SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Laze

Oceanix City: ecco la prima città galleggiante al mondo, presto realtà
Oceanix e BIG propongono una eco comunità sull'acqua che sfida l'aumento del livello dei mari
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
07/05/2019 - Si stima che entro il 2050, il 90% delle più grandi città del mondo dovrà combattere contro il riscaldamento globale e l'innalzamento degli oceani. La grande maggioranza delle città costiere sarà colpita dall'erosione costiera e dalle inondazioni, costringendo milioni di persone a lasciare le loro case. Uno scenario apocalittico, purtroppo considerato realistico dagli scienziati di mezzo pianeta. Per questo, un team di scienziati, ingegneri e architetti è stato chiamato a raccolta dalle Nazioni Unite. Ne è nato un progetto futuristico e al limite dell'incredibile: "Oceanix City".

Come parte della New Urban Agenda di UN-Habitat, l’azienda Oceanix e la rinomata firma di Architettura internazionale BIG - Bjarke Ingels Group propongono una visione per la prima comunità galleggiante resiliente e sostenibile al mondo per 10.000 residenti.
Progettato come ecosistema creato dall'uomo, Oceanix City è ancorato agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, canalizzando flussi di energia, acqua, cibo e rifiuti per creare un progetto per una metropoli basata sui principi dell’economia circolare.

Le città sarebbero costruite dalla somma di piattaforme esagonali, dei mini-quartieri galleggianti, ognuno con una capienza massima di 300 residenti. Gli esagoni sono considerati una delle forme architettoniche più efficenti, ispirate alle forme della natura, basti pensare all'efficentissime cellule elementari degli alveari.
L’intera città conterrebbe sei villaggi, per un totale di circa 10000 abitanti, il numero ideale per consentire all’isola la piena autonomia, producendo energia, acqua e calore, oltre a combattere la minaccia dell’innalzamento del livello del mare.
Niente palazzi alti, al massimo tra i quattro e i sette piani, per mantenere un “baricentro basso”. Tutti gli edifici sarebbero costruiti con materiali sostenibili come legno e bambù con una resistenza all'acciaio sei volte superiore, un'impronta di carbonio negativa e possono essere coltivati nei quartieri stessi. I residenti inoltre potranno facilmente camminare o navigare attraverso la città utilizzando veicoli elettrici. Il progetto prevede anche il concetto di “allevamento oceanico” che implica la coltivazione del cibo sotto la superficie dell’acqua.

Oceanix City è un modello di città pensata per crescere, trasformarsi e adattarsi organicamente nel tempo, evolvendosi da semplici quartieri a città più grandi con la possibilità di aggregarsi in maniera spontanea. Così come tutte le città galleggianti, sarebbe ormeggiata al fondo dell’oceano, ma le piattaforme potrebbero essere rimorchiate in luoghi più sicuri in caso di disastro. 
Una visione fantascientifica? Non proprio. Le prime città di Oceanix sono state già calibrate per le regioni tropicali e subtropicali più vulnerabili del mondo. Il direttore esecutivo del progetto Un-Habitat, Maimunah Mohd Sharif, ha preventivamente assicurato il supporto delle Nazioni Unite al progetto. 

  Scheda progetto: OCEANIX CITY
BIG - Bjarke Ingels Group
Vedi Scheda Progetto
BIG - Bjarke Ingels Group
Vedi Scheda Progetto
BIG - Bjarke Ingels Group
Vedi Scheda Progetto
BIG - Bjarke Ingels Group
Vedi Scheda Progetto
BIG - Bjarke Ingels Group
Vedi Scheda Progetto
BIG - Bjarke Ingels Group
Vedi Scheda Progetto
BIG - Bjarke Ingels Group
Vedi Scheda Progetto
BIG - Bjarke Ingels Group
Vedi Scheda Progetto
BIG - Bjarke Ingels Group
Vedi Scheda Progetto
BIG - Bjarke Ingels Group
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news più precisa e completa.
Commenti per questa notizia
dr.Luigi Filippo von Mehlem
beh presentai nel 1965 al Congreso Foratom di Francoforte il primo progetto di centrale elettrica galleggiante
Luigi Iavarone
Idea futuribile ma su cui vale la pena di studiare per realizzare prototipi. Le variabili sono tante tra cui le condizioni meteomarine. Ma credo che ne valga la pena. Le applicazioni potrebbero essere utilizzate anche per utilizzi turistici.
mauro fratini architetto
affascinato.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
21.05.2019
Rinnovare l’esistente e creare valore
20.05.2019
Anche Tirana avrà il suo Bosco Verticale
20.05.2019
Addio a Ieoh Ming Pei
» le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
31/05/2019 - centro storico di eboli
The Heart of Eboli 2019
Rigenerazioni urbane eco-sostenibili
07/06/2019 - complesso di san domenico maggiore vico san domenico maggiore 18, napoli
EDIT Napoli
Fiera di design
08/06/2019 - torino
Open House Torino 2019

» gli altri eventi
  Scheda progetto:
BIG - Bjarke Ingels Group

OCEANIX CITY

 NEWS CONCORSI
+24.05.2019
Al via la 2°edizione di 'Obiettivo accessibilità'
+23.05.2019
Luce Arte Colore 2019
+21.05.2019
In chiusura Moonception 2019
+20.05.2019
Eco Park Contest
+17.05.2019
Una scuola rurale per la comunità di Te Nwa ad Haiti
tutte le news concorsi +

Design Talks 2019
Design Talks 2019
Laze
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2019 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati