SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


Ipostudio Architetti. Era di Maggio
Il Museo Novecento a Firenze ospita la mostra che celebra i quarant’anni di attività dello studio fiorentino
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
IPOSTUDIO ARCHITETTI. ERA DI MAGGIO
26/05/2023 - Il Museo Novecento a Firenze, in occasione dell’undicesimo appuntamento de Il Tavolo dell’Architetto, - la rassegna che vede protagonisti celebri architetti e studi di fama internazionale nel loggiato al piano terra delle ex Leopoldine - ospita, fino all’11 ottobre, la mostra Ipostudio Architetti. Era di Maggio.

Il progetto espositivo, a cura di Laura Andreini, celebra i quarant’anni di attività dello studio fiorentino guidato da Carlo Terpolilli e presenta una serie di progetti, frutto di concorsi di architettura a volte vinti a volte persi, che bene esemplificano la visione creativa di questa bottega artigianale dell’architettura.    

“Era proprio di maggio, quando 40 anni fa fondammo l’Ipostudio architetti”, spiega Carlo Terpolilli, socio fondatore di Ipostudio. “Abbiamo ideato per questa occasione, insieme al Museo Novecento e al Comitato di S. Niccolò, dove ha sede il nostro studio, una serie di iniziative che includono una mostra antologica, proprio al Museo Novecento, costituita intorno a opere non realizzate ma anche a quelle in corso di realizzazione; la pubblicazione di un libro a mia firma, Architetture mai nate. Progetti di Ipostudio 1983/2023, edito da Forma edizioni, Firenze. Architetture che non hanno mai visto la luce, una metafora sulla impossibilità, quota parte significativa del lavoro dell’architetto e, insieme al Comitato di Quartiere e il Circolo URL e alle Botteghe di S. Niccolò, abbiamo immaginato di coinvolgere le botteghe artigianali del rione in una installazione urbana ‘Una bottega tra le botteghe’, perché tale ci riteniamo, in quanto parte del tessuto culturale, economico e sociale di Firenze.”

“Questa mostra dal titolo Era di Maggio esplora il mondo progettuale di Ipostudio Architetti e lo fa nell’intento di raccontare il raggiungimento di quella idea di bellezza – e che ne è al tempo stesso la loro ossessione – che perseguono i componenti di questa bottega di architettura” afferma Laura Andreini, curatrice della mostra. “Lidentità e la natura di Ipostudio è un divenire costante che ha permesso loro di non arrendersi mai. Essa è mutevole e cerca sempre un motivo valido per raccontare vite, storie, sogni – realizzati o meno – e architetture!”.

Come in un racconto, la mostra raccoglie progetti di architettura prodotti in epoche diverse, ciascuno con la propria storia parte di una visione più vasta che fa riferimento a un metodo, un modo di approcciare la realtà, una particolare visione racchiusa spesso nei titoli, evocativi, delle opere che suggeriscono il significato profondo e quasi letterario attribuito loro.
La scelta di includere – all’interno di questa narrazione quarantennale che coinvolge la pratica di Ipostudio – larga parte dei progetti presentati ai concorsi di architettura, includendo anche quelli non andati a buon fine, deriva dal fatto che essi sono frutto di un lavoro serio, gioioso, doloroso, faticoso ma sempre approfondito e appassionato. Questo a confermare il modus operandi, la pratica dello studio come “modo di lavorare e di stare assieme”, per citare le parole di Carlo Terpolilli.          
           
Tra i molti progetti esposti in mostra, saranno presenti quello realizzato per il Micas Malta International Contemporary Art Space, il Centro culturale dedicato all’arte contemporanea all’interno di un bastione fortificato a Malta, parte dell’intervento di ridisegno del complesso storico che include anche alloggi per artisti, atelier e spazi di verde pubblico; e ancora, il progetto per la realizzazione della Terza torre della Regione Toscana a Firenze, che vede questo elemento come caratteristico dello skyline fiorentino, oltre a trasformare l’intero complesso del Centro Direzionale della Regione rendendolo maggiormente fruibile e accessibile; segue il progetto dello stadio Artemio Franchi, nato da un approccio di estremo rispetto nei confronti dell’opera di Pier Luigi Nervi come vero e proprio monumento moderno, da restituire alla città e che presenta il nuovo stadio come sistema duale di “stadio nello stadio”; infine, i progetti per l’ampliamento dell’Ospedale della Carità di Locarno, che mira a realizzare una struttura innovativa caratterizzata dall’equilibrio tra tecnologie avanzate e comfort, e la Città della scuola Polo scolastico di Sarno, che ruota intorno alla loggia-stoà che riconnette il complesso di edifici con diverse destinazioni d’uso.

  Scheda evento:
Mostra:
13/05-11/10 MUSEO NOVECENTO, FIRENZE
Ipostudio Architetti. Era di Maggio



' '


' '


' '

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

ULTIME NEWS SU EVENTI
31.05.2023
Park Associati presenta la pubblicazione Anatomy of Public Space: a Multidisciplinary Perspective
31.05.2023
Unseen Collaborations. Triennale Milano alla London Design Biennale
30.05.2023
Half Earth. La mostra di Steven Holl a Milano
le altre news

' ',
' ',
' ',
  Scheda evento:
13/05-11/10 MUSEO NOVECENTO, FIRENZE
Ipostudio Architetti. Era di Maggio

 NEWS CONCORSI
+01.06.2023
Strategia Fotografia 2023, tempo fino al 26 giugno per partecipare al contest
+01.06.2023
Premi IN/ARCHITETTURA 2023: ultimo weekend per candidarsi
+29.05.2023
#Scaladigrigi. Cattura la bellezza del cemento intorno a te
+29.05.2023
TerraViva Competitions lancia il concorso Hybrid Coworking
+24.05.2023
Emilgroup lancia i Project Awards 2023
tutte le news concorsi +

Design Center 2023
Design Center 2023
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Contatti/Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2023 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata