Minicucine


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Contral

Pedrali compie 60 anni
Il Pedrali Pavilion firmato AMDL CIRCLE e Michele De Lucchi e la mostra 'Pedrali60, we design a better future' curata da Luca Molinari Studio
Autore: antonella fraccalvieri
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
Pedrali Pavilion - project AMDL CIRCLE e Michele De Lucchi - photo Filippo Romano Pedrali Pavilion - project AMDL CIRCLE e Michele De Lucchi - photo Filippo Romano
26/10/2023 - Pedrali celebra 60 anni di storia aziendale con il nuovo Pedrali Pavilion, struttura progettata da AMDL CIRCLE e Michele De Lucchi nell’Headquarters di Mornico al Serio (Bergamo). Il grande padiglione in legno, al suo interno, è animato dalla mostra “Pedrali60, we design a better future” curata da Luca Molinari Studio, visitabile ancora per pochi giorni, fino a fine ottobre.
 
Un racconto della storia di due generazioni guidate da una visione comune, quella di progettare e produrre arredi di qualità che possano durare nel tempo. 

Il Pedrali Pavilion sorge nel nostro Headquarters, dove tutto è pensato e prende vita. Prendono vita le idee e i progetti per il futuro. La scelta di far sorgere il Pavilion nel nostro territorio ci fa pensare alle nostre radici, ai nostri luoghi. È uno spazio nuovo, che ci appartiene e che sarà l’eredità di questo anniversario così speciale” dichiara Monica Pedrali, Amministratore Delegato di Pedrali.
 

Pedrali Pavilion e la msotra “Pedrali60, we design a better future”  

Il Pedrali Pavilion di AMDL CIRCLE e Michele De Lucchi sorge come un ampio tetto sopraelevato che accoglie, al suo interno, due livelli espositivi, sui quali si articola la mostra “Pedrali60, we design a better future” curata da Luca Molinari Studio. 

Una galleria sospesa diventa il palcoscenico del racconto della storia dell’azienda mentre un grande portico, al pian terreno, si configura come un percorso per riflettere sulla necessità di trovare una dimensione condivisa in cui costruire il futuro.

L'intera struttura del Pedrali Pavilion è realizzata in legno (certificato PEFC), un materiale che abbraccia sia la tradizione artigiana che l'innovazione produttiva, riflettendo i valori fondamentali dell'azienda. Il progetto incontra la richiesta di quest’ultima di realizzare un'architettura temporanea, agile, funzionale, che sintetizzi la volontà orientata al rinnovamento continuo e che sia destinata ad avere una seconda vita all’interno dell’Headquarters di Mornico al Serio, in piena armonia con il territorio circostante.

Il padiglione, a pianta rettangolare, ha la forma di un grande tetto voltato appoggiato su solide gambe di legno, che dichiarano l'importanza di realizzare architetture nomadi, facilmente trasferibili.
 
La struttura principale è costituita da portali arcuati, connessi tra loro da travi orizzontali. Al livello superiore, una seconda orditura di travetti si interseca con gli estradossi per sostenere la grande copertura in scandole di larice, che scende fino ad avvolgere la pavimentazione in tavole di abete. Entrambi i fronti del padiglione sono aperti, consentendo alla luce naturale di fluire nell'ambiente. Al piano terra, i piedritti a vista costituiscono le simboliche gambe dell’architettura creando un suggestivo porticato.

Il padiglione è come un grande tetto che si regge sulle sue gambe, a cui si accede attraverso uno scalone che è anche una tribuna dove mettere insieme persone, visitatori, spettatori. In questo spazio espositivo mobile e trasportabile si possono inscenare spettacoli ed eventi, che raccontano l’esistenza di un’azienda, una comunità di persone che costruiscono insieme qualcosa che merita di essere costruito, distribuito, venduto, raccontato, combinando insieme i destini di tanti individui” conclude l’Architetto Michele De Lucchi.

Ad accogliere i visitatori troviamo uno scalone di ingresso che assolve a una doppia funzione: è il punto di accesso alla mostra e al tempo stesso una tribuna dove sostare o sedersi per partecipare a presentazioni e talk. In cima ai gradini si trova una quinta che ospita la reception e nasconde la vista dello spazio retrostante, suscitando la curiosità per ciò che è messo in scena oltre la parete; è proprio qui, nella galleria sospesa tra gli archi, che inizia il percorso di visita.
 
Il percorso espositivo si delinea lungo due elementi in legno che ripercorrono linearmente i 60 anni di storia attraverso le voci dei protagonisti, i prototipi, le grafiche, i cataloghi e i progetti che hanno fatto crescere l’azienda nel tempo. 

La mostra è la rilettura critica di un'importante storia aziendale del design italiano e, insieme, uno sguardo al futuro costruito attraverso la forte coerenza con i caratteri imprenditoriali e d'innovazione che sono propri del mondo Pedrali. Comunità, ricerca, sperimentazione, sostenibilità, qualità diffusa, legame forte con il territorio e dialogo con i progettisti sono alcuni degli elementi che caratterizzano la mostra e i suoi percorsi” afferma il Curatore Luca Molinari.
 
Gli elementi espositivi fungono da supporti bifacciali: da un lato sono esposti gli oggetti fisici, dall'altro, invece, sono ospitati i monitor che raccolgono le testimonianze e le voci della community Pedrali. I piedistalli in legno, tra i portali ad arco, valorizzano i pezzi di design più iconici che rivelano la maestria e l'abilità produttiva dell’azienda 100% Made in Italy. Il percorso termina con il fronte aperto sul fondo della galleria, creando un invito a guardare avanti, verso il mondo esterno e il futuro.

Tramite una seconda scala, si scende nel porticato al piano terra, dove la mostra continua. Questo spazio è ispirato agli antichi loggiati dei palazzi pubblici, un tempo fulcro della vita civile nei comuni dell'Italia settentrionale, dove passeggiare, interagire, sostare al riparo dagli eventi atmosferici. 
 
Il Pedrali Pavilion vuole anche essere un invito a riflettere sulla responsabilità del singolo individuo all’interno del precario equilibrio del Pianeta. In linea con questo pensiero è stata allestita una metaforica selva di specchi intervallati da pannelli con i volti e le parole delle persone che costruiscono ogni giorno la comunità Pedrali. L’allestimento è quindi pensato in modo che i visitatori si immergano e si perdano in una foresta magica in cui le immagini di chi lavora oggi in Pedrali si aggiungano alle proprie rifrazioni, componendo così un ritratto prismatico che rappresenta una comunità che si fa sempre più ampia e si estende idealmente a tutti, proiettando l’azienda verso il suo futuro.

Partendo dalle nostre radici e seguendo gli insegnamenti di nostro padre Mario, continuiamo a costruire la storia di Pedrali, frutto del lavoro di squadra di tutti i nostri collaboratori che da sempre credono nell'azienda e, ogni giorno, si impegnano al fine di raggiungere obiettivi comuni. Ringraziamo AMDL CIRCLE e Michele De Lucchi, insieme a Luca Molinari Studio, per aver contribuito a rendere ancora più speciale questo percorso” continuano Monica e Giuseppe Pedrali, Amministratori Delegati dell’azienda.

Pedrali su ARCHIPRODUCTS


'Pedrali60, we design a better future' curated by Luca Molinari Studio - photo Filippo Romano


Pedrali Pavilion - project AMDL CIRCLE e Michele De Lucchi - photo Ottavio Tomasini


Pedrali Pavilion - project AMDL CIRCLE e Michele De Lucchi - photo Filippo Romano


'Pedrali60, we design a better future' curated by Luca Molinari Studio - photo Filippo Romano


'Pedrali60, we design a better future' curated by Luca Molinari Studio - photo Filippo Romano


'Pedrali60, we design a better future' curated by Luca Molinari Studio - photo Filippo Romano


'Pedrali60, we design a better future' curated by Luca Molinari Studio - photo Filippo Romano


'Pedrali60, we design a better future' curated by Luca Molinari Studio - photo Filippo Romano


Pedrali Pavilion - project AMDL CIRCLE e Michele De Lucchi - photo Ottavio Tomasini

Consiglia questa notizia ai tuoi amici
  News sull'argomento
19/01/2024
Tra natura e sostenibilità: Pedrali a Maison&Objet
Uno spazio fluido in cui l’interno e l’esterno si susseguono. Il concept #PedraliBacktoNature firmato DWA Design Studio

12/12/2023
Accogliente e flessibile: la collezione di imbottiti Pedrali
Tonalità calde e avvolgenti, soffici imbottiture, design modulare e personalizzabile per divani e sedute lounge

21/11/2023
Pedrali arreda l’Istanbul Modern
Un'architettura leggera e trasparente tra terra e mare. Il nuovo museo di arte moderna e contemporanea è il primo progetto in Turchia firmato RPBW

24/10/2023
Dall'alluminio al legno. Pedrali per l'indoor
Lo studio CMP Design disegna l'evoluzione in frassino di Lamorisse, la poltrona dalle linee curve e avvolgenti

18/09/2023
Di padre in figlio, in nipote. Pedrali omaggia le origini
Il giovane designer Andrea Pedrali progetta una poltrona outdoor che celebra l'intuizione visionaria del nonno fondatore del brand

11/08/2023
La leggerezza del cemento. Anemos by Pedrali
Il nuovo tavolo disegnato da Pio & Tito Toso dalle forme semplici e architettoniche

26/07/2023
'Una sintesi formale tra la curva e la linea retta'. Il nuovo tavolo Pedrali
Robin Rizzini firma il tavolo in alluminio dall'aspetto scultoreo e gli spessori contenuti



ULTIME NEWS SU ARCHIPRODUCTS NEWS
27.02.2024
Arredi 'evergreen' per gli spazi esterni
27.02.2024
"Alcantara: Beyond Boundaries"
27.02.2024
La cucina in chiave mixology
le altre news

'Pedrali60, we design a better future' curated by Luca Molinari Studio - photo Filippo Romano
Pedrali Pavilion - project AMDL CIRCLE e Michele De Lucchi - photo Ottavio Tomasini
Pedrali Pavilion - project AMDL CIRCLE e Michele De Lucchi - photo Filippo Romano
'Pedrali60, we design a better future' curated by Luca Molinari Studio - photo Filippo Romano
'Pedrali60, we design a better future' curated by Luca Molinari Studio - photo Filippo Romano
'Pedrali60, we design a better future' curated by Luca Molinari Studio - photo Filippo Romano
'Pedrali60, we design a better future' curated by Luca Molinari Studio - photo Filippo Romano
'Pedrali60, we design a better future' curated by Luca Molinari Studio - photo Filippo Romano
Pedrali Pavilion - project AMDL CIRCLE e Michele De Lucchi - photo Ottavio Tomasini
1
2
3
PEDRALI

1
2
3
4
5
6
 »
HEVEA 5183
LAMORISSE WOOD | Sedia con braccioli
ANEMOS | Tavolo
NARÌ
GUINEA | Sedia da giardino
LAMORISSE WOOD | Sedia imbottita
FRANK
ANEMOS | Tavolo da giardino
GUINEA | Sedia in alluminio
TOA WORKSTATION TOA3S
1
2
3
4
5
6
 »

PEDRALI

 NEWS CONCORSI
+26.02.2024
Un’opera d’arte per la nuova Palazzina della Fondazione Teatro alla Scala
+23.02.2024
Al via il Premio di Architettura Stefania Annovazzi Energetica-Mente
+21.02.2024
Geraci Siculo crea il percorso artistico “La via dell’acqua”
+16.02.2024
La Fondazione Teatro Petruzzelli rifà il look alla grafica
+09.02.2024
Verso la chiusura il IV Premio Architettura Toscana
tutte le news concorsi +

interno_SHOP_Promo_winter_sale24
RODA_Nuovo Catalogo
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Contatti/Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit� |  Rss feed
� 2001-2024 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n�iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 � Riproduzione riservata