COBRILLO SRL

SERIMANIA DI MARIA TAMI E IGNAZIO ROMEO S.N.C. # Romeo Design

WAVE MURANO GLASS S.R.L.


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


Carlo Ratti progetterà il nuovo Polo Scientifico dell'Università di Milano
Un Campus 2.0 pensato come luogo aperto, di sperimentazione e contaminazione dei saperi scientifici
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
18/12/2020 - Lo studio CRA-Carlo Ratti Associati insieme ad un team guidato dal gruppo immobiliare australiano Lendlease ha vinto il concorso internazionale per la progettazione del nuovo campus per le facoltà scientifiche dell’Università degli Studi di Milano.  
Collocato all’interno di MIND-Milano Innovation District nell’ex area di Expo 2015, il cui masterplan è stato realizzato nel 2017 sempre dallo studio CRA-Carlo Ratti Associati per conto di Lendlease, il campus sarà inaugurato nel 2025.
 
Il concept architettonico firmato da CRA-Carlo Ratti Associati reinterpreta la tradizionale disposizione a corti delle università italiane ed europee, immaginando un “Campus 2.0” come luogo aperto, di sperimentazione e contaminazione dei saperi scientifici. Il nuovo polo si estende su un totale di oltre 190.000 metri quadri (più della superficie dei Giardini Pubblici di Porta Venezia a Milano) e ospiterà una comunità di oltre 23 mila persone. 
Dopo mesi in cui, a seguito della pandemia, la vita di molti studenti, professori e ricercatori si è dovuta trasferire in una dimensione esclusivamente digitale, il progetto ribadisce la centralità dell’università stessa come spazio fisico per incontri, dialoghi e scambi.
 
Il Campus si sviluppa intorno a cinque corti circondate da altrettanti edifici in mattoni: entrambe le specifiche sono un tributo alla tradizione architettonica milanese e in modo specifico alla Ca’ Granda, la antica e prestigiosa sede centrale dell’Università Statale, a pochi passi dal Duomo di Milano. Il progetto sperimenta un uso innovativo delle tecniche costruttive. I mattoni in facciata sono disposti secondo un ordine complesso, frutto del design parametrico, andando a formare una serie di arazzi tridimensionali per riprodurre scritte o immagini. I mattoni, intesi come “pixel fisici”, sono potenzialmente riconfigurabili, secondo una tecnica che consente anche l’utilizzo di robot in fase compositiva.
 
Generosi sono gli spazi verdi, che dominano tutti gli ambienti all’aria aperta, dalle corti ognuna dedicata a un diverso tipo di vegetazione fino alla grande piazza centrale, estesa su quasi 10.000 metri quadri e direttamente affacciata sul cardo dell’ex area Expo. Il verde si declina anche su una sequenza di terrazze attrezzate e giardini ipogei, ribassati rispetto al livello degli edifici. Sulla piazza centrale si trovano anche una serie di padiglioni commerciali e un grande specchio d’acqua, in grado di essere svuotato per consentire lo svolgimento di eventi temporanei.
 
Il progetto promuove un approccio di dialogo tra le diverse discipline accademiche, secondo il metodo del “learning by doing”, ovvero apprendere facendo. Le aule si trovano al piano terra e al primo piano, mentre i piani superiori sono dedicati agli ambienti amministrativi. L’atteggiamento di apertura è incarnato dal principio urbanistico del “Common Ground”, ovvero uno spazio pubblico ininterrotto che si snoda attraverso tutto il quartiere, tramite passerelle, chiostri e corti. Gli edifici sono resi trasparenti al piano terra oppure rialzati per consentire il passaggio pedonale continuo. Il “Common Ground” penetra anche nelle stesse architetture, le quali sono connesse da un unico percorso pedonale interno della lunghezza di 700 metri.
 
Nel pensare alla realizzazione di spazi di formazione delle generazioni future non si è infatti potuto prescindere dal considerare le priorità delle stesse quali la sostenibilità e il cambiamento climatico. Questo polo è stato infatti progettato per essere misurato, da un punto di vista prestazionale, con la certificazione energetico-ambientale internazionale di terza parte LEED che sarà come minimo di livello Gold.
 

  Scheda progetto: New Campus for the Science Faculties | University of Milan
CRA-Carlo Ratti Associati
Vedi Scheda Progetto
CRA-Carlo Ratti Associati
Vedi Scheda Progetto
CRA-Carlo Ratti Associati
Vedi Scheda Progetto
CRA-Carlo Ratti Associati
Vedi Scheda Progetto
CRA-Carlo Ratti Associati
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
14.01.2021
Un'unità di terapia intensiva che viaggia su rotaie?
13.01.2021
Back To Work
12.01.2021
La Nationalgalerie restaurata: pubblicate le prime immagini
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
22/01/2021 - bologna fiere, bologna
ARTE FIERA

26/01/2021 - online
Onda Z @Klimahouse
Webinar online
18/02/2021 - online, piattaforma zoom
Corpi, paesaggi
Giornate internazionali di studio sul paesaggio
� gli altri eventi
  Scheda progetto:
Carlo Ratti Associati

New Campus for the Science Faculties | University of Milan

 NEWS CONCORSI
+15.01.2021
#HamburgCall. Cultural Housing for port city
+13.01.2021
San Vittore, spazio alla bellezza
+13.01.2021
Dai Bordi al cuore della città
+11.01.2021
#BrusselsCall
+08.01.2021
Design Reset: New Dreams for a New World
tutte le news concorsi +

ADA 2020_winners
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati