Premio di architettura Bigmat

T-Cross

PENELOPE 2 + DINING

Milady

Lapalma


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

T.MOON

Renzo Piano presenta il suo ponte per Genova. I disegni
"Sarà un ponte di acciaio sfavillante e limpido come una nave”
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
Ph. Shunji Ishida Ph. Shunji Ishida
19/09/2018 - Il 7 Settembre scorso l'archistar e senatore a vita Renzo Piano ha presentato in Regione il suo “dono” per Genova, un nuovo ponte che andrà a sostituire il ponte Morandi crollato il 14 agosto, trascinando con sé la vita di 43 persone. 
In Regione Renzo Piano si è portato i suoi modelli e i bassorilievi con i plastici e i disegni per illustrare alle Istituzioni il suo modello di ponte.

“Sarà un ponte bellissimo ed evocativo, un lavoro corale che rappresenterà la coesione creativa ma anche politica. Un ponte in acciaio, sfavillante e limpido come una nave, e con un’anima chiara che consenta alla città di elaborare questo pesante lutto”.

Queste le parole di Piano nel corso dell’incontro svoltosi in Regione alla presenza del governatore Giovanni Toti, del Sindaco di Genova Marco Bucci, dei vertici di Fincantieri con l’ad Giuseppe Bono e di Autostrade con l’ad Giovanni Castellucci.


 
La parola centrale è stata coralità, "è quella che serve per i lavori di progettazione e di costruzione di un ponte" – ha detto Piano – come è avvenuto in altre situazioni, ad esempio a Berlino per la costruzione della nuova Potsdamer Platz che ha visto la presenza di 5.000 operai da tutto il mondo.
 
“Questo sarà un ponte sobrio, ma non povero, sicuro e facile da mantenere che duri 1000 anni e rappresenti la città intera – ha continuato Piano – che dovrà esprimere l’orgoglio di Genova, la Superba, perché non si arrende, e aiutare a metabolizzare un lutto tremendo”.

Sulla base dei modelli presentati oggi in Regione i piloni del ponte saranno a 50 metri l’uno dall’altro, tenendo conto delle linee di costa e dei treni, e  sotto il ponte ci sarà un parco, secondo il concetto di rammendo delle periferie tanto caro all’architstar. La costruzione sarà rapida, ma non frettolosa, avrà 22 campate e 43 lanterne, a simboleggiare le 43 vittime, con 18 pilastri che assomiglieranno alla chiglia di una nave.
Tutti hanno concordato con il progetto presentato e sulla necessità di dare vita ad un piano corale e condiviso.


 
© Renzo Piano

© Renzo Piano


“Grazie a tutti coloro che hanno partecipato alla riunione e all’architetto Piano che è il protagonista della giornata – ha esordito il Presidente di Regione Liguria e commissario delegato per l’emergenza Giovanni Toti - il ponte non sarà un ponte normale, per il suo carico di dolore,  perché noi vogliamo che da questa tragedia e triste storia, possa ripartire un pezzo di futuro grande per la nostra città e il ponte lo deve impersonificare con quell’asciuttezza ligure essenziale e ricca di significato.

Il ponte dovrà ricordare le povere vittime e segnalare il rilancio della città:  da qui lo straordinario disegno e progetto di Renzo Piano donato alla città e alla Regione da qui il coinvolgimento di Fincantieri oggi presente con i suoi massimi vertici, per dire che il ponte si costruirà qui negli stabilimenti liguri, con uno studio di Ingegneria di altissima qualità; da qui la presenza di Società Autostrade titolare del ponte come prevede la concessione in vigore, dunque non appena il ponte sarà dissequestrato tornerà nella sua disponibilità.
La concessione prevede infatti che autostrade paghi il conto del cantiere e che l’architetto Renzo Piano ci metta il disegno”
.


Genova, Ph. Cristiano Zaccaria


“Inoltre - ha continuato Toti - pochi istanti fa Arcelor Mittal ha chiamato per dire che sono disponibili, con Ilva, a lavorare per fornire i migliori acciai a questo ponte, una filiera così, raramente si è vista nel nostro Paese, con una rapidità che è la stessa con cui stiamo ridando le case agli sfollati e realizzando la viabilità alternativa. Questo mi sembra l’unico modo per dare un ponte a Genova in un anno. Per questo abbiamo chiesto al Governo una Legge straordinaria per derogare al codice degli appalti”.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici
  News sull'argomento
19/12/2018
Ponte Genova: Salini-Impregilo, Fincantieri e Italferr lo costruiranno in 12 mesi
Il viadotto di 1.100 metri e 20 campate sarà ispirato al progetto di Renzo Piano che sarà supervisore dell’opera

12/12/2018
Genova, INU: ricostruire il Ponte per ricostruire la città
Lettera dell’Istituto Nazionale di Urbanistica al commissario straordinario Bucci

01/10/2018
‘I ponti invisibili’, le strutture pensate ma mai realizzate
A volte progettati, spesso solo annunciati: dal ponte sullo stretto di Messina al ‘ponte multilivello’ proposto da Toninelli per Genova


Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news più precisa e completa.
Commenti per questa notizia
francesco martinelli terni
Premettendo che quella di Piano è un'idea progettuale e non un progetto, salta agli occhi di un esperto che le pile del VIADOTTO (non del PONTE), sono appoggiate all'impalcato su due supporti minuscoli e insufficienti per le dimensioni longitudinali delle solette. Se cerchiamo al sicurezza non è questa la strada.
Gherardo Ghelardi
Il tuoIl progetto è molto bello, elegante, pulito, semplice (e non è poco). L'area dove insiste è molto varia (abitativo, produttivo, trasporti, viario, letto di un torrente, linee ferroviarie e tutto molto concentrato) e l'idea di realizzare un intervento che cerchi di "riordinare" l'assetto urbanistico complessivo che tenga conto della disomogeneità dell'area è essenziale. Tale disomogeneità (peraltro abbastanza inevitabile) potrebbe venire attenuata da un "legante": sotto al viadotto perché non inserire una pedo/ciclovia che sfiori le chiglie del progetto prevedendo "uscite" a spirale per le diverse aree sottostanti? commento max 2000 caratteri
Gherardo Ghelardi
Il progetto è molto bello, elegante, pulito, semplice (e non è poco). L'area dove insiste è molto varia (abitativo, produttivo, trasporti, viario, letto di un torrente, linee ferroviarie e tutto molto concentrato) e l'idea di realizzare un intervento che cerchi di "riordinare" l'assetto urbanistico complessivo che tenga conto della disomogeneità dell'area è essenziale. Tale disomogeneità (peraltro abbastanza inevitabile) potrebbe venire attenuata da un "legante": sotto al viadotto perché non inserire una pedo/ciclovia che sfiori le chiglie del progetto prevedendo "uscite" a spirale per le diverse aree sottostanti?
francesco martinelli ingegnere
Ripeto con estremo rispetto per il grande architetto Piano che il suo non è un ponte , ma un viadotto e come tutti i viadotti ha un impatto visivo forte . In tempi in cui si fanno ponti da 2 Km. in Italia pensiamo a un viadotto , addirittura celebrativo. La forma elegantissima della sezione è visibile solo dal progetto, ma in opera non sarà ammirata da nessuno. Rimarrà solo un viadotto banale come tutti gli altri. E per favore , sempre con tutto il rispetto, diamo agli Ingegneri la loro indiscutibile priorità di legge..i ponti facciamoli fare a loro.
DC
Sarà un ponte bellissimo ed evocativo... alla faccia della modestia... e si usa un futuro, neanche un condizionale... e tutti quelli che potrebbero dare contributi migliori (ebbene si, è possibile!), e l'economia condivisa? tutto in mano ad un solo tecnico, autoreferenziale, senza alcun tipo di concorso (ma PAGATO, non al solito AGGRATIS, che possono permettersi solo coloro che usano risorse altrui). E poi? Le linee guida sulla sostenibilità dei progetti e degli appalti? dov'è il messaggio dato? E' un progetto VECCHIO, dello scorso millennio, certo che dura 1000 anni, 950 sono già passati...
ing prof TRALDI
NON è CHE QUESTO DIA MANO LIBERA AGLI SPECULATORI E MAFIOSI BUROCRATI . COSA C'ENTRA L'INCARICO AL GIORNALISTA TOTI ?? RICOMINCIA LA TORTA ??? PAGHINO SOLO CHI LAVORA !!! GLI INGEGNERI CON ESPERIENZE SUI PONTI METALLICI E SULLE FONDAZIONI !!! BASTA RACCOMANDATI E POLITICI !! NON POTEVA ANCHE IL VECCHIO PONTE DURARE 1000 ANNI ?? NON FARE PILONI NELL'ALVEO !!

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
20.03.2019
Architetture dell'illusione. La falsa prospettiva del Borromini a Palazzo Spada
19.03.2019
Ecco come sarà il Padiglione Italia all'Expo Dubai 2020
19.03.2019
Dormire in una moderna capanna tra le foreste norvegesi
» le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
22/03/2019 - p.zza lina bo bardi, milano
MIA Photo Fair 2019 - IX edizione

22/03/2019 - palazzina reale, firenze
L’architettura rinnova le città nel tempo
Il concorso di Palazzo dei Diamanti: un’occasione perduta?
23/03/2019 - fondazione modena arti visive
Franco Fontana. Sintesi

» gli altri eventi
 NEWS CONCORSI
+21.03.2019
Al via Europan 15, il più grande concorso a scala europea
+19.03.2019
Site Mausoleum. Un luogo di introspezione in Portogallo
+18.03.2019
L'Architecture Film Award 2019
+15.03.2019
Wine&Design. Il vino e il legno si intrecciano
+14.03.2019
In chiusura il II Design Warm Contest
tutte le news concorsi +

ADA 2018
ADA 2018
T.MOON
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2019 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati