GD Arredamenti

Finstral

Cuba

Platek

Profilitec


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Riflessi

Cucinella cura un lungo 'viaggio' attraverso l’Arcipelago Italia
Il Padiglione Italia alla Biennale 2018 non sarà solo una mostra di opere e progetti
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
Render Tesa 2, Sala dell’Arcipelago – Staff Mario Cucinella

22/02/2018 - Per come è stato concepito, il nuovo Padiglione Italia alla 16. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia potrebbe sembrare una riedizione contemporanea dell'opera "Viaggio in Italia" con cui, nel 1816, Goethe descriveva il suo Grand Tour da Trento a Palermo.

"Arcipelago Italia. Progetti per il futuro dei territori interni del Paese”, questo il titolo del Padiglione 2018 curato da Mario Cucinella, concentra la sua attenzione sullo spazio urbano che corre lungo la dorsale italiana, dall’Arco Alpino, lungo l’Appennino, sino nel Mediterraneo. Un itinerario con un centinaio di tappe suggerite da piccole architetture di qualità realizzate negli ultimi anni e frutto di una call promossa dal curatore, in dialogo con esempi tratti dalla storia, nella relazione tra architettura e paesaggio; un viaggio verso il futuro indagando lo stato di fatto e proponendo una riflessione su temi di attualità come le periferie, il post terremoto, le aree dismesse, gli scali ferroviari e la mobilità; cinque progetti sperimentali in altrettante aree del Paese.

Il Padiglione Italia alla Biennale Architettura 2018 non sarà solo un’esposizione di opere, progetti e buone pratiche: vuole essere un’opportunità per questo Paese, una riflessione di respiro internazionale utile alle comunità di questi luoghi e in fine una ricerca applicata per trasformare l’analisi in proposte concrete.

Il curatore Mario Cucinella ha coinvolto in questa sfida un collettivo interdisciplinare con architetti, urbanisti, esperti della progettazione partecipata, fotografi, rappresentanti delle università locali ed altri consulenti, chiedendo loro di lavorare su cinque aree strategiche per il rilancio dei territori interni del Paese, attraverso lo sviluppo di progetti sperimentali che possano diventare strumento di discussione e ausilio anche per comunità e amministratori locali. L’obiettivo è quello di contribuire a definire le opportunità dei territori mediante l’architettura, fornendo esempi di un possibile approccio metodologico per una visione futura del Paese. Gli esiti di questo processo saranno raccontati nell’ambito del Padiglione Italia 2018.

Le cinque aree strategiche individuate, in cui sono state avviate nelle scorse settimane attività di coinvolgimento con cittadini e stakeholder e iniziative specifiche, sono:
- la Barbagia con la piana di Ottana, nella regione centrale della Sardegna che si estende lungo i fianchi del massiccio del Gennargentu;
- la Valle del Belice con focus su Gibellina, nella Sicilia occidentale in provincia di Trapani;
- Matera nella sua relazione con la Valle del Basento;
- il Cratere e Camerino con la zona dell’Italia Centrale colpita dal terremoto del 2016;
- l’Appennino Tosco-Emiliano con particolare attenzione al Parco delle Foreste Casentinesi.

ARCIPELAGO ITALIA presenta l’Italia delle mille piccole città, fatta di centri e borghi delle aree interne del nostro territorio, l’Italia della qualità della vita, della bellezza, dei saperi, dove le persone, con le loro conoscenze e competenze, sono la risorsa principale del territorio. Inoltre ARCIPELAGO ITALIA ha il pregio di mantenere alta l’attenzione della comunità internazionale sui luoghi dell’Italia centrale colpiti dal sisma e sulla sfida della ricostruzione e della valorizzazione dell’intero Appennino” dichiara Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

“Il Padiglione Italia curato dall’architetto Mario Cucinella per la 16. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia offre uno spunto interessante. L’Italia e` una realtà composita non caratterizzata da grandi metropoli, ma da arcipelaghi di luoghi di varie dimensioni e densità, centri storici, citta` grandi, periferie, luoghi agricoli, citta` minori, borghi, un tessuto di entità distinte ma continuo, che chiede a gran voce di essere considerato come terreno variegato, sul quale si manifesti senza gerarchie la nostra capacita` di vivificare. Si inserisce bene nel contesto della Mostra Internazionale, che ha come titolo “Freespace”, in quanto non rappresenta semplicemente un nuovo motivo di compiacimento per l’eredita` del passato, ma perché contribuisce a inquadrare meglio le caratteristiche del nostro spazio abitato, sul quale vorremmo vedere l’architettura all’opera per le necessarie sue continue rigenerazioni, vero terreno di cimento per la nostra civiltà presente, tema ineludibile del nostro immediato futuro” commenta Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia.

Un sinuoso spazio oscuro che può essere visto non solo come un insieme di territori interni, ma come una grande terra di mezzo incorniciata tra le città dell’Adriatico e del Tirreno, come un molo proteso nel Mediterraneo, dove la tradizionale contrapposizione tra Nord e Sud si smaterializza davanti a quello che possiamo definire come ARCIPELAGO ITALIA. Queste aree, spazialmente e temporalmente lontane dai centri di servizio essenziali, sono detentrici di un patrimonio naturalistico e culturale inestimabile, fattore che, unito alla loro estensione territoriale, ci ha spinto a considerarne il rilancio come un tema altamente strategico per il nostro Paese” spiega Mario Cucinella, curatore del Padiglione Italia alla Biennale Architettura 2018.

Il progetto di allestimento del Padiglione Italia è stato immaginato come un lungo viaggio attraverso l’ARCIPELAGO ITALIA. L’obiettivo è quello di trasmettere ai visitatori l’anima di questi luoghi, coinvolgendoli attraverso un racconto suggestivo e inclusivo, che si snoda attraverso un percorso di conoscenza tra presente e passato e sfocia nell’indagine di possibili scenari futuri.

Lo sviluppo delle proposte è stato affidato ad un collettivo di architettura (scelto e coordinato da Mario Cucinella), il cui compito è quello di affrontare le cinque sfide progettuali in maniera sinergica. Gli studi di architettura coinvolti, una nuova generazione di professionisti, in parte legati a quei territori, in parte individuati per il loro talento e la loro capacità, sono: AM3 Architettura, BDR Bureau, Diverserighe Studio, Gravalos Di Monte Arquitectos, Modus Architects, Solinas Serra Architects.


  Scheda progetto: Arcipelago Italia. Progetti per il futuro dei territori interni del Paese
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
  News sull'argomento
05/03/2018
Marche, in arrivo 11,4 milioni di euro per i piccoli borghi
Pronto il bando per la riqualificazione di centri storici e borghi rurali


Inserisci un commento alla News

Non hai un account Facebook?Clicca qui Utilizza il mio account Facebook
Render Tesa 1, Sala degli itinerari – Staff Mario Cucinella
Conferenza Stampa di presentazione - 20 febbraio 2018
Conferenza Stampa di presentazione - 20 febbraio 2018
Conferenza Stampa di presentazione - 20 febbraio 2018
1
2
  Scheda progetto:
Mario Cucinella

Arcipelago Italia. Progetti per il futuro dei territori interni del Paese

 NEWS CONCORSI
+24.09.2018
Tre nuove biblioteche per Madrid
+21.09.2018
Un’opera d'arte ispirata al genio di Leonardo da Vinci
+20.09.2018
Resilient Homes Design Challenge
+19.09.2018
Il Premio Arte Laguna Prize apre al design
+18.09.2018
ReThinking lancia "Tokyo Parking tower"
tutte le news concorsi +

Harmony
ADA 2018
CHRONO 38/44
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2018 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati