Starlight

Finestre per tetti piani

Porifera


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Color Collection

Storie di luce, silenzio e intimità nella mostra 'Aldo Amoretti – Ascoltare i luoghi'
Un’elegante retrospettiva di fotografie di architettura che cercano di tradurre ciò che i luoghi possono comunicarci
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
STORIE DI LUCE, SILENZIO E INTIMITÀ NELLA MOSTRA 'ALDO AMORETTI – ASCOLTARE I LUOGHI'
26/04/2024 - C'è tempo fino al 5 maggio per visitare, presso gli spazi espositivi della Banca d’Alba, la mostra fotografica Aldo Amoretti – Ascoltare i luoghi”.
L’evento fa parte di una serie di importanti esposizioni in preparazione del 76° Congresso Nazionale FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche) che avrà luogo proprio ad Alba dal 15 maggio al 19 maggio.
 
Quella dedicata ad Aldo Amoretti è un’elegante retrospettiva di fotografie di architettura che cercano di tradurre ciò che i luoghi possono comunicarci.
 
“Ci sono luoghi che risuonano di una voce particolare; narrano storie fatte di luce, di silenzio, di intimità. Il mio lavoro è dedicato ad ascoltare queste voci e cercare di raccontarle attraverso le immagini.” spiega il fotografo.
 
La mostra fotografica “Ascoltare i luoghi” di Aldo Amoretti si interroga su come i luoghi e le architetture possano parlare con noi e, da oggetti, diventare soggetti che raccontano la loro storia. Il percorso narrativo si articola in undici temi rappresentati ciascuno da una coppia di fotografie dell’autore che dialogano tra di loro innescando una dialettica critica, come ad esempio le due immagini della Cappella in legno di John Pawson e la Cappella di San Nicolao di Peter Zumhtor dove, come osserva Pawson, “… è la risonanza dell’abbinamento che mi commuove particolarmente: attraverso il contrappunto del legno che è visceralmente presente in ogni dettaglio delle sue venature e del suo peso, con i fantasmi arborei carbonizzati della cappella di Peter Zumthor”.
 
I luoghi sono spazi progettati da autori come Peter Zumthor, John Pawson, Alvar Aalto, Jacopo Sansovino, Aldo Rossi, Gianni Braghieri, Baukunst, Ercole Gasparini, Angelo Venturoli, Luigi Marchesini, Giuseppe Tubertini, Coriolano Monti, Dorte Mandrup, Hans Van der Laan, Peter Märkli, Buzzo Spinelli, BRH+ Barbara Brondi & Marco Rainò, Marco Ciarlo Associati, LDArchitects Luca Dolmetta, Archisbang, ma anche da autori ignoti di architetture spontanee o artisti come Giorgio Morandi.
 
La fotografia, in questo senso, diventa una lente che raccoglie le mutevoli condizioni che si intrecciano all’interno di uno spazio e diventa un momento di riflessione sulla natura più profonda dell’architettura e del paesaggio.
Come ci ricorda John Pawson “Il legame tra architettura e fotografia è intimo. … nessun archivio fotografico di un progetto finito è mai completo. Ogni immagine successiva rappresenta un nuovo portale attraverso il quale comprendere l'opera più profondamente e con maggiore chiarezza; ogni immagine porta la sua prospettiva unica: il suo punto di vista.”
 
Aldo Amoretti
Laureato in architettura al Politecnico di Milano nel 1992, Aldo Amoretti si dedica alla fotografia di architettura collaborando con diversi architetti conosciuti a livello internazionale come Peter Zumthor, BIG Bjarke Ingels Group, Snøhetta, Auer Weber, J.L Mateo, John Pawson, tra gli altri. Nel 2017 e 2019 ha vinto il premio di fotografia A+Award con le immagini dei lavori di Peter Zumthor e BIG. Nel 2018 è stato uno dei cinque finalisti del premio internazionale Architectural Photography Awards. Nel 2020 è arrivato terzo al premio IPA award nella categoria architettura.
Il suo lavoro fotografico e architettonico è pubblicato nelle principali riviste di architettura ed è stato esposto in mostre internazionali come Biennale di Venezia, La Galerie d'Architecture di Parigi, Museo Nazionale di Architettura di Oslo.
Si occupa di fotografia sociale senza scopo di lucro. I suoi recenti progetti sono Binario Morto e Siamo tutti migranti.

  Scheda evento:
Mostra:
15-19/05 BANCA D’ALBA, VIA CAVOUR 4
Aldo Amoretti – Ascoltare i luoghi



' '


' '


' '


' '


' '


' '


' '


' '


' '


' '


' '

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

ULTIME NEWS SU EVENTI
24.05.2024
Ultimo weekend della Milano Arch Week 2024
22.05.2024
Apre oggi in Triennale Milano ‘Gae Aulenti (1927-2012)’
21.05.2024
È in arrivo Open House Milano 2024
le altre news

' ',
' ',
' ',
' ',
' ',
' ',
' ',
' ',
' ',
' ',
' ',
' ',
' ',
' ',
' ',
' ',
1
2
3
4
5
6
  Scheda evento:
15-19/05 BANCA D’ALBA, VIA CAVOUR 4
Aldo Amoretti – Ascoltare i luoghi

 NEWS CONCORSI
+22.05.2024
Nuova scadenza del CREATable Resources Contest – NEXT40 edition
+14.05.2024
Napoli realizza il Nodo Intermodale Complesso di Garibaldi-Porta Est
+03.05.2024
Un Centro di Maternità in un’area rurale dell’Africa sub sahariana
+02.05.2024
I Premi Architetto/a Italiano/a e Giovane Talento dell'Architettura italiana 2024
+30.04.2024
Open call per il curatore del Padiglione Italia 2025
tutte le news concorsi +

Color Collection
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Contatti/Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit� |  Rss feed
� 2001-2024 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n�iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 � Riproduzione riservata