Slim

nanoeX_office

Mezza Luna

Serie H 1068 - Moon

Wallpaper


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Smart Home

Sentieri d’arte II: Pupille
La mostra ispirata al ricco patrimonio di leggende e fiabe delle Dolomiti
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
Maurizio Mercuri, Britney, 2021, cm 20x25x20 gabbietta da richiamo, gocce di cristallo in vetro; ph. Rolando Paolo Guerzoni Maurizio Mercuri, Britney, 2021, cm 20x25x20 gabbietta da richiamo, gocce di cristallo in vetro; ph. Rolando Paolo Guerzoni
20/08/2021 - Fino al 3 novembre, Cortina d’Ampezzo ospita il progetto Pupille nell’ambito della seconda edizione della rassegna artistica Sentieri d’arte.
La mostra di arte pubblica prevede l’allestimento, in ambiente naturale, delle opere che accompagnano il visitatore alla scoperta del sentiero di Pian de ra Spines.
Per la passeggiata inaugurale del 24 luglio si partirà alla volta del sentiero Pian de ra Spines alle ore 10.30 (punto di ritrovo all’entrata del Camping Olympia). Contestualmente all’inizio dello stesso sentiero che ospita Pupille sarà inaugurata un’opera realizzata dagli studenti del Liceo Artistico di Cortina. Dopo il 3 novembre, termine della mostra, le opere rimarranno esposte in modo permanente.
 
Pupille è una mostra ispirata al ricco patrimonio di leggende e fiabe connesse alla storia delle Dolomiti, che rappresentano un corpus di rilievo all’interno della letteratura italiana di genere. Il progetto artistico riflette l’immaginario delle narrazioni fantastiche ambientate lungo l’arco dolomitico, legate al territorio di Cortina e alle zone limitrofe.
Le opere degli artisti sono state realizzate appositamente per essere collocate nei boschi del sentiero di Pian de ra Spines, con l’intento di creare un percorso onirico in grado di coinvolgere i sensi e di interagire con la dimensione sinestetica del pubblico. In questo scenario rivelato con uno sguardo fantastico il visitatore di ogni età potrà ritrovare la propria dimensione legata all’infanzia. Pupille risale alle ragioni che determinano la genesi della letteratura fantastica, nata per esorcizzare paure, misurarsi con l’ignoto, sovvertire schemi e formule precostituite, ricercare valori e principi che possano guidare l’essere umano nelle avventure della vita. Le opere interpretano in forma visiva la parola narrata (o scritta), generando un percorso ispirato alla letteratura, che rinnova e attualizza il patrimonio letterario legato a questi luoghi. 
 
Per tutte le specie viventi, le pupille sono il medium tra mondo esteriore e interiore: questi organi riflettono (e immagazzinano), come uno specchio, tutto ciò su cui il nostro sguardo si posa, sono la chiave dell’inconscio, si dilatano o si restringono in base alle variazioni della luce e alle emozioni che l’oggetto osservato suscita in noi. Le pupille costituiscono anche un riferimento diretto al mondo dell’infanzia: è lo sguardo a influenzare in modo potente il processo educativo e di apprendimento che si instaura tra bambino e adulto. Il termine deriva dal latino pupa: “bambola”, per la piccola immagine che all’interno vi si vede riflessa. Il titolo si riferisce anche alla soggettività che caratterizza lo sguardo dell’artista sulla realtà in divenire, tanto che questa relazione con il mondo delle cose ne condiziona la sensibilità: l’arte come sguardo primigenio, limpido e indagatore di stadi intermedi, sotto cui si cela il reale.
 
Benni Bosetto utilizza l’installazione sonora per diffondere nell’ambiente tramite la sua voce un canto a cappella composto dalla scrittrice Clara Mazzoleni, che ha la funzione di avvicinare il pubblico all’ambiente che lo ospita e di evocare presenze naturali in qualche forma personalizzate. La voce è un elemento corporeo che nasce dagli organi più nascosti e si espande in esterno: interpretata dall’artista come parte del corpo che penetra (fisicamente) nelle molecole dell’“altro”, testimonia come l’uomo sia ontologicamente parte dell’ambiente che lo ospita. La Bosetto interviene anche con il disegno a matita sui tronchi di alcuni alberi disposti lungo il percorso e in avvicinamento alla sua installazoine sonora.
 
Cuoghi Corsello propongono attraverso il linguaggio artistico delle installazioni opere ispirate a un sorprendente immaginario fiabesco; i loro interventi nel bosco sembrano suggeriti da alcuni topoi che caratterizzano la letteratura fantastica. Le opere sono allestite dagli artisti in differenti luoghi di visione strategici: come astri che compongono una costellazione, guidano il visitatore alla scoperta di un universo vasto e illimitato. Per osservare le opere il fruitore sarà spinto ad abbandonare in alcuni tratti il sentiero principale, e si troverà completamente immerso in una dimensione naturale, a favore di una maggiore connessione con gli spiriti di natura.
 
Dado (Alessandro Ferri) elabora la propria opera, L’Albero magico, dipingendo con il colore oro uno degli alberi che danno forma al bosco attraversato dal sentiero di Pian de ra Spines. L’intervento non mira alla decontestualizzazione dell’elemento naturale rispetto alle altre specie vegetali, ma l’opera è collocata all’interno del bosco con la finalità di coniugare la sfera fantastica del mondo delle fiabe con quella reale del bosco. La luce che penetra dalla selva determina variazioni di iridescenza del color oro, così l’albero in determinati momenti del giorno sembra trasformarsi da opera d’arte in elemento incantato.
 
Maurizio Mercuri si lascia ispirare da una nota leggenda legata alle Dolomiti, Il giardino di rose di Re Laurino, che illustra l’enrosadira: fenomeno apparentemente magico, che si ripete ogni giorno in coincidenza dell’alba e del tramonto, quando i raggi del sole accarezzano le cime delle Dolomiti, colorandole di rosa. Mercuri realizza un’installazione che ha come finalità quella di tentare di catturare la luce dolomitica attraverso gocce di vetro all’interno di piccole gabbie, abitualmente utilizzate per uccelli da richiamo in una tipica tecnica venatoria, che prevede che il richiamo dell’uccello avvicini potenziali prede. Mercuri utilizza invece le gocce di vetro come fonte attrattiva per la sorgente luminosa.

  Scheda evento:
Mostra:
24/07-03/11 CORTINA D’AMPEZZO
Pupille



Alessandro Ferri (Dado), Albero magico, 2021; ph. Rolando Paolo Guerzoni


Benni Bosetto, Senza Titolo (Reincarnazione #1, #2, #3), 2021, acrilico, matita, inchiostro su legno, intervento site specific; ph. Rolando Paolo Guer


La frana lungo Pian de ra Spines che ospita: Benni Bosetto, Senza Titolo (And Angels Know the Rest), 2021, installazione audio. ph. Rolando Paolo


Cuoghi Corsello, Baule, 2021; ph. Rolando Paolo Guerzoni


Cuoghi Corsello, Uomo di pietra, 2021; ph. Rolando Paolo Guerzoni


Cuoghi Corsello, Schifio, 2021. Ph. Rolando Paolo Guerzoni

Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU EVENTI
21.09.2021
Palazzo Brancaccio: la nuova casa di Contemporary Cluster
21.09.2021
'Luce naturale', le fotografie di Gabriele Basilico e Luca Santiago Mora
17.09.2021
Giornate dell’architettura 2021 Alto Adige
� le altre news

Alessandro Ferri (Dado), Albero magico, 2021; ph. Rolando Paolo Guerzoni
Benni Bosetto, Senza Titolo (Reincarnazione #1, #2, #3), 2021, acrilico, matita, inchiostro su legno, intervento site specific; ph. Rolando Paolo Guer
La frana lungo Pian de ra Spines che ospita: Benni Bosetto, Senza Titolo (And Angels Know the Rest), 2021, installazione audio. ph. Rolando Paolo
Cuoghi Corsello, Baule, 2021; ph. Rolando Paolo Guerzoni
Cuoghi Corsello, Uomo di pietra, 2021; ph. Rolando Paolo Guerzoni
Cuoghi Corsello, Schifio, 2021. Ph. Rolando Paolo Guerzoni
1
2
  Scheda evento:
24/07-03/11 CORTINA D’AMPEZZO
Pupille

 NEWS CONCORSI
+20.09.2021
'Desert Accommodation', progettare una guest house privata nel Sahara
+17.09.2021
Centralità Urbane 2021
+16.09.2021
Mediterranean Cultural Gate
+14.09.2021
Ex Carcere Santo Stefano-Ventotene: in scadenza il concorso per la riqualificazione
+02.09.2021
Al via la 10° edizione del concorso 'La Ceramica e il Progetto'
tutte le news concorsi +

Smart Home
Cotto Etrusco
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata