Ambient Fire

Freewall

Italkero

3D Surface

Thermo Ice


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

CP Parquet

MantovArchitettura 2019
Passato, presente e futuro dell’architettura in dialogo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  

15/05/2019 – Nel mese di maggio Mantova si trasforma nella capitale dell’Architettura grazie all'evento MantovArchitettura. Gli spazi che fin dal Rinascimento hanno reso la città una tappa irrinunciabile per la formazione di artisti e architetti – Palazzo Ducale, Tempio di San Sebastiano, Casa del Mantegna, Palazzo Te, ex Chiesa di San Cristoforo, Biblioteca Teresiana, Palazzo D’Arco, oltre al Campus Mantovano del Politecnico di Milano - diventano le aule in cui i maestri si confrontano con gli studenti, gli architetti e tutti i cittadini interessati a mettere in  dialogo il passato, il presente e il futuro dell’architettura.

Il ricco programma dell’edizione di quest’anno, ideato e organizzato dal Polo di Mantova del Politecnico di Milano, vede in particolare un omaggio a Giulio Romano, grande architetto/artista allievo di Raffaello; un focus sull’architettura messicana; incontri con progettisti internazionali e con giovani architetti agli inizi della loro carriera.

In omaggio a Giulio Romano (e in anteprima rispetto alla grande mostra che verrà inaugurata il 6 ottobre a Mantova), MantovArchitettura 2019 prevede due esposizioni per celebrare il più talentuoso tra gli allievi di Raffaello: “Giulio Romano. Il racconto di carta: libri e autografi”, presso la Biblioteca Teresiana, e “Messer Iulio Nostro Charissimo. Le fabbriche di Giulio Romano a Palazzo Ducale” per l'appunto presso Palazzo Ducale. La sua figura verrà ulteriormente approfondita attraverso alcuni incontri.

Le conferenze avranno un focus significativo sull’emergente architettura messicana, particolarmente impegnata nello sviluppo di progetti in dialogo con il contesto storico e paesaggistico. Tra i giovani architetti della scena messicana saranno presenti: Manuel Cervantes, Estudio Macías Peredo, Atelier ARS, Taller de Arquitectura Rocha + Carrillo, Fernanda Canales.

Giunta alla sua 6° edizione e forte dei più di 5000 visitatori presenti ogni anno, Mantovarchitettura rinnova il suo ricco programma, offrendo a tutti – architetti e professionisti del settore della progettazione, ma anche ai numerosi studenti e altri visitatori –, gratuitamente, molteplici e interessanti eventi dedicati all’architettura e ai suoi protagonisti, con uno sguardo ampio sulle tendenze dell’architettura contemporanea.

Tra i testimoni coinvolti dello scenario internazionale Pierre Louis Faloci (insignito nel 2018 del Grand Prix national de l'architecture dal Ministero della Cultura francese), Eduardo Souto de Moura, João Luís Carrilho da Graça, che torna a Mantova a presentare le sue ultime opere e in particolare il progetto del terminal di Lisbona, Liu Yuyang, Andrew Berman, Tony Fretton, Diébédo Francis Kéré, Guillermo Vázquez Consuegra, Ricardo Bak Gordon, Andrea Soto e Alejandro Guerrero.

Inoltre, tra i numerosi eventi in programma, il seminario su “Le Corbusier e la fotografia” di Marco Introini, due incontri sull’Architettura sacra e le Conversazioni, una nuova formula che permetterà agli studenti di architettura di avvicinare ancora di più i loro maestri in un colloquio alla pari.

MantovArchitettura, quest’anno vanta una nuova collaborazione con l’Associazione Arte Sella che cura l’omonima rassegna di arte contemporanea a Borgo Valsugana (TN). Il 19 maggio verrà, infatti, inaugurata l’installazione intitolata “L’ultimo baluardo dell’architettura”, progettata da Eduardo Souto De Moura, Professore ordinario di Progettazione architettonica presso il Polo di Mantova.

L’opera di Souto de Moura, in Tonalite dell’Adamello, è posizionata nel bosco di Villa Strobele. Una “porta” che collega il parco di Villa Strobele alla foresta, una sorta di “dolmen” contemporaneo che il Premio Pritzker portoghese ha voluto posizionare al limite dello spazio espositivo e verso la montagna, colpita dal disastro di fine ottobre 2018.
Solida e “perenne”, l’opera è in realtà calibrata e contenuta rispetto alla forza della natura circostante, e si pone come soglia di transito e “baluardo architettonico”, come dice l’autore, per farci riflettere sia sul senso dell’architettura che sul nostro essere fragili di fronte alla forza della materia, della natura e dei suoi eventi. All’evento presso Villa Strobele seguirà presso Malga Costa la Lectio Magistralis dell’architetto, accessibile su prenotazione. 

Eduardo Souto de Moura - Copyright Arte Sella - Ph Giacomo Bianchi 


Eduardo Souto de Moura - Copyright Arte Sella - Ph Giacomo Bianchi 



  •   Comunicato stampa Lectio magistralis Souto de Moura.pdf


  •   Scheda evento:
    Convegno:
    09/05-07/06 MANTOVA
    MantovArchitettura


    Consiglia questa notizia ai tuoi amici
    Inserisci un commento alla News

    I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

    ULTIME NEWS SU EVENTI
    14.11.2019
    Emilio Scanavino. Genesi delle forme
    13.11.2019
    Giulio Romano: Arte e Desiderio
    12.11.2019
    Francis Bacon e Lucian Freud
    � le altre news

      Scheda evento:
    09/05-07/06 MANTOVA
    MantovArchitettura

     NEWS CONCORSI
    +14.11.2019
    Un logo per la piattaforma About Italia
    +13.11.2019
    PREV/isioni. Boviar Awards 2019
    +12.11.2019
    Premio internazionale Domus Restauro e Conservazione
    +11.11.2019
    Imprese Creative Driven
    +08.11.2019
    Il concorso AAA architetticercasi™ 2019 Habitat
    tutte le news concorsi +

    ADA 2019
    ADA 2019
    CP Parquet
    Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
    © 2001-2019 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati