Rasomuro

Soluzioni bagno


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Norma

Lo Stirling Prize 2009 a Richard Rogers
Vince il progetto del Maggie's Centre di Londra
Autore: rossella calabrese
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
19/10/2009 – Nel pomeriggio dello scorso sabato 17ottobre Richard Rogers (Rogers Stirk Harbour + Partners) è stato proclamato vincitore dello Stirling Prize 2009 col progetto del Maggie's Centre di Londra.

Il prestigioso premio pari a 20.000 sterline (donate quest’anno dalla Marco Goldschmied Foundation) è attribuito dal Royal Institute of British Architects (RIBA) al progettista autore dell’opera realizzata “che ha dato il più grande contributo all'architettura britannica nell'ultimo anno". La giuria di quest’anno era composta dall’architetto Benedetta Tagliabue, Sir John Sorrell – presidente del CABE ed il designer Thomas Heatherwick.

Rogers, non è nuovo a una vittoria di tal fatta: nel 2006 l’architetto britannico vinceva lo Stirling Prize con il progetto dell’aeroporto di Barajas a Madrid. L’edizione di quest’anno ha visto concorrere il progettista con una doppia candidatura: in gara c’erano infatti anche le “Bodegas Protos” realizzate da Rogers a Valladolid (Spagna).

Gli altri 5 finalisti del premio erano Tony Fretton Architects con il “Kunstmuseum” di Fuglsang (Danimarca); BDP Architects con il masterplan “Liverpoool One” (Liverpool); Eric Parry Architects, con “5 Aldermanbury Square”(Londra) ed Allford Hall Monaghan Morris col “Kentish Town Health Centre” di Londra.

Il Maggie's Centre offre sostegno ai malati di cancro e ai loro cari, supportando i trattamenti medici convenzionali. La struttura affianca il Charing Cross Hospital e la sua architettura è stato concepita per “contrastare” quella dell’edificio dell’ospedale principale. Si tratta di un edificio 'non-istituzionale', un 'Open House' di 370 metri quadrati, al tempo stesso flessibile e adattabile, strutturata su due piani dei quali uno ammezzato.
 
L'edificio è costituito da quattro componenti: un muro di protezione, che avvolge i quattro lati della struttura; un cucina concepita come spazio centrale a tutt’altezza posto al centro dell’edificio, intesaa quale cuore simbolico e architettonico della struttura; spazi ausiliari ospitanti luoghi per l’incontro, il riposo e la consulenza medica; un 'tetto fluttuante', che sovrasta il muro esterno e cinge il centro dell’edificio. Piccoli cortili sono ricavati nelle aree tra l'edificio ed il muro di recinzione della struttura.
 
La strategia paesaggistica del progetto “cuce” assieme il Charing Cross Hospital ed il Maggie's Centre. Filari di alberi avvolgono l'edificio, filtrando l'inquinamento acustico e lo smog proveniente dall’esterno ed offrendo uno sfondo esterno verdeggiante agli utenti del Centro.
 
Nelle motivazioni ufficiali fornite dalla giuria rispetto all’individuazione del vincitore si legge: “Rogers Stirk Harbour + Partners 'Maggie's Centre eccelle da ogni punto di vista nel soddisfare il più impegnativo dei propositi: creare un santuario per i malati terminali di cancro con il committenza di Charles Jencks, la cui profonda convinzione riguardo il potere esercitato dall'architettura nel definire la nostra esperienza ha portato alla creazione di una serie di centri per la cura del cancro, monumento capace di commemorare sua moglie Maggie nel più degno dei modi. Questo rassicurante edificio è senza dubbio un rifugio per coloro ai quali sia stato diagnosticato un cancro. RogersStirk Harbour + Partners ha creato una casa-santuario del tutto informale per aiutare i pazienti a imparare a convivere con il cancro…ha realizzato un’opera architettonica senza tempo che...esprime in forma costruita compassione, sensibilità e un senso profondo della nostra comune umanità”.

In occasione della proclamazione del vincitore dello Stirling Prize 2009, il RIBA ha reso noto anche il nome del vincitore della Manser Medal, riconoscimento dedicato alle migliori architetture residenziali realizzate nel Regno Unito spettato quest'anno a Pitman Tozer Architects, autori del progetto "Gap House".
 
La piccola casa unifamiliare è stata inserita tra due edifici preesistenti. Il progetto è contraddistinto dall’impiego di tecnologie solari passive, elevati livelli di isolamento, una pompa di calore geotermica terra/terra, un sistema di raccolta delle acque piovane per la riduzione dell’impatto ambientale e rispetta il livello 4 del “Code for Sustainable Homes”, requisito raggiunto nonostante le minute dimensioni del fabbricato.

L’edificio rappresenta una casa familiare confortevole ma, al contempo, un esempio di come l'architettura sostenibile possa essere realizzata senza compromessi, su un terreno di dimensioni limitate.

  Scheda progetto: Maggie’s Centre London
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
  Scheda progetto: Fuglsang Kunstmuseum
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
  Scheda progetto: Liverpool One Masterplan
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
  Scheda progetto: Bodegas Protos
Vedi Scheda Progetto
Courtesy of Bodegas Protos
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Courtesy of Bodegas Protos
Vedi Scheda Progetto
Courtesy of Bodegas Protos
Vedi Scheda Progetto
Courtesy of Bodegas Protos
Vedi Scheda Progetto
Courtesy of Bodegas Protos
Vedi Scheda Progetto
Courtesy of Bodegas Protos
Vedi Scheda Progetto
Courtesy of Bodegas Protos
Vedi Scheda Progetto
Courtesy of Bodegas Protos
Vedi Scheda Progetto
  Scheda progetto: Kentish Town Health Centre
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
  Scheda progetto: 5 Aldermanbury Square
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
  News sull'argomento
26/07/2010
Stirling Prize 2010: tra i finalisti Hadid e Chipperfield
Nella shortlist il MAXXI di Roma e il Neues Museum di Berlino

21/05/2010
Svelati i progetti di sette nuovi Maggie’s Centre
La firma di Rem Koolhaas per il secondo centro a Glasgow

18/09/2009
Manser Medal 2009: il RIBA svela i nomi dei 5 finalisti
Un premio per le migliori architetture residenziali UK

27/07/2009
Annunciati i 6 finalisti dello Stirling Prize 2009
Rogers ottiene 2 nomination


Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU RISULTATI
10.03.2011
Young Architects Program MAXXI: vincono i romani stARTT
02.03.2011
Areale ferroviario di Bolzano: vince il team di Boris Podrecca
28.02.2011
'Progetto in evoluzione. Giò Ponti e Villa Favorita a Valdagno': gli esiti del concorso
� le altre news

  Scheda progetto:
Rogers Stirk Harbour & Partners

Maggie’s Centre London
  Scheda progetto:
Tony Fretton Architects

Fuglsang Kunstmuseum
  Scheda progetto:
BDP

Liverpool One Masterplan
  Scheda progetto:
Rogers Stirk Harbour & Partners

Bodegas Protos
  Scheda progetto:
Allford Hall Monaghan Morris

Kentish Town Health Centre
  Scheda progetto:
Eric Parry Architects

5 Aldermanbury Square

 NEWS CONCORSI
+06.05.2021
Countdown per 'Images Gibellina'
+05.05.2021
Ristrutturazione urbanistica polo scolastico a Falconara Marittima
+05.05.2021
All Around Work
+04.05.2021
L’Arc de Triomphe, Wrapped: la open call per partecipare al progetto
+03.05.2021
'Royal Tour': tempo fino al 10 maggio per candidarsi
tutte le news concorsi +

Monochrome collections
ADA 2021_Apply now
Norma
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 © Riproduzione riservata