nanoeX_hotel

NEIUS

Waffle

Italkero

Xchange


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Terre Ossidate

80!Molteni: un percorso dedicato alle icone del design italiano
Appuntamento fino al 30 giugno alla Galleria di Arte Moderna di Milano
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
1989, Aldo Rossi - Interno milanese con persona - Photos Courtesy © Molteni&C 1989, Aldo Rossi - Interno milanese con persona - Photos Courtesy © Molteni&C
05/05/2015 - 80!Molteni mette in scena per la prima volta, alla GAM – Galleria di Arte Moderna di Milano, gli 80 anni di storia di Molteni&C, azienda fondata nel cuore della Brianza nel 1934. Da allora, dai primi passi di impresa artigianale fondata da Angelo e Giuseppina Molteni, tante cose sono cambiate. In un allestimento curato da Jasper Morrison, la mostra racconta il passaggio dell'azienda dalla dimensione artigianale alla produzione industriale su scala internazionale.
 
In esposizione i prototipi e i prodotti-icona delle quattro aziende del Gruppo: Molteni&C (mobili per la casa), Unifor (mobili per l’ufficio), Dada (mobili per la cucina) e Citterio (mobili per l’ufficio e pareti divisorie). Ma la mostra 80!Molteni racconta anche la storia italiana di un’attività che prende avvio negli anni trenta come azienda artigianale, per svilupparsi dagli anni ’50 in una produzione industriale, con la collaborazione di architetti e designer italiani e internazionali come Foster+Partners, Jean Nouvel, Álvaro Siza, Pier Luigi Cerri, Michele De Lucchi, Rodolfo Dordoni, Ferruccio Laviani, Luca Meda, Dante Bonuccelli, Aldo Rossi, Afra e Tobia Scarpa, Hannes Wettstein, Patricia Urquiola, Ron Gilad, Werner Blaser, Richard Sapper. Fino alla riedizione di una collezione di arredi disegnati da Gio Ponti negli anni dal 1935 al 1970.

La mostra 80!Molteni rievoca un’intera epoca anche nell’incontro con un altro illustre protagonista della creatività italiana del secolo scorso, Ignazio Gardella. Il percorso museale progettato dell’architetto milanese negli anni ’50 ospita le Raccolte di Carlo Grassi e Giuseppe Vismara, esempi di quel collezionismo privato che ha visto le vicende imprenditoriali e professionali intrecciarsi con la passione per l’arte.



Passione che si rinnova oggi, come in passato, nelle sale della Collezione Permanente del museo con le opere di Corot, Cezanne, Manet, De Nittis, Balla, Boccioni, Morandi, Picasso, Renoir, Modigliani, tra gli altri, e le icone del design italiano. La mostra 80!Molteni trova, infine, nella Villa Reale, sede della GAM, un capolavoro intatto del neoclassicismo lombardo, esempio e testimonianza di un’innovazione progettuale ingegneristica e decorativa all’avanguardia già nel ‘700.

“La Gam ha inteso aderire per la prima volta alla programmazione del Salone del Mobile condividendo con Molteni un progetto non solo di marchio ma soprattutto di carattere storico e documentario. Sono le sale pensate da Ignazio Gardella e le 290 opere delle collezioni di Carlo Grassi e Giuseppe Vismara a dialogare con l’allestimento temporaneo dei pezzi storici della produzione Molteni, documenti emblematici della storia del design milanese, in un percorso che sarà quindi storia del gusto per l’arte e per l’abitare”. Paola Zatti, Conservatore Responsabile Galleria d’Arte Moderna.

Inaugurata il 14 aprile scorso, la mostra 80!Molteni sarà visitabile fino al 30 giugno 2015.

Anni '30 - '40 - La ditta Arredamenti Angelo Molteni 
Due immagini raccontano quando tutto è cominciato. Una bella coppia di giovani sorride felice davanti a un cancello. Angelo e Giuseppina Molteni si sono appena sposati. Lui ha imparato dallo zio l’arte di amare il legno e trasformarlo in oggetti belli e utili, mobili. È un legnamè , un falegname, e ha una piccola bottega artigiana. Lei, scuole professionali, sa tenere le carte e far di conti. È una donna moderna, lavora a Milano.
 
Sei anni dopo, 1947, foto da squadra da calcio, davanti a un capannone. Belle facce di adulti bambini e di bambini cresciuti in fretta, quasi tutti indossano un grembiule. Sono gli artigiani e i collaboratori della ditta Arredamenti di Angelo Molteni, fondata pochi anni prima, nel 1934.
 
Anni ‘50 - Il moderno si fa avanti
Arrivano dalla Germania le prime macchine industriali, per produrre di più e meglio. Segherie e reparto tranciatura sono interni dal 1952. Il controllo è totale su tutta la filiera, dal tronco al mobile finito. E un concorso internazionale, la selettiva di Cantù, fa incontrare progettisti e produttori, anticipando il connubio tra designer e artigiani. Nascono così i primi prototipi di mobili moderni. Tecnologia e sperimentazione per guardare al futuro.
 
Anni ‘60 - La ricerca del nuovo
Dopo la rivoluzione delle macchine, la sfida dello stile. I produttori si associano per portare il mondo a Milano e Angelo Molteni è tra i 14 fondatori del primo Salone del Mobile, 1961. Nasce il mobile "moderno". Si sperimenta con Carlo De Carli, ma la svolta sono i sistemi componibili di Tito Agnoli, Angelo Mangiarotti e Luca Meda. Nel 1968, in sei o sette mesi, si converte la produzione. Addio classico, evviva gli architetti, evviva il design (moderno)!
 
Anni ‘70 - Macchine, mani e pensiero
Il 1975 è la svolta. L'introduzione delle macchine a controllo numerico per la lavorazione del legno è l'hardware, che si incrocia con il software con nome e cognome, agli uomini, agli architetti. Nascono icone - Modulo 3, Monk, Mop, Mount, 505. Sembra un protocollo criptato e invece è un programma industriale, culturale, progettuale. Fuori il mondo pulsa; nel compound industriale di Giussano si affinano le strategie; il design inaugura il decennio dei componibili - elogio della flessibilità.
 
Anni ‘80 - Fate posto a tavola 
Eh si, non ce li dimenticheremo mai, quegli anni! La famiglia si ingrandisce, fate posto a tavola, arriva Dada. Non può mancare la cucina... È solo l'inizio degli 80s, anni che volano via, leggeri e carichi di promesse. Luca Meda, piglio deciso e spirito creativo, porta in Brianza il suo caro amico Aldo Rossi. Nascono progetti, teatri, famiglie di prodotti che rileggono la storia delle forme. Tradizione e futuro si tengono per mano. E il mondo sta a guardare, con curiosità. Saranno grandi classici?
 
Anni ‘90 - La nave va, è l'era della globalizzazione 
Il piroscafo è una metafora perfetta degli anni '90. La nave solca gli oceani, è l'era della globalizzazione. Nel viaggio a ritroso verso Samarcanda, si incontrano parole antiche: riconoscimento, specializzazione, flessibilità, grandi numeri. E nuovi paradigmi: minimalismo, sostenibilità, materiali alternativi, wireless. Insomma "Less is more" si riempie di significati. Qualità nascoste è la seconda metafora. Tecnologia sì, ma con discrezione. Sssss..... Silenzio! Ascoltiamo i progetti.
 
Anni 2000 - Il nuovo Millennio 
Una lunga corsa, con qualche ostacolo e molte sfide, dal 1934 a oggi. E la sensazione che non sia mai abbastanza... No, non basta più "saper fare". La vera conquista è la comunità, dentro e furi. Il territorio e i nuovi mercati, le parole e le immagini. La comunicazione. Gli sguardi, i gesti, i servizi, la filiera, i processi e le strategie. La reputazione e la responsabilità sociale. In una sola parola, ogni giorno e in ogni dettaglio, una magnifica ossessione, la qualità della rappresentazione.
 
La collezione Ponti/Molteni&C
L'arte s'è innamorata dell'industria [...] Ora la maggioranza degli oggetti per la nostra vita, sono oggi creati dall’industria, sono da essa caratterizzati: l’industria dunque fa stile […] è la maniera del nostro tempo. Le forze dell’industria consistono nello studio profondo e assiduo del modello e nella potenzialità di condurre questo studio a incessanti, consecutivi perfezionamenti con l’ausilio di tutte le facoltà della scienza, del danaro, della tecnica d’oggi e – finalmente – degli artisti. (Gio Ponti, Domus, 54, giugno 1932)
 
Fino al 30 giugno 2015
Galleria d’Arte Moderna Milano
via Palestro 16, 20121 Milano

MOLTENI & C. su ARCHIPRODUCTS


80!Molteni


Angelo e Giuseppina Molteni - Photos Courtesy © Molteni&C


1947 - Mobilificio Angelo Molteni - Photos Courtesy © Molteni&C


Molteni&C, Werner Blaser - - Photos Courtesy © Molteni&C


Angelo e Carlo Molteni In Birmania per acquistare il legno - - Photos Courtesy © Molteni&C


Unifor, Franco Mirenzi e Bob Noorda, Modulo 3 (ph. Aldo Ballo) - - Photos Courtesy © Molteni&C


Dada, Polidada - Photos Courtesy © Molteni&C


Molteni&C, 1991 Luca Meda, Aldo Rossi - Piroscafo - - Photos Courtesy © Molteni&C


Molteni&C, Ron Gilad - Grado Collection - - Photos Courtesy © Molteni&C


Molteni&C, Gio Ponti Collection - - Photos Courtesy © Molteni&C


80!Molteni - ph by Mario Carrieri

Consiglia questa notizia ai tuoi amici
  News sull'argomento
26/11/2015
Nasce Molteni Museum
48 prodotti e 80 anni di storia raccontati nel nuovo spazio di Giussano

03/09/2015
A Bologna il nuovo flagship Store Molteni&C Dada
Spazi flessibili e neutrali accolgono i progetti firmati Dordoni, Van Duysen, Bonuccelli

26/08/2015
Le Style Parisien by Molteni&C
Un’atmosfera suggestiva e sofisticata per presentare le ultime novità

30/07/2015
Gliss Master: funzionalità e purezza delle forme
Ante in vetro o a scomparsa per l'armadio Molteni&C firmato Vincent Van Duysen

28/07/2015
New Armani/Dada projects
La cucina Checkers per il World Towers a Mumbai e le Maçka Residences a Istanbul

11/06/2015
A Ramat Hasharon, in Israele, inaugura Villa Dada
Il nuovo spazio dedicato ai progetti firmati Bonuccelli, Laviani, Gallizia

04/06/2015
D’Days 2015: appuntamento a Parigi con Molteni&C
L'installazione curata da Jasper Morrison ricrea l’atmosfera della mostra 80!Molteni

01/04/2015
A Tokyo il nuovo Flagship Store Molteni&C firmato Patricia Urquiola
Geometrie e filtri prospettici ispirati al tempio Komyo-in di Kyoto e alle grafiche di Gio Ponti

12/02/2015
Dante Bonuccelli indaga la trasparenza tridimensionale
Kristal, il nuovo contenitore Molteni&C in anteprima a iSaloni 2015

29/01/2015
Patricia Urquiola firma il nuovo Flagship Store Molteni&C a Tokyo
Ispirato al tempio Komyo-in di Kyoto, un muro grafico in legno alto 7m nasce come filtro tra lo spazio interno e il sol levante

22/12/2014
Le collezioni Molteni&C e Dada a Imm Cologne
Legno, vetro, cemento e metallo per una casa eclettica e sofisticata

25/11/2014
Molteni&C: Ron Gilad reinventa gli spazi di Glass Cube
Il nuovo allestimento e l'istallazione multimediale 'How you make it'

17/10/2014
Il nuovo Showroom Molteni&C Dada ad Atene
Un loft contemporaneo di 150 mq distribuito su due livelli

13/10/2014
Molteni&C e Dada a Interieur
In mostra le ultime collezioni

09/10/2014
Torna a Milano la mostra 'Vivere alla Ponti'
La preziosa eredità di Giò Ponti esposta dal 13 al 16 ottobre


Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU ARCHIPRODUCTS NEWS
21.10.2021
21.10.2021
GTV arreda il nuovo bookshop della Reggia di Venaria
21.10.2021
I rivestimenti effetto resina Milano Mood di FAP ceramiche
� le altre news

80!Molteni
Angelo e Giuseppina Molteni - Photos Courtesy © Molteni&C
1947 - Mobilificio Angelo Molteni - Photos Courtesy © Molteni&C
Molteni&C, Werner Blaser - - Photos Courtesy © Molteni&C
Angelo e Carlo Molteni In Birmania per acquistare il legno - - Photos Courtesy © Molteni&C
Unifor, Franco Mirenzi e Bob Noorda, Modulo 3 (ph. Aldo Ballo) - - Photos Courtesy © Molteni&C
Dada, Polidada - Photos Courtesy © Molteni&C
Molteni&C, 1991 Luca Meda, Aldo Rossi - Piroscafo - - Photos Courtesy © Molteni&C
Molteni&C, Ron Gilad - Grado Collection - - Photos Courtesy © Molteni&C
Molteni&C, Gio Ponti Collection - - Photos Courtesy © Molteni&C
80!Molteni - ph by Mario Carrieri
80!Molteni - ph by Mario Carrieri
80!Molteni - ph by Mario Carrieri
80!Molteni - ph by Mario Carrieri
1
2
3
4
5
MOLTENI-&-C.

1
2
3
4
5
6
 »
505
WOODY | Sedia
D.859.1
GRID
WOODY | Sedia imbottita
ALBERT
D.153.1
D.154.2
MHC.2
D.754.1
1
2
3
4
5
6
 »

MOLTENI-&-C.

 NEWS CONCORSI
+21.10.2021
Progettare una guest house privata nel Sahara
+19.10.2021
Lavazza Smart Coffee Corner
+14.10.2021
A Rovigo 'Designer Hackathon Urban Dataviz'
+13.10.2021
Mediterranean Cultural Gate: il bando scade il 15 novembre
+12.10.2021
Hangar Ticinum: trasformare lo storico Idroscalo di Pavia
tutte le news concorsi +

CLASSE 300 EOS Smart
Design Center
Terre Ossidate
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata