Push

Sail

RenoMatic offerta 2020

Bloom

Natural Air


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Serge Ferrari

'Resto qui, nel mio ufficio in casa'
In che modo il Coronavirus sta cambiando il concetto di ufficio tradizionale?
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
TTTH by © ASWA TTTH by © ASWA
12/03/2020 - Si svuotano gli uffici e si riempiono le case. In questi mesi critici l'epidemia di Coronavirus ha inesorabilmente accelerato l’attività da remoto, svuotato le stanze dei nostri uffici e messo in crisi il concetto di ufficio tradizionale.

Con milioni di persone in tutto il mondo che lavorano da casa a seguito delle misure di contenimento dell'epidemia da Covid-19 sempre più restrittive, la domanda risuona dalle case dei lavoratori di tutto il mondo: è questo l'inizio della fine della tradizionale tipologia di ufficio?

Dall'inizio di febbraio, milioni di impiegati cinesi lavorano da casa, mentre Amazon, Facebook, Google e Microsoft hanno ordinato ai propri dipendenti di lavorare da casa all'inizio di marzo. 
Per tutto il mese di febbraio, 77 società pubbliche sul mercato azionario globale hanno usato l'espressione 'Home working' e 'Smart working' nelle proprie comunicazioni pubbliche: in aumento rispetto alle cinque del mese precedente e molto più del precedente record di 11 segnato nel 2018.

La situazione di emergenza causata dal coronavirus non distruggerà irreversibilmente il concetto dell'abitare e del costruire i tradizionali edifici per uffici, tuttavia, stiamo inconsapevolmente assistendo ad un esperimento senza precedenti che ci costringe ad una riflessione globale sulla stretta definizione di 'luogo del lavoro' e sui pro e i contro di pratiche rivoluzionarie come il telelavoro.

Proprio in questi giorni in cui il le piattaforme social e gli streaming affermano sempre più la propria preminenza a discapito dei luoghi di incontro fisici, il rischio è quello vivere un'esperienza di lavoro individualizzata e alienante.
Ma quando - si spera il prima possibile - la crisi si sarà placata e ricominceremo a correre, quando le imprese, le città e le aziende torneranno alla 'normalità', si riprenderà con una maggiore consapevolezza di un lavoro senza barriere e di nuove modalità di organizzazione.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
luisa pieraccioni
per ogni lavoro l'importante è poter scambiare idee e consigli, discutere soluzioni , siamo obbligati a casa, anche se è una grande opportunità poter lavorare anche così mi auguro prestissimo di poter riprendere i contatti fisici con gli altri.ce la faremo purchè TUTTI siano consapevoli della gravità della situazione grazie

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
08.04.2020
ArchiWindows di Federico Babina, ad ogni architetto la sua finestra
07.04.2020
Piuarch per il nuovo edificio e campus di Fondazione Human Technopole
06.04.2020
Il Jané Winestore di External Reference e Chu Uroz
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
12/05/2020 - palazzo delle stelline, milano
Guest Lab 2ª edizione

29/05/2020 - mambo museo di arte moderna di bologna – dipartimento educativo
S-pazi. Architettura in gioco

16/06/2020 - palazzo litta | corso magenta 24, milano residenza vignale | via enrico toti 2, milano
Design Variations 2020

� gli altri eventi
 NEWS CONCORSI
+08.04.2020
Una casa sugli alberi tra i castelli della Loira
+07.04.2020
VI Premio Carlo Pucci
+06.04.2020
Limitography, i limiti dell’architettura ai tempi del Covid-19
+03.04.2020
Radicepura Garden Festival 2021
+02.04.2020
Restauro Conservativo del Ponte Musmeci
tutte le news concorsi +

New Life
Inarch 2020
Serge Ferrari
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2020 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati