Teti


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Evhoc

La prima boutique americana di forte_forte
Equilibrio di materia e luce nel negozio di Melrose Place a Los Angeles
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
Foto Danilo Scarpati Foto Danilo Scarpati
05/04/2022 - Ha aperto al numero 8424 di Melrose Place a Los Angeles la prima boutique americana di forte_forte, frutto del dialogo tra Robert Vattilana e Giada Forte.
 
La lingua forte_forte traduce in ambiente sensazioni tattili e visive, materializzando un’estetica insieme ineffabile e precisa, delicata e coriacea. La grammatica di base permane, ma la costruzione del racconto segue di volta in volta l’unicità atmosferica del luogo, inteso come spazio multidimensionale ed emotivo, cittadino e geografico, modulandosi nel segno di una cangiante continuità.
 
Questa prima boutique americana di forte_forte esprime una volontà di semplificazione che amplifica l’emozione nel dialogo con la città.
Luce e materia, curve e rette, solidità e trasparenze si compenetrano, echeggiando i volumi e le linee del modernismo californiano, sullo sfondo del sole accecante e di paesaggi desertici. Il contrasto con materiali e finiture di gusto italiano arricchisce di sfumature l’equilibrio di componenti, suggellando l’unicum.

La boutique si trova al piano terra di una costruzione degli anni ‘30.
Due vetrine si aprono sulla strada, incorniciate dalla facciata di metallo smaltato verde salvia. La porta, incassata rispetto alla facciata, è di legno smaltato, con una grande maniglia tonda di graniglia.

All'interno, il racconto si dipana immediatamente nella sua chiarezza spaziale, invitando l’occhio a soffermarsi sull’armonico fluire delle texture.
L’ambiente è dominato da toni delicati di cipria per la calce naturale mista a paglia di mais dei rivestimenti e la resina per i pavimenti, insieme al bianco delle tende di mussola a tutta altezza che fungono da setti immateriali e permeabili.
Questa levità impalpabile è bilanciata dalla geometria spigolosa e metallica della parete di fondo di ottone, il cui gioco di geometrie evidenzia la larghezza e la profondità dello spazio. Quattro sottili colonnine si perdono nel soffitto dentro tre cerchi non concentrici di gesso, rimandando alle geometrie luminose di James Turrell.

Con il genius loci dialogano anche due enormi pietre, provenienti dal deserto di Palm Springs e omaggio all’opera di Peter Fischli e David Weiss, poste in bilico, una sopra l’altra, nella zona espositiva.

La scatola scenica è un bilico armonico di curve e di rette: sul lato sinistro il volume è squadrato, sul lato destro la parete è tonda e ingloba un pilastrino, come i camerini. Sui due lati lunghi, simmetricamente, stendini calligrafici di ottone molato piegati a mano come rami di arbusto espongono il prodotto, ancorati a terra o al soffitto. Lastre di ottone scotch brite, sorrette da bulloni e poggiate su un supporto verticale dal movimento elicoidale, fungono da display, insieme ad una tenda scultorea di rete di ottone con ampolle di vetro che intrappolano e custodiscono, al loro interno, ricordi di viaggio.

Gli arredi aggiungono ulteriori modulazioni al contrappunto di texture e colori. Una grande panca circolare, con cuscini di pelle traforata, scavata, come i due vasi posti all’ingresso, in un agglomerato di graniglia, pietre bianche come cristalli di sale e pietre verdi luminose di giada; sedute in legno curvato e ricoperte di foglia d’oro; una specchiera trittico dal gusto modernista e un lettino color cipria con borchie dorate.
L’effetto è tattile e sinuoso. Sul fondo del negozio, i camerini si aprono come uno scrigno di velluto capitonné verde giada dietro due porte curve a battenti in ottone percorse dal ritmo di grandi oblò. Una tenda di velluto consente di ridefinire lo spazio all’interno. nascosti alla vista, la cassa e il magazzino, con i prodotti contenuti in moduli da archivio su binari, sono una estensione funzionalista, ma in tinta verde salvia.

Il progetto è conciso e vibrante. La luce si fa materia, in un equilibrio ineffabile di geometrico e organico.

  Scheda progetto: forte_forte los angeles
Danilo Scarpati
Vedi Scheda Progetto
Danilo Scarpati
Vedi Scheda Progetto
Danilo Scarpati
Vedi Scheda Progetto
Danilo Scarpati
Vedi Scheda Progetto
Danilo Scarpati
Vedi Scheda Progetto
Danilo Scarpati
Vedi Scheda Progetto
Danilo Scarpati
Vedi Scheda Progetto
Danilo Scarpati
Vedi Scheda Progetto
Danilo Scarpati
Vedi Scheda Progetto
Danilo Scarpati
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU CASE & INTERNI
19.05.2022
Flaviano Capriotti Architetti firma il restyling del ristorante Pellico 3 Milano
16.05.2022
Studio Farris firma la casa sul canale di Humbeek in Belgio
13.05.2022
Casa MV a Bassano del Grappa
le altre news

  Scheda progetto:
Robert Vattilana

forte_forte los angeles

 NEWS CONCORSI
+20.05.2022
In chiusura L’agrivoltaico per l’Arca di Noé
+20.05.2022
Premio AIDIA ‘IDEE per un mondo che cambia’
+19.05.2022
Iscrizioni aperte per la decima edizione di Fruit Exhibition
+16.05.2022
THE BACKYARD SoS Trinità delle Monache
+13.05.2022
Museo Nazionale del Bargello a Firenze: nuovi allestimenti
tutte le news concorsi +

eManiglia FingerScan
ADA 2022_Apply now
Evhoc
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2022 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata