Vibia Shop

Esalite

Bloom Jungle

Inarch Sponsor

Flexa Rock


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Air cleaning system

Le mani giganti di Lorenzo Quinn a Venezia
Sei monumentali paia di mani come ponte per superare le differenze
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  

13/05/2019 - Building Bridges è il più ambizioso progetto dell'artista italiano Lorenzo Quinn, inaugurato venerdì scorso in occasione della 58. Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia.

Sei monumentali paia di mani (10-12 metri di altezza e 20-30 metri di larghezza) fanno da ponte sul bacino dell'Arsenale.
Il progetto descrive sei valori universali dell'umanità - Amicizia, Fede, Aiuto, Amore, Speranza e Saggezza - ciascuno simboleggiato da mani umane che si uniscono per superare le differenze e costruire un mondo migliore.

Famosa per essere una città di connessioni grazie ai suoi canali e attraversamenti, storica base del commercio internazionale e tutt'ora come centro di scambi artistici, Venezia è il luogo ideale per diffondere un messaggio di unità che collega società, nazioni, comunità e individui attraverso la costruzione di ponti, non muri. 

Amicizia: la solennità di due mani che toccano delicatamente, ma con fermezza crea una simmetria che esprime uno stato di fiducia e sostegno, basato sull'esperienza reciproca e guardando avanti, verso un futuro insieme. 

Saggezza: l'incontro di mani giovani e anziane evoca conoscenza e comprensione attraversando generazioni. 

Aiuto: la connessione di due mani che simboleggia sia l'empatia che la comprensione in uno stato di supporto fisico, emotivo e morale che costruisce relazioni durature. 

Fede: la stretta di una piccola mano che stringe le dita di un genitore in cieca fiducia è un promemoria della responsabilità di coltivare le nostre giovani generazioni a crescere in fiducia, autostima e affidabilità.

Speranza: l'unione iniziale delle dita intrecciate rappresenta l'ottimismo per il futuro. La speranza ci dà la forza di perseverare in sforzi utili quando tutto sembra perduto.

Amore: le dita strettamente interconnesse suggeriscono l'intensità dei corpi che si aggrappano l'un l'altro nella devozione appassionata; la manifestazione fisica di uno stato dell'essere che è fondamentale per tutti noi.

"La mia arte ha sempre avuto un unico obiettivo, comunicare valori universali comuni. Condividiamo tutti gli stessi bisogni e desideri di base. Dovremmo tutti condividere gli stessi diritti sanciti nella Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo adottata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948. Building Bridges celebra i sei valori universali dell'umanità: l'amicizia, per costruire insieme il futuro; Saggezza, per prendere decisioni reciprocamente vantaggiose; Aiuto, per cementare relazioni durature; Fede, confidare nel tuo cuore e nella tua autostima; Speranza, per perseverare sforzi degni di successo; e amore, lo scopo alla base di tutto. Sei coppie di mani unite che simboleggiano i nostri bisogni e desideri comuni.?" ha dichiarato Lorenzo Quinn.


  Scheda progetto: Building Bridges
2019 Dave Benett - Courtesy of Lorenzo Quinn
Vedi Scheda Progetto
2019 Dave Benett - Courtesy of Lorenzo Quinn
Vedi Scheda Progetto
2019 Dave Benett - Courtesy of Lorenzo Quinn
Vedi Scheda Progetto
2019 Dave Benett - Courtesy of Lorenzo Quinn
Vedi Scheda Progetto
2019 Dave Benett - Courtesy of Lorenzo Quinn
Vedi Scheda Progetto
2019 Dave Benett - Courtesy of Lorenzo Quinn
Vedi Scheda Progetto
2019 Dave Benett - Courtesy of Lorenzo Quinn
Vedi Scheda Progetto
2019 Dave Benett - Courtesy of Lorenzo Quinn
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
Antonella de cristofaro
Un significativo esempio di come arte e architettura si compenetrano. Un grande plauso all'artista
Giovanni Mauro Asara
Nella simbolica semplicità ha saputo esprimere molteplici concetti. Un’opera e un inno alla speranza, che invoglia a guardare avanti.
Giovanni
In questa fase storica complessa e tormentata dove sembra prevalere l’egoismo ed affermarsi una sconsiderata voglia di chiudersi alla ricerca di una effimera affermazione di se stesso, quest’opera si contrappone prepotentemente a tutto ciò. È maestosa e semplice allo stesso tempo ed il bianco delle mani che si cercano in un bagliore di luce squarcia le tenebre. L’autore merita un grande plauso
Nicola Urbani
Architettura e arte si fondono assieme. Speriamo che in Italia aumentino questi tipi di intervento.
giovanni ippoliti
semplicemente bellissimo

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
01.06.2020
È morto a New York l’artista Christo
29.05.2020
Il sogno del Nuovo Campus KID diventa realtà
28.05.2020
Bar post pandemia: in Islanda l’aperitivo è 4.0. I cocktail? Li prepara un robot
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
03/06/2020 - complesso monumentale della pilotta, parma
FORNASETTI Theatrum Mundi

04/06/2020 - triennale di milano
Riapertura Triennale
Museo del Design Italiano e Giardino Giancarlo De Carlo
13/06/2020 - palazzo dalla rosa prati, parma
Van Gogh Multimedia & Friends
Mostra multimediale
� gli altri eventi
  Scheda progetto:
Lorenzo Quinn

Building Bridges

 NEWS CONCORSI
+28.05.2020
Next Landmark:la scadenza è fissata al 30 maggio
+27.05.2020
Rigenerazione dell’Ex Frigorifero Militare di Cuneo
+26.05.2020
Marble Bench. Residenza artistica
+25.05.2020
Giovani e arte: il riscatto delle periferie
+21.05.2020
Restauro Conservativo del Ponte Musmeci
tutte le news concorsi +

Chorus
ReStart
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2020 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati