Orgatec Cologne Biennale Interieur Kortrijk Cersaie 2014

Rifra

H20

Rivestimento in alluminio effetto corten


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE CERSAIE
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Rossana Cucine

Casa dos cubos: da un passato normale a un futuro speciale
La proposta estrema di Embaixada per un ex magazzino dell'ordine dei Templari
Autore: mauro lazzarotto
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
18/09/2012 - Il collettivo portoghese Embaixada (ambasciata) è formato da ben 7 giovani architetti che dopo essersi conosciuti alla facoltà di Lisbona hanno deciso di continuare insieme il cammino nella professione e nella ricerca. Uno dei primi frutti di questa esperienza comune è stata la Casa dos cubos, un intervento che mina alle fondamenta la concezione stessa di restauro per portare la rilettura del passato su un altro piano.

"Il cosiddetto restauro è il peggior modo di distruggere un'opera". La frase di Ruskin è un utile punto di partenza per comprendere cosa i giovani pogettisti non volessero assolutamente: museificare un'architettura "minore" rendendola un contenitore vuoto.

L'edificio originario era un ex magazzino di cereali che per dimensione e storia rappresenta un fatto urbano importante della piccola città di Tomar, nel centro del Portogallo, pur non avendo caratteri architettonici significativi. Fatto costruire dall'ordine dei cavalieri Templari, a cui si deve anche la fondazione della città, questa struttura aveva attraversato molti cambiamenti e un lungo abbandono prima di rientrare in un programma di tutela e risanamento della città, denominato Polis.

Il nuovo impianto prevede due aree distinte: un'area pubblica per riunioni e mostre, con caffetteria e spazi di aggregazione, e una zona più privata composta di aule e alloggi per un programma di ospitalità per artisti. La struttura principale è stata conservata nelle proporzioni e nelle aperture ma al suo interno "corre" un nuovo organismo architettonico che frammenta l'unitarietà originaria e la moltiplica in una serie di luoghi e situazioni nuove.

Le aree private sono volumetricamente definite all'interno della struttura storica, ciascuna secondo l'uso e il carattere che è stato assegnato loro. Le mostre e gli incontri pubblici si svolgono negli spazi interstiziali generati dai nuovi volumi. Queste scelte sono ancor più rafforzate dall'uso dei materiali: l'edificio originario è stato ripulito da ogni elemento accessorio e reso quasi ermetico nel suo bianco totale mentre la nuova struttura è rivestita interamente da una pelle in resina scura che la rende più astratta e più materica allo stesso tempo.




  Scheda progetto: Casa dos cubos - (Embaixada)
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

Non hai un account Facebook?Clicca qui Utilizza il mio account Facebook

ULTIME NEWS SU CASE & INTERNI
23.10.2014
Francia: la War House di studio Allegre+Bonandrini
22.10.2014
Modular Building: le nuove modularità di Marcos Franchini
21.10.2014
Scape House: la residenza firmata Kouichi Kimura Architects
» le altre news


  Scheda progetto:
Embaixada

Casa dos cubos

 NEWS CONCORSI
+23.10.2014
Al via 'HOSThinking a design award'
+22.10.2014
smart FOR city: per una città che riparte da te
+21.10.2014
“Urbanistica in rosa” - Premio Ilaria Rambaldi 3a edizione
+20.10.2014
Architettura: Energia per il Made in Italy
+17.10.2014
YAC dà il via al concorso di idee Rome Community Ring
tutte le news concorsi +



Boston
Condizioni generali | Informativa Privacy | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2005-2014 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 - Tutti i diritti riservati