SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Ultratop loft

Capolavori nascosti: Cité Frugès di Le Corbusier
Il quartiere di residenze sociali, ora patrimonio UNESCO, considerato troppo all'avanguardia per l'epoca
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
 Ph. © Filippo Poli Ph. © Filippo Poli
03/06/2020 - Il colorato complesso di social houseg Cité Frugès, completato nel 1924 rientra oggi tra i 17 progetti di Le Corbusier nella lista dell'UNESCO. Al momento della costruzione però, il primo piano residenziale su larga scala dell'architetto franco svizzero, non ebbe molto successo tanto che molte residenze rimasero inabitate.

All'inizio degli anni  20 l'industriale francese Henry Frugès, incantato dai principi del giovane Le Corbusier, all'epoca architetto in erba, gli commissionò la progettazione di 135 unità abitative per i dipendenti della sua fabbrica di zucchero poco fuori Bordeaux. 
Frugès chiese espressamente a Le Corbusier e di applicare i suoi principi di architettura al design, "per quanto estreme potessero essere le conseguenze".
Molti aspetti di Cité Frugès si rivelarono tipici del lavoro successivo dell'architetto. Tramite l'accostamento dei soli sette moduli progettati dall'architetto furono realizzate 50 unità. Ciò permise ai costruttori di riutilizzare la stessa cassaforma per il getto di calcestruzzo, riducendo notevolmente i costi.
Oltre ad anticipare i cinque punti architettonici su cui Le Corbusier negli anni ha fondato tutto il suo 'fare architettura', tra cui pilotis e finestre a nastro, tutte le case dispongono di terrazze sul tetto, molte delle quali sono accessibili da scale esterne. 

Nonostante le ambizioni di Frugès e Le Corbusier, il progetto non ebbe successo. L'audace architettura modernista era troppo all'avanguardia per l'epoca tanto che molti operai si rifiutarono di abitare negli appartamenti, così la maggior parte delle strutture cadde in rovina e furono abbandonate. Mentre alcuni proprietari di case hanno mantenuto e tramandato le loro proprietà, in un primo momento il valore architettonico del complesso non venne riconosciuto.

Negli anni '80, la città di Pessac acquistò una delle unità e la convertì in un museo e centro visitatori dedicato a Le Corbusier. Ciò suscitò l'interesse per gli alloggi abbandonati e le unità furono sempre più riabilitate e preservate.

Oggi, la geometria semplice e i colori pastello delle case sono tornati in auge e le proprietà sono tornete sul mercato immobiliare. Oltre ad essere sempre più popolare tra i residenti, la Cité Frugès richiama ora anche molti visitatori attratti dal suo valore architettonico.
Putroppo la policromia originale, le sperimentazioni di Le Corbusier con i verd, rossI e azzurri sulle pareti si sono raramente conservati, molte unità che hanno perso completamente i loro colori in facciata, appaiono completamente irriconoscibili, trasformati o abbandonati.

  Scheda progetto: Cité Frugès
Filippo Poli
Vedi Scheda Progetto
Filippo Poli
Vedi Scheda Progetto
Filippo Poli
Vedi Scheda Progetto
Filippo Poli
Vedi Scheda Progetto
Filippo Poli
Vedi Scheda Progetto
Filippo Poli
Vedi Scheda Progetto
Filippo Poli
Vedi Scheda Progetto
Filippo Poli
Vedi Scheda Progetto
Filippo Poli
Vedi Scheda Progetto
Filippo Poli
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
Patrizia
Tutto molto interessante e molto dispiciuta su come versa la conservazione di queste unità. Sarebbe interessante conoscerne anche il contenuto planimetrico e di sezione, qualora foste in grado di condividerli. Grazie
Michele
salve, molto interessante. Sarebbe stato interessante conoscere la pianta tipo almeno di un alloggio ed una sezione trasversale ed una longitudinale per vedere l'inserimento nel contesto altimetrico circostante.
Michele
salve, molto interessante. Sarebbe stato interessante conoscere la pianta tipo almeno di un alloggio ed una sezione trasversale ed una longitudinale per vedere l'inserimento nel contesto altimetrico circostante.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
10.07.2020
Nuova sede A Due: un 'paesaggio del lavoro'
08.07.2020
ADA 2020, la parola ai giurati: Formafantasma, Domitilla Dardi e Dimorestudio
08.07.2020
La Cantina Masseto: 'miniera' di materiale prezioso
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
08/08/2020 - ortisei, val gardena
BIENNALE GHERDËINA 7
Mostra internazionale di arte contemporanea
29/08/2020 - palazzo mora, venezia
YTAA | Young Talent Architecture Award 2020

05/09/2020 - castel dell'ovo, napoli
The Kitchen. Homage to Saint Therese
Marina Abramovic / Estasi
� gli altri eventi
  Scheda progetto:
Le Corbusier

Cité Frugès

 NEWS CONCORSI
+10.07.2020
Piazza Almerico da Schio: la piazza si fa bella!
+09.07.2020
Minturno, al via il concorso di idee per riqualificare la sponda destra del Garigliano
+08.07.2020
Go Slow 2020
+07.07.2020
Airbnb lancia un concorso ispirato al Decameron
+06.07.2020
Premi In/Architettura 2020: inizia il countdown
tutte le news concorsi +

Smart 4
Inarch 2020
Smart 4
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2020 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati