SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Freedhome

‘Parasite’: una narrazione visiva
Dentro le architetture del film di Bong Joon Ho, nominato miglior film agli Oscar 2020
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
12/02/2020 - Il miglior film degli Oscar 2020 è un film coreano, Parasite. Dopo essere risultato vincitore anche all'ultimo Festival di Cannes, delle sei categorie di Oscar in cui è stato nominato, Parasite ha vinto in quattro: miglior sceneggiatura originale, miglior film internazionale, miglior regista e miglior film.
Grazie alla spiccata originalità narrativa del film – opera del regista sudcoreano Bong Joon Ho, questo film fuori dagli schemi – a metà strada tra commedia noir e thriller – utilizza il linguaggio visivo per fare una spietata analisi sociale condita da metafore e suggestioni simboliche. 
Una denuncia della lotta di classe vissuta in ambienti dove architettura e scenografia trovano un ottimo punto di incontro e raccontata attraverso la calibrazione magistrale dello spazio in pieni, vuoti, altezze, luci e ombre.



La storia inizia con il tema del divario sociale descritto mediante due famiglie con ugual numero e generi di componenti (padre, madre, figlio e figlia) le cui vite si intrecciano. Una famiglia ricca, i Parks, e una povera, i Kims. I componenti della famiglia Kim sono così scaltri ed intelligente da ingannare la quota benestante del film. 
Certo, la storia è raccontata attraverso i dialoghi e la recitazione degli attori, ma uno degli elementi caratterizzanti e distintivi della narrazione è la scenografia che aderisce al contenuto e ai ricchi temi affrontati in Parasite.



I Kim, costretti a vivere in un seminterrato di un quartiere degradato, hanno quell’energia di chiunque cerchi un riscatto. I Park sono invece benestanti, con personale a servizio e vivono nella villa progettata dall’ex proprietario, il grande architetto (di fantasia) Namgoong Hyeonja. Una creazione moderna e minimale in vetro, legno e pietra in cui si svolgono la maggior parte delle scene..un’architettura reale? No! La villa dei Parks così come il seminterrato dei Kims, per quanto progettate nei minimi dettagli, sono in realtà scenografie costruite e non luoghi realmente esistenti così come gli arredi presenti, realizzati su misura per il set. 



Tuttavia, il genio dietro la progettazione di questi ambienti è reale e ha un nome: Lee Ha-Jun, il designer di produzione che ha ideato e costruito la notevole visione architettonica teatro dell’azione.“Il concetto generale che penetra nel film è la verticalità, tutti i layer del film esistono in verticale” – dice Lee Ha-Jun durante un'intervista.



Il seminterrato dei Kim è una metafora del loro atteggiamento verso il mondo, riflette realmente la psiche della famiglia Kim: il vivere in bilico tra la possibilità di riscatto e la caduta definitiva, tra la speranza e la paura di cadere ancora più in basso. 



La casa dei Parks, se pur con diverso registro visivo – un esempio di architettura dell’alta borghesia, di lusso, elegante – ha lo stesso slancio. Qui le scale (numerose visto che l’abitazione è distribuita su tre livelli) diventano loro stesse luoghi dell’azione. 
Ma ad innescare la parte più imprevista della trama di Parasite sarà in realtà la scoperta di un nuovo ambiente, una zona che nessuno pensava potesse esistere..

Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
giuseppe salvia
archilovers bellissima iniziativa - naturalmente anche questa 'scenografia' scenico-letteraria
Francesca
Scenografie ? Non ambienti reali ? Complimenti !! Comunque credo sia corretto vietarlo ai minori di 14 anni, la violenza di alcune scene sono da thriller .... di ritorno dal cinema ho detto ai miei figli che sono felice di vivere al 5 piano senza cantina...... ??
giovanna
non ancora visto ma, intrigante, lo vedrò volentieri e lo consiglierò a miei figli
Tiziana
Visto molto bello, adoro le ambientazioni, il primo e il secondo tempo ben distinti, sembrano quasi due film differenti, passa dall'ironia al dramma. Bello, sinceramente ancora non capisco perché sia vietato ai minori di 14 anni.
Luciana
Semplicemente magistrale ... visto appena uscito, quando ancora nessuno ne sapeva niente e rimasta affascinata soprattutto dalle ambientazioni, oltre che dalla storia.
Antonio
interessante, visto il trailer attendo il film

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
07.08.2020
VII Premio Internazionale di Architettura Sacra: i vincitori
06.08.2020
ZBZ per il ‘Quartiere del Sole’
05.08.2020
Taranto riparte dal nuovo waterfront
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
29/08/2020 - palazzo mora, venezia
YTAA | Young Talent Architecture Award 2020

05/09/2020 - castel dell'ovo, napoli
The Kitchen. Homage to Saint Therese
Marina Abramovic / Estasi
08/09/2020 - chiostro del bramante, roma
Banksy a Visual Protest

� gli altri eventi
 NEWS CONCORSI
+06.08.2020
Micropaesaggi per Euroflora 2021
+31.07.2020
Bando Internazionale Residenze Festival del Tempo 2020
+30.07.2020
Centro direzionale della Regione Siciliana a Palermo
+29.07.2020
Al via la 3°edizione di 'Obiettivo accessibilità'
+28.07.2020
Castellaneta Marina riqualifica le aree costiere
tutte le news concorsi +

Pellington Design
ADA 2020
Duravit
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2020 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati