’oggetto inizia a prendere forma nella mia mente come un concetto generale. Poi ovviamente c'è molto lavoro da fare per disegnarlo in 3D, scoprire che forma può avere la luce, e come farla arrivare lontano dal muro”.
 

Da Glo-Ball a Oplight

Con Glo-Ball, Morrison ha preso la classica lampada a forma di sfera del Bauhaus, una palla di vetro, e le ha dato una forma da geoide facendo aderire la forma il più vicino possibile alla fonte di luce. Ha reso la sfera compatta, ma non poteva andare oltre quello che ha fatto per via delle dimensioni della lampadina che doveva comunque essere posizionata all'interno del diffusore. Con Oplight, grazie all'utilizzo dei led, ha invece potuto spingersi oltre in questa operazione di ricerca dell'essenzialità e di riduzione dell'oggetto al minimo.

Di Glo-Ball, Oplight mantiene la sagoma ovale della placca con un corpo in alluminio pressofuso verniciato a polvere, che monta un diffusore in policarbonato stampato a iniezione. Il trattamento superficiale del diffusore, dotato di recuperatore interno in policarbonato bianco stampato a iniezione, e il particolare design che caratterizza l'interno consentono di controllare l'emissione ottimizzando l'effetto luminoso sulla parete e la sua distribuzione verso il soffitto. Oplight quindi non illumina semplicemente la parete ma dispone di una doppia luce che punta anche al soffitto. La sua funzione non è quindi solo quella di segnapasso, ma una vera e propria fonte di luce per la stanza.

Anche il bordo rialzato del diffusore intercetta una parte della luce emessa e la illumina in modo uniforme, evidenziando allo spettatore dal basso il perimetro formale della lampada.

Il nome Oplight spiega la molteplicità di questo oggetto: che sta in alto e si illumina anche in alto (up) grazie alla particolare lavorazione del diffusore (ottico).

Oplight, la lampada progettata secondo la circolarità

Oplight è la dimostrazione che è possibile realizzare un prodotto tecnologicamente avanzato che rispetti l'ambiente.

Nonostante gli spessori minimi, non è stata utilizzata alcuna colla per assemblare i componenti: le parti sono separabili, sostituibili singolarmente e riciclabili nella differenziata a fine vita.

La scocca è realizzata in pressofusione di alluminio: un materiale leggero, che dura nel tempo, ed è perfettamente riciclabile. Il colore applicato è in polvere, quindi senza l'utilizzo di solventi nel processo di verniciatura: un dettaglio importante perché i metodi di produzione devono essere considerati nel calcolo dell’'impatto ambientale complessivo di un prodotto.

La scheda LED all'interno di Oplight ha un'elevata efficienza: emette una grande quantità di luce a basso consumo, con una vita stimata di oltre cinquantamila ore. Nel caso in cui si verificasse un guasto, o quando in futuro saranno disponibili sorgenti luminose più efficienti, la scheda potrà essere sostituita senza dover sostituire il resto della lampada, con un notevole risparmio di risorse.
Tutto ciò è possibile perché la scheda LED non è incollata al dissipatore, come spesso accade: l'operazione di sostituzione quindi non richiede apparecchiature sofisticate ma può essere effettuata da qualsiasi elettricista.

Il diffusore, ovvero il coperchio trasparente che funge anche da lente, è realizzato in policarbonato stampato ad iniezione. Grazie alla sua elasticità si fissa con un incastro in modo da poter essere smontato e rimontato per intervenire sulla tavola, senza compromettere l'estetica. Ovviamente, in caso di rottura, è riciclabile e sostituibile.
 

Due dimensioni e quattro finiture

Oplight è disponibile in due versioni: una più grande, ideale per ampi spazi contract o residenziali, e una più piccola, per il mercato residenziale. Le quattro diverse finiture, bianco goffrato, grigio metallizzato goffrato, antracite goffrato e nero satinato, selezionate in collaborazione con Jasper Morrison, rendono Oplight estremamente versatile e valorizzano la matericità del prodotto.

“Abbiamo scelto quattro finiture che si adattano al maggior numero possibile di tipologie di atmosfere architettoniche diverse”, afferma il designer inglese. “Mi piace l'idea che si possa utilizzare Oplight nella sua versione più piccola in un vecchio casolare di campagna e in quella più grande in un appartamento o in una casa con soffitti alti o nel corridoio di un ufficio. Penso che questa lampada risponderà alle esigenze di una vasta gamma di spazi e situazioni. Spero anche che si dimostri Super Normal, cioè che sia in grado di creare una buona atmosfera senza essere una presenza invadente'.

FLOS su ARCHIPRODUCTS























Consiglia questa notizia ai tuoi amici
  News sull'argomento
30/10/2021
La lampada Belt di Flos nell’ADI Design Index 2021
Flessibile, leggero e rigoroso: il sistema d'illuminazione in cuoio e alluminio firmato Ronan & Erwan Bouroullec

17/09/2021
Parentesi compie 50 anni
Flos celebra l'iconica lampada firmata Achille Castiglioni e Pio Manzù con una Special Edition nei colori Turchese e Signal Orange e la riedizione del packaging originale

24/06/2021
La collezione Noctambule di Flos per l'ADI Design Index
Le lampade modulari disegnate da Konstantin Grcic concorreranno per il 27° Compasso D’Oro

20/05/2021
A Parigi un inedito progetto firmato Flos Bespoke e Ronan ed Erwan Bouroullec
La monumentale installazione luminosa realizzata per la Bourse de Commerce, il nuovo museo d’arte contemporanea della Collezione Pinault

15/04/2021
Flos presenta la nuova collezione di lampade 2021
In occasione di Milano Design City gli store di Corso Monforte ospitano due speciali allestimenti dedicati ai prodotti decorativi, outdoor e tecnici

25/02/2021
Discreta e scultorea. La nuova Bellhop Floor di Flos
La versione da terra completa l'iconica collezione Bellhop disegnata da Edward Barber e Jay Osgerby

12/02/2021
WireLine by Flos: essenziale come la luce
La nuova lampada di Formafantasma gioca sul contrasto tra la gomma industriale e il vetro immateriale

30/11/2020
Flos riedita l'iconica Mayday di Konstantin Grcic
Una Limited Edition di 2.020 pezzi numerati per il ventesimo anniversario della task lamp


Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU ARCHIPRODUCTS NEWS
30.11.2021
30.11.2021
Le lampade Ethimo firmate Marc Sadler
30.11.2021
Eclettica e preziosa: la seduta Sitlali Low di Fratelli Boffi
� le altre news

1
2
3
4
5
FLOS

1
2
3
4
5
6
 »
SNOOPY
AIM
ARCO
BELLHOP
FOGLIO
GLO-BALL F
GLO-BALL T
TAB F
TAB T
GAKU WIRE
1
2
3
4
5
6
 »

FLOS

 NEWS CONCORSI
+30.11.2021
Un nuovo polo scolastico per il Comune di Serramanna
+26.11.2021
Cosentino presenta la 16a edizione della Cosentino Design Challenge
+26.11.2021
In scadenza il concorso 'Hangar Ticinum'
+25.11.2021
Esperimenti Architettonici lancia Abitare Circolare
+24.11.2021
'Milan Navigli Canal Challenge'
tutte le news concorsi +

Spatium PRO
Design Center
Olimpia
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata