nanoeX_office

Surface Finder

EMOTIONAL LIGHT

Serie H 1068 - Moon

Puraluce


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Olimpia

Gio Ponti e la Concattedrale di Taranto 1970-2020
Fino al 26 settembre per visitare la mostra
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
15/09/2021 - Nell’anno 2020 sono stati celebrati i 50 anni della Concattedrale Gran Madre di Dio di Taranto, progettata dal celebre architetto Gio Ponti (1891-1979) e fortemente voluta da Mons. Guglielmo Motolese che l’ha consacrata il giorno 6 dicembre 1970.
 
Evento principale delle celebrazioni è la mostra Gio Ponti e la Concattedrale Taranto 1970-2020. Il sogno di una città, il sogno dei suoi cittadini e il sogno di Guglielmo e di Giovanni presso il Museo Diocesano di Taranto, promossa dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, organizzata dall’Arcidiocesi Metropolitana di Taranto, dalla Soprintendenza Nazionale per il Patrimonio Culturale Subacqueo, dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Brindisi e Lecce e dal DICAR del Politecnico di Bari, d’intesa con la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Puglia, il CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma, Gio Ponti Archives, l’Istituto di Studi Superiori Musicali “G. Paisiello” di Taranto, l’Associazione Chromophobia e Do.Co.Mo.Mo Italia, con il Comune di Taranto.

Allestita già dal dicembre 2020, l’apertura al pubblico è stata posticipata a causa delle misure di contenimento anti-Covid-19. La mostra, curata da Fernando Errico, Gabriele Rossi, Francesco Simone, con Maria Piccarreta, è stata inaugurata il 15 giugno 2021 e sarà aperta al pubblico fino al 26 settembre 2021.
Nel percorso espositivo, la Concattedrale si svela al pubblico attraverso le fasi cruciali dell’iter progettuale: dal racconto epistolare con la committenza, ai disegni interlocutori, agli studi di dettaglio fino alla redazione degli elaborati esecutivi e l’avvio del cantiere.

La mostra, suddivisa in cinque sezioni tematiche e arricchita da supporti audio e video, conduce il visitatore alla comprensione graduale del processo ideativo, partendo dalla conoscenza dei due personaggi cardine dell’opera: Gio Ponti, esponente di spicco dell’architettura italiana del Novecento e Mons. Guglielmo Motolese, arcivescovo di Taranto e committente illuminato. L’incontro fra i due si fa subito operativo, come dimostrano le cospicue corrispondenze frutto di proposte e suggerimenti volti a definire quello che diventerà il “il sogno di una città, il sogno dei suoi cittadini e il sogno di Guglielmo e di Giovanni.
 
 

  Scheda evento:
Mostra:
16/06-26/09 MUSEO DIOCESANO, TARANTO
Gio Ponti e la Concattedrale di Taranto 1970-2020


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU EVENTI
24.09.2021
Venezia 3021: un omaggio ai 1600 anni della città lagunare
24.09.2021
Shigeru Ban torna al Cersaie
23.09.2021
Al via '10 viaggi nell’architettura italiana'
� le altre news

  Scheda evento:
16/06-26/09 MUSEO DIOCESANO, TARANTO
Gio Ponti e la Concattedrale di Taranto 1970-2020

 NEWS CONCORSI
+22.09.2021
Concorso di progettazione per la nuova scuola elementare a Valdaora di Sopra
+20.09.2021
'Desert Accommodation', progettare una guest house privata nel Sahara
+17.09.2021
Centralità Urbane 2021
+16.09.2021
Mediterranean Cultural Gate
+14.09.2021
Ex Carcere Santo Stefano-Ventotene: in scadenza il concorso per la riqualificazione
tutte le news concorsi +

Monochrome collections
Design Service
Olimpia
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata