Lamitex

Terre

Terre

Externo

Wallpaper


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

BSD SpA # LIEBHERR

La Domus Aurea riapre con il nuovo ingresso progettato da Boeri
Una passerella sospesa consente ai visitatori di entrare direttamente nel cuore della residenza neroniana
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
02/07/2021 - La Domus Aurea, la celebre reggia romana dell'imperatore Nerone costruita nel 64 d.C., torna finalmente accessibile al pubblico dopo i restauri. Gli spazi riaprono nel segno di Raffaello, con un progetto firmato da Stefano Boeri Architetti e un allestimento multisensoriale appositamente ideato dallo studio Dotdotdot. 

L’intervento di Boeri Architetti, guidato dal Partner dello studio Marco Giorgio, ha riguardato la progettazione del nuovo ingresso alla villa, all’interno del parco Colle Oppio, disegnato anch’esso dallo studio Boeri, e, una volta varcata la Sala Ottagona, la creazione di una passerella sospesa, a sei metri di profondità, che sfiora le rovine non solo della Domus Aurea ma anche delle Terme di Traiano.

Il progetto architettonico si insinua tra le rovine rimanendo completamente autonomo e autoportante rispetto alle murature esistenti. Il rispetto per la realtà in cui si inserisce ha spinto lo studio a dedicare una particolare attenzione alle procedure di costruzione in un ambiente tanto delicato, tale da effettuare una posa in opera artigianale e interamente manuale, escludendo l’utilizzo di macchinari e di saldature in loco che avrebbero potuto compromettere i sistemi murari limitrofi.

“Il progetto di un nuovo ingresso alla Domus Aurea e di una passerella pedonale di accesso alla Sala Ottagona rappresentava un’occasione straordinaria – grazie alle scelte del Parco archeologico del Colosseo – per riportare all’attenzione della città una delle realtà più suggestive della storia e dell’architettura romana, permettendo ad ogni visitatore di scendere direttamente nel cuore della Domus neroniana” afferma l’architetto Stefano Boeri.

Il percorso, dopo il portale d’ingresso, si suddivide in tre ambienti – il vestibolo, la galleria e l’approdo nella Sala Ottagona – che rendono possibile il collegamento tra il Parco di Colle Oppio e l’antico piano di calpestio.
Il vestibolo accoglie al suo interno uno spazio dedicato a bookshop e biglietteria, affacciato su una vetrata che consente di avere uno sguardo complessivo sulla passerella allungata nella galleria sottostante e illuminata in ogni suo dettaglio.

Un gioco di luci permette la fruibilità dell’intero percorso, evidenziando passo dopo passo dettagli costruttivi, tessiture murarie, resti di un’antica cisterna e parte delle strutture termali sottostanti.
L’utilizzo di strip LED accentua la linearità dell’intervento, facendo brillare le finiture di resina bianca che coprono i piani di calpestio e le porzioni interne verticali dei parapetti, mentre – mediante punti luce accuratamente posizionati – vengono valorizzati gli elementi storici sottostanti. La struttura portante della passerella – accessibile a tutti i tipi di visitatori – è costituita da profili metallici HEB rivestiti di un profilo di lamiera liscia zincata e verniciata che, per illusione ottica, ne mascherano le dimensioni e le fattezze industriali.

La scelta di realizzare un intervento leggero regala così ai fruitori uno spazio immersivo, occasione unica per osservare le rovine dall’alto, da vicino e addirittura di attraversarle, raggiungendo il punto finale di accesso alla Sala Ottagona.

L’approdo del percorso nella Sala Ottagona, uno degli ambienti più suggestivi della reggia neroniana, è infine costituito da un elemento neutro verticale removibile che può, di volta in volta, prendere parte ai differenti scenari che si manifestano all’interno della Domus Aurea. Da cornice per la proiezione di immagini e video a racconto della reggia, la parete – di medesime dimensioni del portale retrostante – muta il suo aspetto al variare dell’utilizzo di luci di tonalità, intensità e colori diversi, entrando così a far parte dello spazio che la accoglie.

Combinando tra loro soluzioni tecniche e formali diverse e declinate sulla peculiarità dei diversi spazi in cui si inserisce, il progetto ambisce a offrire, alla città di Roma e a tutti i visitatori, un accesso permanente, nuovo e facilmente fruibile per una delle più straordinarie ricchezze archeologiche del Paese.

  Scheda progetto: Nuovo ingresso Domus Aurea
Lorenzo Masotto
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Masotto
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Masotto
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Masotto
Vedi Scheda Progetto
Lorenzo Masotto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
Stefano
Ci avrei visto bene qualche vaso con i fiori, in verticale.
Stefano
Oscena
Stefano
Oscena
Daniela
e' bellissimo ,spero presto di poterlo visitare di persona!
Maria
Veramente orribile questa passerella.
Maria
Veramente orribile questa passerella.
Maria
Veramente orribile questa passerella.
Maria
Veramente orribile questa passerella.
Maria
Veramente orribile questa passerella.
Maria
Veramente orribile questa passerella.
Maria
Veramente orribile questa passerella.
Maria
Veramente orribile questa passerella.
Maria
Veramente orribile questa passerella.
Piero
Da quello che si vede nelle foto l'opera realizzata è estremamente invasiva e celebra se stessa anche in funzione del poco che si può vedere dei resti romani. mi chiedo se i restauri fatti a Pompei abbiano fatto scuola, ma sembra di no.
Piero
Da quello che si vede nelle foto l'opera realizzata è estremamente invasiva e celebra se stessa anche in funzione del poco che si può vedere dei resti romani. mi chiedo se i restauri fatti a Pompei abbiano fatto scuola, ma sembra di no.
Piero
Da quello che si vede nelle foto l'opera realizzata è estremamente invasiva e celebra se stessa anche in funzione del poco che si può vedere dei resti romani. mi chiedo se i restauri fatti a Pompei abbiano fatto scuola, ma sembra di no.
Piero
Da quello che si vede nelle foto l'opera realizzata è estremamente invasiva e celebra se stessa anche in funzione del poco che si può vedere dei resti romani. mi chiedo se i restauri fatti a Pompei abbiano fatto scuola, ma sembra di no.
Fabio
Il SuperEgo colpisce ancora....
Fabio
Il SuperEgo colpisce ancora....
rumianca
ma davvero serviva tutta questa roba? naturalmente va vista di persona, ma l'impressione da foto è che sia veramente invasiva.
antonio conforzi
non essendo un "Architetto" penso che queste esagerazioni del moderno su meravigliose opere antiche siano uno schiaffo alla storia, come l'ara pacis del resto......fra un pò con il supebonus 100% intonacheremo il colosseo
rumianca
ma davvero serviva tutta questa roba? naturalmente va vista di persona, ma l'impressione da foto è che sia veramente invasiva.
antonio conforzi
non essendo un "Architetto" penso che queste esagerazioni del moderno su meravigliose opere antiche siano uno schiaffo alla storia, come l'ara pacis del resto......fra un pò con il supebonus 100% intonacheremo il colosseo
rumianca
ma davvero serviva tutta questa roba? naturalmente va vista di persona, ma l'impressione da foto è che sia veramente invasiva.
rumianca
ma davvero serviva tutta questa roba? naturalmente va vista di persona, ma l'impressione da foto è che sia veramente invasiva.
rumianca
ma davvero serviva tutta questa roba? naturalmente va vista di persona, ma l'impressione da foto è che sia veramente invasiva.
Alessandra Stella
Mi sembra poco neutro, forse un po' più di umiltà non guasta a, comunque mi riservo di vederlo dal vivo, magari le foto ingannano
Alessandra Stella
Mi sembra poco neutro, forse un po' più di umiltà non guasta a, comunque mi riservo di vederlo dal vivo, magari le foto ingannano
Gianni Bollazzi
Mi sembra un intervento bellissimo ma poco neutro, l'architetto ridisegna gli spazi ma come tutte le opere architettoniche vanno viste prima di giudicare
Gianni Bollazzi
Mi sembra un intervento bellissimo ma poco neutro, l'architetto ridisegna gli spazi ma come tutte le opere architettoniche vanno viste prima di giudicare
Marzia zamboni
Intervento molto bello, congruo e rispettoso della storia: si fa esperienza immersiva. C’e una visione alta e innovativa di immergersi nella storia. Vedo in questo intervento l’approccio naturale che dovrebbe esserci tra il nuovo e l’antico. Complimenti !
Marzia zamboni
Intervento molto bello, congruo e rispettoso della storia: si fa esperienza immersiva. C’e una visione alta e innovativa di immergersi nella storia. Vedo in questo intervento l’approccio naturale che dovrebbe esserci tra il nuovo e l’antico. Complimenti !
Giovannino Tosi
È come usare la Gioconda per incartare il pesce. Il Sig. Stefano e associati dovrebbero non offendere la storia creando la propria.
Giovannino Tosi
È come usare la Gioconda per incartare il pesce. Il Sig. Stefano e associati dovrebbero non offendere la storia creando la propria.
Graziano
pur osservata di fretta, l'opera mi pare di non poco impatto. Con la luce poi mi sembra che assorba su se stesso l'interesse che invece meriterebbe sostanzialmente la Domus Aurea

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
03.08.2021
Presto a Bari un'opera di Tresoldi, lo scultore delle trasparenze
02.08.2021
Il Calderone Olimpico di Tokyo 2020 è un “sole” alimentato a idrogeno
30.07.2021
L'ampliamento del Cimitero di Frisa: un percorso sospeso sul paesaggio
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
20/08/2021 - giudecca, venezia
Cinema Galleggiante – Acque Sconosciute II Edizione

03/09/2021 - m9 - museo del ’900, venezia mestre
DRAW, LOVE, BUILD. L’architettura di Sauerbruch Hutton
Mostra
04/09/2021 - location varie. info point: via cesare correnti 14 - milano
5VIE DESIGN WEEK

� gli altri eventi
  Scheda progetto:
Stefano Boeri Architetti

Nuovo ingresso Domus Aurea

 NEWS CONCORSI
+04.08.2021
Borse di studio sul paesaggio
+02.08.2021
Rifunzionalizzazione di Palazzo Carcano a Trani
+29.07.2021
Centralità Urbane 2021
+28.07.2021
Una nuova scuola elementare a Valdaora di Sopra
+28.07.2021
Festa dell’Architett* 2021 all’insegna del New European Bauhaus
tutte le news concorsi +

ADA 2021_Apply now
ADA 2021_Apply now
BSD SpA # LIEBHERR
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata