Orgatec Cologne Biennale Interieur Kortrijk

Rococò POP


ARTY&BORD


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE CERSAIE
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Rifra Kitchen

Barcellona: il trionfo del MAXXI
'Miglior edificio del 2010' al World Architecture Festival
Autore: miriam de candia
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  

11/1072010 - "E' un edificio che si relaziona in modo vivace con i volumi della città. E' come un Guggenheim srotolato in percorsi di spazio continuo (…) un edificio di cui si parlerà ancora nella storia dell’architettura dei prossimi 50 anni". Sono queste le motivazione fornite dal panel di giurati del WAF World Architecture Festival di Barcellona, presieduta da Paul Finch, che, lo scorso 5 novembre ha proclamato il MAXXI, progettato da Zaha Hadid Architects, “miglior edificio dell’anno 2010”.

Nella shortlist del premio c'erano anche la Winspear Opera House (Usa) di Norman Foster ed il Grand Canal Theatre (Irlanda) di Daniel Liberskind.

Dopo lo Stirling Prize del RIBA, il prestigioso premio assegnato lo scorso 2 ottobre dal Royal Institute of British Architects, si aggiunge dunque un altro importante riconoscimento internazionale. Durante la cerimonia di premiazione del WAF, Gianluca Racana (Zaha Hadid Architects) direttore di progetto per il MAXXI, ha espresso la soddisfazione per il riconoscimento ricevuto dopo tanti anni di duro lavoro e per il giudizio positivo espresso dalla commissione del Premio. L’architetto ha proseguito esprimendo la sua personale soddisfazione per aver realizzato l'edificio nonostante tutte le difficoltà legate alla burocrazia e alla carenza di fondi pubblici a servizio della cultura in Italia.

“Questo premio è per noi motivo di grande soddisfazione e conferma ancora una volta il grande impatto di questo edificio, che proietta Roma verso il futuro – ha commentato Pio Baldi, presidente della Fondazione Maxxi -. Il museo vuole essere un punto di incontro, di comunicazione, di scoperta, un luogo di attrazione della creatività contemporanea che da qui si irradi, proprio come le gallerie del museo che si “srotolano” nella città”.

Il Museo occupa una superficie pari a circa 26mila mq – ed è articolato nelle due istituzioni MAXXI arte e MAXXI architettura, aventi in comune spazi e risorse per le attività culturali, spazi per le esposizioni temporanee, per gli eventi dal vivo, spazi per la produzione e la sperimentazione e spazi di intrattenimento e attività commerciali, oltre alla presenza di zone destinate all’accoglienza, al bookshop, al ristoranti e alle caffetterie, auditorium, sale riunioni, parcheggi.

La coniugazione dei due musei è realizzata attraverso profili innovativi che sembrano rincorrersi in un percorso che rifiuta la linearità. Il complesso architettonico è caratterizzato da forme curve, realizzate con strutture in cemento armato faccia a vista, vetro e acciaio, che si intersecano a sbalzo su piani sovrapposti fino a disegnare una sorta di L.

“L’idea alla base del progetto – dichiarava qualche tempo fa la Hadid - è quella di movimento, un movimento generato da linee di forza che, sovrapponendosi, creano diversi livelli. Lo stesso sito, con la sua forma a L, suggerisce e scaturisce queste linee di forza, dando vita a spazi interni ed esterni che si intersecano, senza rinunciare alla robustezza dell'edificio”.

Hadid ha concepito il MAXXI come un “campus urbano aperto alla circolazione pubblica”; un mondo nel quale tuffarsi piuttosto che un edificio come oggetto firmato.

Sviluppato su tre livelli, il Museo integra arte ed architettura in volumi articolati coperti da un tetto esclusivamente in vetro; elemento progettato come filtro per un uso modulato e zenitale della luce naturale, ma anche come punto di unione tra interno ed esterno. Una serie di ponti collega i tre livelli dell’edificio. Intorno ad una grande hall di accoglienza a tutt’altezza ruotano i vari spazi commerciali, la caffetteria, i servizi didattici, i laboratori di conservazione e restauro, le sale per eventi dal vivo e convegni.

L’idea progettuale è la creazione di uno spazio che non si esaurisca in un percorso lineare, ma si presenti come una complessa rete di connessioni. II progetto identifica infatti una serie di percorsi che si snodano all’interno delle gallerie quasi negando al visitatore di tornare sui propri passi.

Flessibilità e controllo delle condizioni ambientali sono le caratteristiche architettoniche di questi spazi. Le diverse suite sono infatti suddivisibili con pannelli espositivi mobili che consentono di mutare la natura stessa del luogo a seconda delle esigenze museali che volta per volta si presentano.
 


  Scheda progetto: MAXXI
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
  Scheda progetto: Margot and Bill Winspear Opera House
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
  Scheda progetto: Grand Canal Square Theatre and Commercial Development
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
  News sull'argomento
02/03/2011
L'architettura che ti piace©
Al MAXXI la mostra-evento con le opere più amate dell'ultimo decennio


Inserisci un commento alla News

Non hai un account Facebook?Clicca qui Utilizza il mio account Facebook

ULTIME NEWS SU RISULTATI
10.03.2011
Young Architects Program MAXXI: vincono i romani stARTT
02.03.2011
Areale ferroviario di Bolzano: vince il team di Boris Podrecca
28.02.2011
'Progetto in evoluzione. Giò Ponti e Villa Favorita a Valdagno': gli esiti del concorso
» le altre news


  Scheda progetto:
Zaha Hadid Architects

MAXXI
  Scheda progetto:
Foster + Partners

Margot and Bill Winspear Opera House
  Scheda progetto:
Studio Daniel Libeskind

Grand Canal Square Theatre and Commercial Development

 NEWS CONCORSI
+26.11.2014
Ad Amalfi il concorso per riqualificare Piazza Municipio
+25.11.2014
'Un carattere in piazza': il concorso per under40
+24.11.2014
Sotto il viadotto e G124 lanciano 'Periferie Possibili'
+21.11.2014
La foresta in una stanza: il concorso di Fsc® Italia
+20.11.2014
Ricostruzione del Bivacco F.lli Fanton sulle Marmarole
tutte le news concorsi +



Casalgrande Padana Grand Prix
Condizioni generali | Informativa Privacy | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2005-2014 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 - Tutti i diritti riservati