Platek

Profilitec

Cuba

Finstral

GD Arredamenti


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Riflessi

Podere in Etruria: cartolina da un interno
na3 'immortala' una visione del passato, del presente e del futuro
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  

13/03/2018 - “La cartolina è un fermo-immagine, di viaggio, di luogo, di vita, di movimento. Scelta con cura si lascia osservare e meditare. È una rappresentazione interposta, una soglia, tra la visione e il vissuto. Questo è il ridisegno di un podere, una cartolina dall’Etruria Meridionale. È qui che siamo immersi, in un terreno di circa diecimila metri quadri, impregnati di storia”. Esordisce così Nicola Auciello di na3 nel descrivere il suo progetto del Podere a Cerveteri.

“Il collegamento tra le immagini dell’architettura e quelle di una camera cinematografica in movimento mi è spesso naturale (in anglosassone 'camera' vuol dire cinepresa, esatta metafora di 'stanza con vista'): entrambe le scritture partono da un foglio o un telo bianco, l’azione e il movimento sono intrinsechi, ma successivi.

Le case narrano avvenimenti di andirivieni, in crescendo, che intensificandosi si snodano e a volte si dissipano.

Questo è un lavoro per una famiglia di cinque persone che ingloba una visione del passato, del presente e del futuro. Tutt’assieme. Un viaggio che coinvolge in profondità e interpella il senso di casa, di consuetudini, di appartenenza e di identità culturale. Qui possiamo davvero viaggiare.

Questa casa stessa, di 250 mq, è fatta di strati, di visuali, di attraversamenti, aperture e chiusure che sono i 'viaggi dell’abitare'. La casa si muove. Proiectus vuol dire andare oltre. Ma per andare oltre è necessario tornare indietro. Il rewind dunque è obbligatorio.

Punto di partenza è stato riavvolgere la bobina, tracciando una mappa del passato, rivisitando luoghi noti e meno del paesaggio, lasciati, trovati, disgiunti e uniti poi riproiettati in avanti . Disegnare una casa tramite gli stessi tracciati, legati ad una storia e cartografia locale è possibile? Può un interno, come una vitis vinifera, aver assorbito la sua forza e il suo essere dal terreno su cui poggia? SI.

Questo interno riporta le forme basiche - la capanna - e i colori primari di un popolo: il rosso, che emerge da terra, l’ocra, il celeste polvere e il nero, lasciati liberamente nell’attraversare ogni spazio con prospettive, viste e inquadrature. Perché gli interni sono una faccenda dei sensi, essi non sono ignari del nostro passaggio e gli restituiscono significato”.


  Scheda progetto: Podere in Etruria
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

Non hai un account Facebook?Clicca qui Utilizza il mio account Facebook
  Scheda progetto:
NA3 - Architetti

Podere in Etruria

 NEWS CONCORSI
+26.09.2018
Recupero delle strutture delle ex-saline Molentargius
+25.09.2018
GEWISS e Desall lanciano 'Switch On Design'
+24.09.2018
Tre nuove biblioteche per Madrid
+21.09.2018
Un’opera d'arte ispirata al genio di Leonardo da Vinci
+20.09.2018
Resilient Homes Design Challenge
tutte le news concorsi +

Harmony
ADA 2018
Riflessi
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2018 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati