Habimat

Roca

Besana Moquette

Unikolegno

Edge


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Gli stucchi Knauf

La Fotografia in Italia negli anni Sessanta
Al via a Milano la quarta edizione di Archivi Aperti
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
Napoli_nuova Stazione Centrale_Ezio Quiresi_1961, ©TouringClubItaliano

12/10/2018 - La Fotografia in Italia negli anni Sessanta. Cultura, società, arte, immagine è il tema scelto da Rete Fotografia per la quarta edizione di ‘Archivi Aperti’. L'iniziativa viene riproposta oggi con una partecipazione molto più ampia e quasi raddoppiata per le numerose e nuove adesioni di archivi, enti e fondazioni, tra i più importanti di Milano e della Lombardia, impegnati a promuovere la conoscenza della cultura fotografica.

La manifestazione sarà aperta da un Convegno venerdì 19 ottobre (Milano, Palazzo Reale) cui parteciperanno storici, critici e fotografi, testimoni di quel periodo. Da sabato 20 ottobre e fino a sabato 27 ottobre incluso, si susseguiranno aperture straordinarie di archivi e studi professionali di fotografi che prevedono visite guidate dedicate a un pubblico non soltanto specialistico.

Il Convegno affronterà temi e questioni legati alla cultura fotografica degli anni Sessanta, anni in cui cambia la fotografia e il suo rapporto con la società, lo spazio urbano, l’ambiente, la cultura, l’arte, il lavoro.
Dal convegno nazionale di fotografia del 1959, a Sesto San Giovanni, che conclude la grande Rassegna della fotografia italiana cui partecipano tutti i protagonisti della scena italiana, al convegno di Verbania del 1969 - promosso dal CIFe (Centro Informazioni Ferrania) e dalla FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche) - i fotografi italiani operano un progressivo distacco dall’ambiente amatoriale, pur molto radicato, per cercare nuovi e più consapevoli ruoli, nel confronto con la cultura internazionale, la politica, la società, l’arte. In particolare, l’incontro di Verbania risente dell’acceso clima politico e vede confrontarsi opposte concezioni della fotografia ove prevale quella d’impegno sociale e politico, documentaria e di reportage.

Le trasformazioni, che hanno caratterizzato l’Italia dal punto di vista politico, culturale, sociale, economico e antropologico, hanno creato in quegli anni grandi occasioni di dibattito e di confronto su questioni fondamentali e ancora oggi attuali.

La fotografia ha guardato questo periodo interrogandosi sulle proprie specificità e dialogando con il mondo culturale e artistico, dell'architettura e del design. La figura del fotografo ha cominciato ad allontanarsi dal mondo amatoriale, cui apparteneva, per configurarsi in modo nuovo e secondo direzioni spesso inaspettate.

Nuovi percorsi, anche di tipo sperimentale, sono stati aperti per l’immagine, in tutti i campi, dall’arte, alla moda, al cinema, allo spettacolo, all’architettura e al design mentre si affermava il foto-giornalismo impegnato che rifletteva gli aspetti, anche contraddittori, dei mutamenti sociali.

La fotografia narrava mondi diversi, come quelli operaio e contadino, e catturava, in senso profondo, la cultura e le tradizioni di un territorio, spesso dando vita a immagini poi divenute “iconiche” e rappresentative del miracolo economico, dello sviluppo delle infrastrutture, dell’emigrazione e delle condizioni del Sud Italia, delle contestazioni e degli eventi anche tragici – come la strage di piazza Fontana – di quel periodo.

Questo straordinario decennio - gli anni '60 – sarà, quindi, rivisitato anche attraverso le ricche e variegate collezioni fotografiche degli archivi, musei e fondazioni che fanno parte di Rete Fotografia, insieme ai numerosi studi di fotografi professionisti che aderiscono all'iniziativa.

I partecipanti sono in tutto 30, 15 studi di fotografi professionisti, grazie anche alla collaborazione di AFIP International - Associazione Fotografi Professionisti, e di GRIN - Gruppo Redattori Iconografici Nazionale, e 15 archivi di Enti, Fondazioni e Musei. 


  Scheda evento:
Mostra:
19-27/10 MILANO
La Fotografia in Italia negli anni Sessanta



Cesare Colombo, La Torre Galfa vista dal grattacielo Pirelli, Milano, 1968 - ©Cesare Colombo


"Ugo Mulas all'interno di un ambiente di Luc Peire", XXXIV Biennale Internazionale d'Arte, Venezia, 1968 - Fotografie Ugo Mulas ©Eredi Ugo Mulas


Lucera_Anfiteatro_Berengo Gardin_1967, ©TouringClubItaliano


Basilicata_Fiume Sinni_Berengo Gardin_1968, ©TouringClubItaliano


La festa de San Bartul a Castelfranc. La festa di San Bartolomeo a Castelfranco d’Oglio (Cremona), 1966 - ©GiuseppeMorandi_Aess


Publifoto - Roma. Via Olimpica. Aste tubolari portabandiera, 1960 - © Fondazione Dalmine


Bob Noorda allo stand Pirelli al Salone dell'Automobile di Torino del 1958, Foto Publifoto - ©Fondazione Pirelli

Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

Non hai un account Facebook?Clicca qui Utilizza il mio account Facebook
Cesare Colombo, La Torre Galfa vista dal grattacielo Pirelli, Milano, 1968 - ©Cesare Colombo
Lucera_Anfiteatro_Berengo Gardin_1967, ©TouringClubItaliano
Basilicata_Fiume Sinni_Berengo Gardin_1968, ©TouringClubItaliano
La festa de San Bartul a Castelfranc. La festa di San Bartolomeo a Castelfranco d’Oglio (Cremona), 1966 - ©GiuseppeMorandi_Aess
Publifoto - Roma. Via Olimpica. Aste tubolari portabandiera, 1960 - © Fondazione Dalmine
Bob Noorda allo stand Pirelli al Salone dell'Automobile di Torino del 1958, Foto Publifoto - ©Fondazione Pirelli
1
2
3
  Scheda evento:
19-27/10 MILANO
La Fotografia in Italia negli anni Sessanta

 NEWS CONCORSI
+15.10.2018
Concorso di idee “Tech Exhibition Area”
+12.10.2018
What is a Hotel?
+11.10.2018
Idee progettuali per i dehors della città di Catanzaro
+10.10.2018
Riqualificare il borgo di Dolina
+09.10.2018
Ferrero – Design the working break
tutte le news concorsi +

Rubinetteria Zazzeri
ADA 2018
PAT
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2018 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati